Che si fa con Telegram? È russo

Ma quel che conta è che non è “end-to-end” di default.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-04-2022]

telegram

Telegram, la popolare app di messaggistica, ha un problema: viene vista come un'app "russa", e quindi molti la considerano particolarmente a rischio, perché il suo creatore e fondatore, Pavel Durov, è nato in Russia. La questione è particolarmente delicata in Ucraina, dove Telegram è da tempo l'app più diffusa nella sua categoria. Se i russi fossero in grado di spiare la messaggistica del paese che hanno invaso, il rischio sarebbe altissimo.

Ma Pavel Durov non è in buoni rapporti con la Russia. Nel 2012, durante le proteste contro Putin, si rifiutò di chiudere i gruppi Telegram che organizzavano le marce di protesta su VKontakte, il popolarissimo social network da lui creato [Nota: nel podcast e nelle versioni precedenti di questo articolo ho detto e scritto che i gruppi erano su Telegram; ho sbagliato, scusatemi]. Il paese bandì Telegram nel 2018, quando Durov si rifiutò di fornire alle autorità i dati degli utenti. Questo blocco si rivelò inutile e facilmente aggirabile e quindi la Russia si arrese, togliendo il divieto nel 2020. Durov ora vive a Dubai e il ramo materno della sua famiglia proviene da Kyiv.

Il vero problema della sicurezza di Telegram, in realtà, è un altro ed è slegato dall'attuale crisi russa: moltissimi utenti dell'app credono che tutti i messaggi e contenuti che scambiano attraverso Telegram siano criptati end-to-end, quindi impossibili da leggere per Durov e la sua azienda, così come lo sono i messaggi di WhatsApp o Signal, che sono criptati in modo che i rispettivi gestori non possano leggerli. Ma non è così.

Infatti soltanto le cosiddette chat segrete di Telegram sono realmente cifrate end-to-end; tutti gli altri messaggi sono salvati in copia sui server di Telegram, dove sono protetti tramite cifratura ma in teoria sono accessibili all'azienda. Le chat di gruppo su Telegram non sono cifrate, nemmeno se il gruppo è privato.

Le chat segrete di Telegram, per chi non le conoscesse, sono quelle che si attivano toccando il nome della persona con la quale si vuole chattare e poi toccando i tre puntini in alto a destra per scegliere la voce Inizia chat segreta. Il contenuto di queste chat viene cancellato automaticamente dopo un periodo di tempo che si può impostare a piacimento.

Moxie Marlinspike, creatore dell'app alternativa Signal, ha pubblicato su Twitter un'analisi impietosa, nella quale ha messo bene in chiaro i limiti di Telegram, soprattutto per gli utenti in Ucraina: "Telegram ha molte funzioni estremamente desiderabili, ma in termini di privacy e di raccolta dati non esiste scelta peggiore... Telegram conserva tutti i vostri contatti, gruppi, media e ogni messaggio che avete mai mandato, e li conserva in chiaro sui suoi server... Praticamente tutto quello che vedete nell'app è visibile anche a Telegram."

La sua obiezione principale è che Telegram viene presentata spesso come un'app di messaggistica cifrata, quando in realtà è cifrata soltanto in minima parte. Anche se non vi trovate in zone di guerra, è importante conoscere questa differenza e agire di conseguenza.

Da parte sua, Pavel Durov ha scritto su Twitter pochi giorni fa che "nove anni fa ho difeso i dati privati degli ucraini dal governo russo e per questo ho perso la mia azienda e la mia casa. Lo rifarei senza esitazioni".

Parole forti e vicende personali che ispirano fiducia. Ma uno dei princìpi basilari in informatica è che un sistema sicuro non deve basarsi sulla fiducia negli intermediari, ma sul fatto che gli intermediari non possano leggere i dati degli utenti, neanche volendo.

Fonti aggiuntive: Forbes, Mashable, The Guardian, BBC.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Telegram blocca gli utenti pro-ISIS, ma come fa a riconoscerli?
WhatsApp? Facebook e i disservizi fanno bene ai concorrenti

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 24)

Se lo tagliano con tutta la testa fanno solo che bene così si fa un po di selezione naturale e anche un discreto sfoltimento visti i numeri in gioco...
29-5-2022 10:50

Ma proprio perché Open source c'è gente che piuttosto di usarlo si taglierebbe l'organo più inutile che hanno.............il cervello :twisted:
27-5-2022 13:23

E per chi ha dubbi c'è Signal che è open source.
8-5-2022 14:49

Telegram NON e' russo!... Al massimo lo e' il fondatore, ma se uno legge la sua vita capisce che non e' assolutamente allineato alle posizioni del governo... What$app e' americano, e sappiamo che l'ammerica e' peggio della russia WeChat e' Cinese, non ne parliamo nemmeno Telegram e' la piattaforma piu' libera di tutti.
7-5-2022 19:07

@Sergio Per quello che riguarda i software russi o cinesi ci sono molte alternative per cui non la vedo particolarmente difficile acquistare alternative prodotte in altre nazioni ma per quello che riguarda le apparecchiature la vedo molto più difficile. Anche solo per la componentistica contenuta credo che oramai non esista più alcuna... Leggi tutto
30-4-2022 13:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (2484 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 giugno


web metrics