Il portafogli digitale UE: documenti, password e sistemi di pagamento

Permetterà di accedere ai servizi pubblici e privati in tutta l'Unione Europea.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-06-2021]

ue portafogli digitale

Secondo quanto riporta il Financial Times, la UE sta lavorando al progetto di un'identità digitale che sarà valida in tutti i Paesi membri dell'Unione.

Oggigiorno diversi Stati hanno un proprio sistema di "identità digitale": in Italia per esempio abbiamo lo SPID, che proprio negli ultimi tempi ha visto aumentare notevolmente il numero di utenti in quanto utilizzato per accedere ai servizi tramite i quali richiedere i "ristori" per le varie occupazioni costrette a sospendere l'attività lavorativa durante il lockdown.

Il portafoglio digitale europeo punta però a essere più ambizioso: sarà un'app tramite la quale accedere a tutti i documenti ufficiali (come la patente o la carta d'identità) anche tramite sistemi biometrici come la scansione della retina o dell'impronta digitale e, in prospettiva, consentirà l'accesso a servizi non soltanto pubblici ma anche privati.

Inoltre, conterrà anche i dettagli utili per effettuare i pagamenti e permetterà di memorizzare al suo interno le password necessarie: potrà quindi essere per esempio adoperato - nelle intenzioni dei suoi proponenti - per pagare una bolletta semplicemente appoggiando il dito sul sensore dello smartphone, o per noleggiare un'auto con la stessa facilità e gli stessi tempi rapidi.

«La nuova identità digitale porgerà a ogni cittadino europeo le chiavi al proprio gemello digitale» commenta Thierry Breton, Commissario europeo per il mercato interno e i servizi.

Chiaramente, tutte queste potenzialità riunite in un unico servizio pongono seri problemi di sicurezza. Breton afferma che il portafogli digitale europeo sarà assolutamente sicuro e sarà strutturato in maniera tale da impedire alle aziende l'accesso ai dati degli utenti per fini che vadano al di là dell'interazione decisa dagli utenti stessi, come il marketing e le attività di profilazione.

I tempi di realizzazione dell'intero sistema prevedibilmente non saranno brevi; inoltre ogni Stato deciderà come implementare la proposta europea, anche se ovviamente all'interno di un quadro di interoperabilità, affinché le operazioni per il cittadino siano del tutto trasparenti all'interno dell'Unione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Cerca un sicario nel dark web per sfregiare la fidanzata
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Phishing: accedere sfruttando l'ingegneria sociale
Monitorare la vostra salute? Ok. Farsi rubare i dati, no
Spid, ok del Garante privacy al riconoscimento senza operatore
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Direi peggio se possibile... Leggi tutto
6-6-2021 17:10

Ah su questo, purtroppo, ho assai pochi dubbi come del resto ho ben pochi dubbi anche sulla sua intrinseca insicurezza... :roll: Leggi tutto
6-6-2021 17:09

Il mio giudizio, su questa identitÓ digitale europea, Ŕ lo stesso che Fantozzi ha espresso riguardo il film La Corazzata Potemkin...
5-6-2021 21:21

{utente anonimo}
@Gladiator Il problema non è se sarà assolutamente sicuro o no, la risposta la sappiamo tutti. Il problema è che lo faranno lo stesso, nonostante i pareri contrari.
5-6-2021 15:52

Francamente mi sembrano le solite affermazioni roboanti e pretenziose destituite di ogni fondamento tecnico sensato aventi il solo scopo di far proseliti. Ho serissimi dubbi che una cosa del genere possa funzionare in maniera assolutamente sicura e senza sorprese e credo che di esempi che giustificano i miei dubbi ce ne siano a bizzeffe. Leggi tutto
5-6-2021 15:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (4711 voti)
Giugno 2021
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Android 12: veloce, attento alla privacy e personalizzabile
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 giugno


web metrics