Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse

Collapse OS terrà in vita la tecnologia dopo la fine del mondo come lo conosciamo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-10-2019]

collapse os fallout

Con tutte le funeste predizione di imminente fine del mondo - o almeno dell'attuale modo di vivere - c'è chi pensa che non sia per nulla una cattiva idea prepararsi sin da ora ad affrontare uno scenario post-apocalittico.

Tra costoro c'è Virgil Drupas, uno sviluppatore convinto che «la filiera globale collasserà prima del 2030» e che, pertanto, «non saremo più in grado di produrre la maggior parte dei dispositivi elettronici, poiché essi dipendono da una filiera molto complessa che non riusciremo a ricostituire per decenni (o mai più?)».

Gli apparecchi elettronici che saranno in funzione al momento della "fine del mondo" a un certo punto si guasteranno - prevede Drupas - e, persa la possibilità di costruirne di nuovi altrettanto complessi, l'unica soluzione sarà setacciare la spazzatura in cerca di componenti recuperabili. Quindi bisognerà attrezzarli con un software tutto sommato semplice ma che ne consenta un utilizzo produttivo.

Questo software è Collapse OS un sistema operativo - un kernel e alcuni programmi - scritto per il microprocessore a 8 bit Z80, diffusissimo una quarantina d'anni fa negli home computer e ancora oggi sorprendentemente presente.

Drupas spiega di aver scelto lo Z80 come fulcro del suo progetto di ricostruzione tecnologica proprio perché questo vecchio e lentissimo - per gli standard attuali, ma non per quelli post-apocalittici - processore è ancora adoperato in una gran varietà di dispositivi (quindi ci sono speranze di ritrovarne dopo il disastro), perché è tutto sommato semplice (ha 9.000 transistor contro i milioni presenti nelle CPU moderne), quindi ci si può ragionevolmente aspettare di riuscire a riprodurlo anche con mezzi limitati.

Collapse OS, il cui codice è disponibile su GitHub, supporta le schede SD, offre un editor di testo ed è stato scritto per essere estremamente flessibile, dato che dovrà adattarsi a un'imprevedibile varietà di situazioni.

È un progetto open source, richiede pochissime risorse per essere compilato e si può dare vita a una versione di Collapse OS all'interno di una macchina dotata del medesimo sistema.

Allo stato attuale funziona sicuramente su RC2014, un computer assemblato e modulare basato appunto sul microprocessore Z80, ma anche sulle console Sega Master System e Sega Mega Drive.

«Lo sto facendo per ridurre un rischio che io credo essere reale» spiega Drupas. «Non ineluttabile, ma sufficientemente probabile da meritare un certo impegno».

Chi condividesse le preoccupazioni di Drupas può contribuire al progetto seguendo le indicazioni presenti nella pagina web che illustra la roadmap dello sviluppo di Collapse OS.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
GitHub, progetti open source in salvo tra i ghiacci dell'Artico
Il microprocessore compie 40 anni
30 anni fa Osborne 1, il primo portatile
33 anni fa nasceva il microprocessore
La Ram e l'illusione della risorsa infinita

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

e io che ho scritto? :? Leggi tutto
15-10-2019 11:10

E' confortante che qualcuno abbia capito di cosa si sta parlando in questo articolo. In pratica il progetto si pone sulla stessa linea del movimento della transizione[/url] e di [url=http://forum.zeusnews.com/link/673765]open source ecology. Leggi tutto
15-10-2019 00:14

@sverx 8086 era a 16 bit
14-10-2019 19:46

Nemmeno. Gli Intel 8086/8088 sono processori a 16 bit (e a indirizzamento a 20 bit) che hanno nel set di istruzioni operazioni 'complesse' come moltiplicazione e divisione (su numeri interi). Lo Zilog Z80 è un processore a 8 bit (a indirizzamento a 16 bit) che non ha nessuna delle due. :roll: :roll: Leggi tutto
14-10-2019 18:21

L'idea di base del progetto di Drupas non è creare l'ennesimo OS per personal computer vintage. Collapse OS dovrà funzionare su microcomputer che ancora non esistono, che verranno assemblati partendo dalla spazzatura tecnologica (non solo informatica). Questi "computer" verranno usati per interfacciarsi in modo semplice con... Leggi tutto
14-10-2019 13:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2263 voti)
Gennaio 2020
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Tutti gli Arretrati


web metrics