Google Workspace diventa gratuito per tutti

Non serve più un account aziendale per accedere agli strumenti di collaborazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-06-2021]

google workspace gratis

Fino a ieri, chiunque avesse un account Google poteva usare liberamente tutta una serie di web application per sostituire o affiancare i software da ufficio: elaboratore di testi, foglio di calcolo, software per le presentazioni offrivano gratuitamente molte funzioni basilari.

In aggiunta a questi c'era l'offerta per le aziende: l'insieme di quei programmi e altri servizi costituiva la G Suite - poi ribattezzata Google Workspace - e, a fronte di un canone periodico, offriva funzionalità avanzate, come gli strumenti di collaborazione.

Ora questa divisione sta per scomparire. Google ha infatti intenzione di rendere accessibile a tutti Workspace, senza limiti e senza pagare: anche chi dispone di un account gratuito potrò utilizzare le applicazioni e avere a disposizione il livello di integrazione tra esse prima appannaggio esclusivo di chi aveva un account aziendale.

Svaniscono quindi tutte le opzioni a pagamento? Non ancora. Google ha in cantiere un'offerta definita premium, il cui canone ancora non è stato specificato, che includerà servizi di prenotazione, videoconferenze di livello professionale e altro: sarà disponibile nel corso dell'anno in Stati Uniti, Canada, Messico, Australia, Brasile e Giappone.

Chi volesse utilizzare le funzionalità di Workspace dovrà abbandonare il servizio di messaggistica Hangout e adottare il più recente Google Chat, anch'esso finora disponibile solo agli utenti paganti. Una volta che Google Chat sarà stato abilitato, saranno visibili alcune modifiche all'interfaccia.

Al momento in cui scriviamo, Workspace non è ancora disponibile nella nuova versione gratuita in tutto il mondo, ma la modifica dovrebbe raggiungere a breve tutti gli utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google Apps adesso gestisce i Powerpoint

Commenti all'articolo (3)

@Cesco67 Hai ragione è solo che sono della vecchia scuola del Divo Giulio: a pensar male si fa peccato... con quello che ne segue. :wink:
17-6-2021 19:21

@Gladiator Questa è una chiara azione di beneficenza Sempre a pensare male quando un'azienda offre qualcosa senza chiedere soldi in cambio... :twisted:
17-6-2021 19:17

Che sia per accaparrarsi ulteriori dati degli utenti????
17-6-2021 18:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2739 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics