Linux salta alla versione 6.0

Linus Torvalds ha rilasciato il nuovo kernel, che integra il supporto alle architetture Raptor Lake e Meteor Lake di Intel e alle GPU RDNA 3 di AMD.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-10-2022]

linux kernel 6

Linus Torvalds, creatore di Linux e «benevolo dittatore» per quanto riguarda la gestione del suo sviluppo, ha rilasciato la versione 6.0 del kernel.

Generalmente, il passaggio a una nuova serie comporta cambiamenti importanti e potenzialmente incompatibili con il passato, ma nel caso di Linux le novità sono incrementali e non ci sono variazioni eclatanti rispetto alla serie 5.x.

Semplicemente, come ha spiegato Torvalds stesso, «come spero sia chiaro a tutti, il cambio del numero di versione ha più a che fare col fatto che ho finito sia le dita delle mani che quelle dei piedi piuttosto che con qualche cambiamento fondamentale»: in altre parole, piuttosto che passare dal kernel 5.19 al kernel 5.20 ha preferito incrementare il major number.

Ciò non vuol dire, però, che Linux 6.0 non porti con sé delle novità. Questa versione integra infatti il supporto alle architetture Raptor Lake e Meteor Lake dei processori Intel e Arc Alchemist delle GPU AMD, oltre alle ultime incarnazioni delle CPU Threadripper, Epyc e a supportare le schede grafiche RDNA 3.

È presente inoltre un supporto iniziale ai laptop basati su SoC Qualcomm Snapdragon, e finalmente viene messo mano al "rallentamento" dei processori AMD introdotto nel 2002 per gestire certi problemi di compatibilità con le specifiche ACPI.

A partire da questa settimana Linus Torvalds si concentrerà quindi sulla versione 6.1 che, a detta del creatore di Linux, introdurrà diversi cambiamenti importanti. Essa dovrebbe inoltre segnare il debutto del linguaggio di programmazione Rust per lo sviluppo del kernel, finora condotto esclusivamente in C (a parte alcuni elementi scritti in assembly).

Chi intendesse installare manualmente il kernel Linux 6.0 può scaricare l'archivio che lo contiene dal sito ufficiale e procedere alla compilazione; la maggior parte degli utenti preferirà tuttavia aspettare che le varie distribuzioni lo integrino.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La Fsf vuole i sorgenti di Windows 7 per renderli open source
Ubuntu accoglie gli orfani di Windows 7 a braccia aperte
Il laptop ufficiale di Kubuntu che costa quanto un MacBook

Commenti all'articolo (1)

Sarà contento Sheldon Cooper che una volta definì il 6 il numero più "perfetto" (ma poi gli preferì il 73...).
4-10-2022 13:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (2074 voti)
Dicembre 2022
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 dicembre


web metrics