Hacker sbadati si infettano col loro stesso malware

Malwarebytes ne approfitta per raccogliere più informazioni possibile.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-01-2022]

patchwork rat ragnatela infettano se stessi

Come abbiamo già avuto modo di dire, anche per fare i criminali informatici è necessario possedere talento e attenzione ai dettagli.

In caso contrario si verificano incidenti come quello accaduto al gruppo indiano Patchwork, che dal 2015 si diletta nel compromettere i PC altrui installando all'insaputa degli utenti malware che consentono il controllo da remoto generalmente noti come RAT (Remote Access Trojan).

Come spiega Malwarebytes, negli ultimi due mesi dello scorso anno Patchwork ha condotto una campagna d'infezione tramite file RTF contenenti una variante del RAT Badnews nota come Ragnatela.

Ciò che è particolarmente interessante è che, oltre alle solite vittime di Patchwork (per lo più enti governativi e istituzioni educative del Pakistan) a cadere vittima di Ragnatela stavolta è stata la macchina stessa sulla quale il RAT è stato sviluppato.

Grazie a questa distrazione Malwarebytes ha potuto raccogliere tutta una serie di informazioni sia sul malware in questione sia sui suoi sviluppatori: il RAT, infatti, ha funzionato perfettamente, consentendo all'azienda di sicurezza di catturare tutti i tasti premuti e anche di ottenere screenshot sia del PC usato per lo sviluppo, sia delle macchine virtuali VMWare e VirtualBox lì presenti, sia delle VPN adoperate.

«Grazie ai dati catturati dal loro stesso malware, siamo stati in grado di capire meglio che ci sia dietro la tastiera» spiega l'azienda. «Il gruppo fa uso di macchine virtuali e VPN per lo sviluppo, per distribuire aggiornamenti alle vittime e per controllarle».

La raccolta è stata così completa e tutto sommato priva di difficoltà che Malwarebytes ha avuto anche il tempo di capire che «il tempo in quel momento era nuvoloso, con una temperatura di 19 gradi; e non avevano ancora aggiornato Java».

Più seriamente, l'azienda fa presente che Patchwork, per quanto sia un gruppo pericoloso, non è paragonabile a certi suoi concorrenti attivi dalla Russia o dalla Corea del Nord: dopo quest'ultimo incidente, non fatichiamo a crederlo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Cose da non fare in videoconferenza: guidare e fingere di essere in ufficio
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Hacker sbadato attacca una banca con una molotov e si fa condannare per crimini informatici
Il ransomware che ti regala l'antivirus (mentre cripta i file)
Incidenti informatici: i dipendenti preferiscono nasconderli
Facebook compra le password dagli hacker del deep web
Alibaba licenzia gli impiegati che si facevano mandare le torte gratis
Netgear insegna come condividere un film piratato
Il malware che usa Tor per ricattare l'utente
Cryptodefense, il malware sbadato
Google accusata di lucrare sul typosquatting
Microsoft propone spyware integrato nel prossimo Windows
Amina salvata dalla lapidazione, ma non dalle catene. Di sant'Antonio

Commenti all'articolo (2)

O talmente furbi da infettare un computer civetta per gettare fumo negli occhi a chi ne dovesse prendere il controllo... chissà :-k
15-1-2022 13:56

L'equivalente informatico dello spararsi su un piede...
12-1-2022 12:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 gennaio


web metrics