L'alternativa open source a Windows Recall

OpenRecall sostiene di mettere la privacy dell'utente al primo posto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-06-2024]

openrecall windows recall
Foto di Farzad.

Se proprio non volete fare a meno delle opportunità di Windows Recall ma non credete che Microsoft sia davvero in grado di proteggere i vostri dati, forse una soluzione open source può fare al caso vostro.

Su GitHub si trova infatti OpenRecall, che si presenta come «un'alternativa completamente open source e che mette la privacy in primo piano a soluzioni proprietarie come Windows Recall».

Come la funzionalità di Microsoft, OpenRecall scatta con regolarità degli screenshot, catturando l'attività dell'utente; li elabora poi con un sistema di riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) per consentire all'utente di trovare con rapidità le informazioni di cui può avere bisogno per ricostruire la propria attività passata.

La natura a sorgente aperto di OpenRecall dovrebbe essere una garanzia circa la trasparenza del suo funzionamento, e dell'assenza di parti indesiderate come eventuali backdoor.

Tutti i dati vengono inoltre elaborati in locale e, pertanto, non c'è il rischio che finiscano su qualche server remoto che magari poi possa essere "bucato".

La vera pecca sta nel fatto che i dati non sono crittografati, anche se è possibile che questa possibilità venga offerta in un rilascio futuro.

OpenRecall è scritta in Python e funziona sotto Windows, Linux e macOS e non richiede hardware speciale (come fanno invece gli AI PC). Le istruzioni per installare l'applicazione si trovano sulla pagina ufficiale presso GitHub.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Wi-Fi che ti spia
Quando l'app di fitness fa la spia
YTS fa la spia sui propri utenti
Se la spia fa la maglia, la maglia fa la spia
Pubblicano vecchie foto delle vacanze: denunciati e multati
Avast chiede scusa e promette di smettere di spiare
Avast sotto accusa: spia le cronologie dei browser

Commenti all'articolo (5)

@zeross Non è che M$ ha solo temporaneamente ritirato la sua creatura per rivestirla di un pochino più di rispettabilità e credibilità in attesa di ripresentarla in un momento più opportuno e con qualche claim atto a gettare fumo negli occhi dei più creduloni e/o dei meno preparati?
14-6-2024 17:29

@colemar Eppure a ritirato recall, e non credo solo per le proteste di alcuni attivisti, bensì per motivi economici, se qualcosa non vale la spesa, meglio non farlo. Sono aziende di lucro se il lucro non c'è ma rischi di avere solo il danno meglio non fare niente.
13-6-2024 15:46

@zeross Francamente non credo che MS si preoccupi granché dell'esistenza di una alternativa open-source per Windows Recall. Chi accetta di installare Windows Recall tipicamente non sa nemmeno che esiste Open Recall, e se lo sa non capisce la differenza.
11-6-2024 00:20

L'importanza di questo programma non risiede nella sua diffusione oppure nella sua efficacia ma nella sua mera esistenza. Il semplice fatto di esistere e di rappresentare una minaccia, latente ma pur sempre reale costringe Microsoft a non oltrepassare quella linea rossa di appropriazione dei dati che invece potrebbe tranquillamente fare... Leggi tutto
10-6-2024 19:47

{delfo}
Meno male che esiste l'open source, ma penso che ormai il concetto non sia più realistico, se inteso come software controllabile e non come 'gratuito'. I programmi sono sempre più complessi, numerosi e talvolta quasi sconosciuti perché magari operano a basso livello o in un contesto specialistico, e... Leggi tutto
10-6-2024 11:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi fa la coda fuori dal negozio per acquistare il nuovo iPhone / iPad / iPod il primo giorno è...
Un vero appassionato
Un fanatico
Un iDiota

Mostra i risultati (12445 voti)
Giugno 2024
Windows 11, l'ultimo aggiornamento è infestato da bug
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tre libri
Maggio 2024
Chatbot, fallimenti a ripetizione
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 giugno


web metrics