Privacy, Facebook minaccia di lasciare l'Europa

Anche Instagram se ne andrà se non potrà più fornire pubblicità mirate ai propri utenti sfruttando i loro dati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-02-2022]

facebook europa privacy

Come un bambino imbronciato con i compagni, Meta pesta i piedi, minacciando di smettere di giocare e di portarsi via il pallone se le cose non andranno come dice lei.

Meta, naturalmente, è l'azienda che controlla Facebook e Instagram; i compagni sono gli Stati dell'Unione Europea, che chiedono adeguamenti in materia di protezione dei dati personali; il pallone sono le già citate Facebook e Instagram e, infine, non è chiaro quanto reale sia la minaccia, che pure è stata messa nero su bianco.

La vicenda inizia nel luglio del 2020 quando una sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea determina che le politiche di Facebook che fino a quel momento regolavano la gestione dei dati dei cittadini europei sui server americani, e la legge statunitense nota come Privacy Shield, non sono conformi alle norme della UE e in particolare al GDPR.

La corte chiede quindi l'introduzione di adeguate garanzie circa la protezione dei dati stessi, anche dall'accesso da parte delle autorità statunitensi, nonché il rispetto della direttiva europea sulla protezione dei dati personali (GDPR), e l'inserimento di una serie di meccanismi che consenta ai titolari europei dei dati di ricorrere in tribunale contro le autorità americane in caso di violazione (possibilità che attualmente manca).

La decisione - che peraltro riguarda anche la gestione dei dati da parte di altre grandi aziende, come Amazon, Google e Microsoft - mandò immediatamente su tutte le furie Meta (che al tempo si chiamava semplicemente Facebook), la quale già a settembre 2020 minacciò di lasciare l'Unione Europea se davvero questa avesse preteso il rispetto della sentenza.

Come capita sempre in questi casi, la vicenda s'è però poi trascinata per mesi, anche perché le sentenze della Corte sono un conto e le azioni della Commissione e del governo americano un altro. Ora, però, Meta ha deciso di far sentire la propria voce stabilendo un ultimatum: pretende che venga definita una nuova impalcatura legale che sostituisca il Privacy Shield e che le venga concesso di continuare a operare in base alle attuali norme contrattuali o che venga fornita un'alternativa a esse.

In caso contrario «non saremo in grado di offrire alcuni dei nostri prodotti e servizi più importanti, tra cui Facebook e Instagram, in Europa, situazione che avrebbe conseguenze negative e materiali sulle nostre attività, sulle nostre condizioni finanziarie, e sui risultati delle nostre operazioni».

Se fosse tutto qui, la richiesta potrebbe anche apparire ragionevole: se l'Europa ritiene che l'attuale accordo con gli USA non sia soddisfacente, dovrebbe attivarsi affinché ne sia redatto uno nuovo.

Ma, proseguendo, Meta rivela quali siano le sue vere preoccupazioni: teme infatti che il nuovo accordo possa limitare la sua capacità di raccogliere i dati in generale e quelli sui minori in particolare e che ciò si traduca in «restrizioni imposte ai nostri servizi pubblicitari e alla nostra capacità di offrire prodotti e servizi ai minori in certe giurisdizioni».

La questione nel suo complesso non riguarda infatti soltanto la conservazione dei dati personali dei cittadini europei (maggiorenni o minorenni che siano), ma anche e soprattutto la possibilità di condividerli con varie altre realtà negli Stati Uniti e, in particolare, con gli inserzionisti pubblicitari: a questo servono i dati stessi. <è> In sostanza, dunque, l'Europa vorrebbe imporre regole severe circa la protezione dei dati e, idealmente, le piacerebbe che i dati europei restino nel Vecchio Continente; Meta vuole invece poter continuare a esportarli negli USA e a poterne disporre a fini pubblicitari, poiché - come ammesso da Mark Zuckerberg stesso davanti al Congresso americano - l'attività fondamentale di Facebook è «vendere spazi pubblicitari», facendo leva sulle più permissive norme d'oltreoceano.

Se tutto ciò non sarà possibile - dice ora Meta - l'azienda semplicemente si ritirerà dall'Europa con Facebook e Instagram ed eventualmente con altri servizi: non dimentichiamo infatti che Meta controlla anche WhatsApp dove - è vero - non c'è pubblicità ma ci sono invece parecchi dati personali di cui andare ghiotti.

È evidente che, sebbene la minaccia di Meta possa lasciar pensare che il tempo sia agli sgoccioli, il braccio di ferro è in realtà ancora in corso, anche se la situazione sembra iniziare a scaldarsi. Se poi davvero Meta voglia rinunciare completamente a un mercato comunque lucroso come quello europeo, e non si tratti soltanto di un bluff, resta da vedere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Corte UE: i siti sono responsabili dei 'Like' ricevuti, tanto quanto Facebook
Facebook, dipendenti pagati per analizzare i post degli utenti, anche quelli privati
Facebook multata per 500.000 sterline. In 17 minuti le avrà già riguadagnate
Facebook, dopo i 50 milioni di account violati ora c'è il rischio di una super-multa
Facebook e Google, causa miliardaria per non aver rispettato il Gdpr
Facebook tenta di far passare il riconoscimento facciale anche in Europa
''Sentenza Facebook'', cosa cambia in concreto
Facebook, 25.000 adesioni alla class action per la privacy
Tutti i dati personali lasciati su Facebook in un pacchetto
L'Europa contro Facebook per salvare la privacy

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)

Sì, la tua non è una posizione solitaria, in questo contesto anzi, è forse maggioritaria e anch'io non vedrei l'ora che si togliessero dai c.... ma al di fuori di questo contesto temo siamo la proverbiale goccia in un mare di beoti oramai cerebrolesi dai social quindi, quasi certamente, troveranno un accordo. E non sarà un accordo al... Leggi tutto
12-2-2022 14:06

....se le sono già calate tutti gli utilizzatori iscritti a sto circo beota, tanto criticato in modo "bigotto" ma troppo accondisceso dando ascolto alla parte più superficiale di noi ( "noi" ) stessi. Leggi tutto
10-2-2022 12:52

Non ne capisco il senso. Meta può lasciare il nostro mercato ma non può pensare con ciò di continuare a fare soldi con esso. La potenza di un social network sta nelle informazioni private che può raccogliere e rivendere, spesso indebitamente: se revoca gli accessi ai cittadini UE ne perde i dati, quindi che si rivende poi? Leggi tutto
10-2-2022 07:57

{tuc}
"Facebook minaccia" mi suona davvero divertente, oltre che poco credibile. Gli Usa hanno interessi troppo forti nel sorvegliare e plasmare la cultura "europea" (le virgolette perché "europa" è un'astrazione politica e nient'altro). La paura che gli europei entrino in collaborazione... Leggi tutto
9-2-2022 14:31

Se se ne vanno, ma certamente non rinunciano alla montagna di soldi che viene dall'Europa, ce ne faremo una ragione. Ci sono altri social...
9-2-2022 10:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te Internet...
E' stata la più importante innovazione tecnologica degli ultimi anni.
Ha reso le relazioni umane troppo impersonali.
Ha reso più facile la vita di tutti i giorni.
E' stata un toccasana per l'economia mondiale.
E' riuscita a facilitare le relazioni umane.
Ha contribuito a confondere le identità dei popoli.

Mostra i risultati (2843 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics