UE, stretta sui giganti della tecnologia con DSA e DMA

“C'è un nuovo sceriffo in città” dicono le autorità di Bruxelles prendendo di mira Google, Facebook, Apple e soci.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-07-2022]

ue dsa dma google facebook apple

Nonostante le proteste sollevate soprattutto dai giganti della tecnologia, l'Unione Europea ha approvato in via definitiva il Digital Markets Act e il Digital Services Act.

Si tratta di due provvedimenti che, nel complesso, sono stati ideati con l'intento di impedire ai maggiori nomi attivi nei settori dell'informatica, della tecnologia e delle comunicazioni di abusare del proprio potere.

Il Digital Markets Act, in sintesi, vuole evitare che le aziende più potente schiaccino la concorrenza sia mettendo all'angolo gli attuali concorrenti più piccoli esistenti, sia agendo in modo tale da impedire la nascita di nuovi.

Da qui nascono i singoli provvedimenti, come l'obbligo di aprire le diverse piattaforme software ai servizi e alle applicazioni di terze parti anche se non provengono da fonti legate al produttore (per esempio, gli utenti di iPhone dovranno poter installare app che non provengano dall'App Store) e quello relativo all'interazione tra le diverse piattaforme nell'ambito della comunicazione e dei social network (in questo caso, per esempio, i diversi servizi di messaggistica dovranno essere in grado di interoperare).

Il Digital Services Act, che è stato evidentemente scritto con una particolare attenzione verso i social network, mira a bloccare la diffusione dei contenuti illegali e di quelli etichettabili come disinformazione (pratica che fa sorgere immediatamente la solita domanda: «Chi controlla i controllori»?).

A questo fine, non solo si prevede che gli utenti possano segnalare i contenuti in violazione, ma anche che gli algoritmi utilizzati dalle varie piattaforme (Google, Facebook e via dicendo) possano essere esaminati dalle autorità per accertarsi che operino in maniera del tutto imparziale e siano in grado di fermare i contenuti "sgraditi".

«Troppo a lungo i giganti della tecnologia hanno tratto beneficio dall'assenza di regole» esulta Christel Schaldemose, relatrice per il DSA, lasciandosi forse trasportare un po' troppo dalla visione del web che ha in mente. «Il mondo digitale è diventato un Far West, in cui chi è più grosso e più forte detta le regole. Ma c'è un nuovo sceriffo in città».

«Nuove regole e nuovi diritti saranno rafforzati» prosegue la relatrice. «Stiamo aprendo la scatola nera degli algoritmi per poter dare una bella occhiata alle macchine per far soldi che stanno dietro alle piattaforme sociali».

Un analogo tono trionfalistico e giustizialista al tempo stesso è usato da Andreas Schwab, che invece s'è occupato del DMA.

«Non accettiamo più "la sopravvivenza del più forte finanziariamente"» ha dichiarato. «Lo scopo del mercato unico digitale è che l'Europa abbia le aziende migliori, e non soltanto le più grosse».

Come era già stato annunciato da Margrethe Vestager, anche se l'approvazione definitiva dei due provvedimenti è già arrivata, l'entrata in vigore è prevista non prima della primavera del prossimo anno: nei prossimi mesi infatti i diversi Stati membri della UE dovranno recepire le direttive all'interno delle proprie legislazioni nazionali.

Poi, sarà ancora necessario vedere se queste norme avranno davvero un'efficacia. C'è già chi ha fatto presente come le sanzioni previste per le aziende in violazione - fino al 20% del fatturato mondiale in caso di violazioni ripetute - possano non essere un incentivo sufficiente a piegarsi ai voleri di Bruxelles.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Telemarketing, call center soddisfatti del protocollo
Sconcerto e preoccupazione per norma su telemarketing
UE: ''Facebook ci ha mentito su WhatsApp''

Commenti all'articolo (4)

Queste norme sono fatte solo per tutelare le aziende da altre aziende, non hanno nessun impatto sul cittadino normale. Poi le frasi ridicole dette dai due relatori mi fanno comprendere come non trovino imbarazzante Di maio come ministro degli esteri......
30-8-2022 21:03

Ecco, appunto, e come sempre qui cadrà l'asino europeo... Leggi tutto
16-7-2022 15:28

{macongranpena}
La vecchia europina sa fare bene due cose da vecchi: scrivere regole burocratiche, spesso restrititve, talvolta insensate, sempre vessatorie, e piegare la testa davanti ai veri poteri forti, facendo cose che aiutano i suddetti, anche a danno dei suoi stessi cittadini. Ogni tanto, fra le montagne di carta spunta qualcosa di meritorio,... Leggi tutto
7-7-2022 11:23

{al}
ok, è ora di comprare iphone
7-7-2022 06:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Science ha pubblicato una classifica di 10 grandi scoperte avvenute nel 2011. Quale ritieni che sia la più significativa?
Nuovi metodi per la lotta all'AIDS. I trattamenti somministrati alle persone infette da HIV riducono il tasso di trasmissione: si potranno elaborare nuove strategie.
L'origine delle meteoriti. La missione giapponese Hayabusa ha scoperto che le meteoriti che più comunemente cadono sulla Terra provengono da un unico gruppo di asteroidi.
Luce sull'origine dell'uomo. Molte persone hanno ancora tracce di DNA arcaico, frutto di incroci avvenuti nella preistoria.
I meccanismi della fotosintesi. Scienziati giapponesi hanno scoperto la proteina usata dalle piante per separare acqua e ossigeno. Potrebbe aprire la strada per produrre energia pulita.
Gas primordiale. Sono state scoperte delle nubi di gas primordiale, rimaste nelle condizioni in cui si trovavano poco dopo il Big Bang.
Microbioma. I microbi che abitano nel nostro corpo non sono casuali ma appartengono a tre enterotipi, uno dei quali dominante. Conoscerli può aiutare a elaborare strategie personalizzate contro le malattie.
Vaccino contro la malaria. La sperimentazione ha fornito i primi risultati promettenti dopo anni infruttuosi.
Esopianeti. Le scoperte di Kepler hanno scovato dei "fratelli" della Terra che li costringeranno a rivedere le teorie sulla formazione dei pianeti.
Zeoliti sempre più efficienti ed economiche. Le zeoliti sintetiche sono minerali usati come "setacci molecolari" per ottenere la benzina dal petrolio, per purificare l'acqua o l'aria.
Prevenire l'invecchiamento. Eliminare le celle più vecchie, non più in grado di dividersi, si è rivelato un buon metodo per mantenerci sani più a lungo.

Mostra i risultati (5251 voti)
Febbraio 2023
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 febbraio


web metrics