Rete unica, il Recovery Plan mette i bastoni tra le ruote a Tim

Cassa Depositi e Prestiti potrebbe però salvare il progetto, senza mettere in imbarazzo il governo davanti a Bruxelles.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-05-2021]

rete unica tim cdp recovery plan

Nelle prime settimane di maggio, il titolo Tim in Borsa ha subito un discreto calo.

Il motivo? Nell'edizione definitiva del Recovery Plan inviata da Draghi a Bruxelles sarebbe sparito, nel fondamentale capitolo dedicato alla cablatura dell'intero Paese e all'accelerazione della digitalizzazione, ogni riferimento a una società unica della Rete guidata da Tim.

Non poteva essere diversamente: le autorità europee avevano fatto sapere da tempo che non vedevano di buon occhio un impegno diretto del governo italiano a favore di una soluzione che prevedesse una rete unica gestita da Tim.

Evitando di citare tale possibilità nel documento, il governo ha così scongiurato un difficile scontro con Bruxelles, in un momento peraltro tanto delicato e cruciale.

Non ci sarà alcun impegno diretto della politica, quindi, ma niente proibisce a Tim, un soggetto privato, di continuare nella costruzione finanziaria, gestionale, e operativa della società per la rete unica, come ha affermato di voler fare l'amministratore delegato Luigi Gubitosi.

A complicare la situazione c'è poi la recente uscita di Enel da Open Fiber, di cui deteneva il 50%. Resta, però, la Cassa Depositi e Prestiti, controllata dallo Stato e presente anche in TIM, dove figura fra gli azionisti più pesanti.

Solo un'eventuale uscita di CDP dal capitale di Tim potrebbe segnare davvero la fine del progetto di rete unica; la sua importante presenza nella compagine azionaria è invece un chiaro indizio circa l'intento del governo Draghi di favorirlo indirettamente e senza creare controversie sul ruolo diretto dello Stato, oltre che di non rinunciare a Tim.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
TIM, parte da Trento l'addio al rame in favore della fibra
Draghi, forti ostacoli sul progetto di rete unica
Telco italiane verso la firma del contratto
Tim: ''Faremo il 5G anche senza Huawei''
Fusione Tim e Open Fiber, l'Europa non può che approvare
Tim, trovato l’accordo per la società per la rete unica
Poste Italiane porterà la fibra a case e aziende
Tim, gli azionisti vogliono una rete unica per la fibra
Tim, i piccoli azionisti vogliono la fibra ma l'azienda pensa al 5G
L'offerta 5G di Tim
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Telecom Italia, gli esuberi del personale frenano la fibra ottica
Digitale terrestre e digital divide

Commenti all'articolo (3)

Più o meno, solo un pelino più defilata. Leggi tutto
15-5-2021 14:24

{gino}
@Giovanni56, direi di si, visto l'andazzo. Ma naturalmente con la consueta inefficienza e il consueto clientelismo italiano, che la rendono molto diversa dal suo omologo tedesco.
13-5-2021 15:17

in sostanza Cassa Depositi e Prestiti è diventata la nuova IRI ...
13-5-2021 05:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre più attacchi automatizzati verso i server anziché verso gli individui.
Gli attacchi sono più globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore è sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre più veloci.
I tentativi di transazioni sono più estesi e più elevati.
Gli attacchi sono più difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1555 voti)
Giugno 2021
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Android 12: veloce, attento alla privacy e personalizzabile
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 giugno


web metrics