LibreOffice, OpenOffice senza Oracle

Nasce la Document Foundation per garantire l'indipendenza della suite. Se Oracle non collabora, ci sarà il fork.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-09-2010]

OpenOffice LibreOffice Oracle Document Foundation

Quando Oracle acquisì Sun Microsystems, nacquero diverse preoccupazioni circa il futuro dei progetti open source operanti sotto l'ombrello della seconda, MySql e OpenOffice in particolare.

Sembra che le preoccuazioni, almeno per quanto riguarda OpenOffice, non siano calate e abbiano spinto la comunità dei volontari che sviluppano e promuovono la suite a compiere un passo decisivo che pone Oracle nella condizione di dover chiarire una volta per tutte le proprie intenzioni, offrendo delle garanzie..

Dopo dieci anni di evoluzione con Sun Microsystems come fondatore e principale sponsor, il progetto OpenOffice ha dunque annunciato una fondazione indipendente chiamata The Document Foundation, che ha il preciso obiettivo di dare vita alla promessa di indipendenza del programma originale.

Oracle è stata invitata ad aderire alla nuova Fondazione e a donare il marchio che la comunità ha fatto crescere nel corso di questi dieci anni di storia del progetto.

In caso contrario, la Fondazione ha già scelto il marchio LibreOffice per le future versioni del software.

Per dimostrare che fa sul serio, la Fondazione ha reso disponibile LibreOffice in versione beta.

The Document Foundation ha già incassato l'approvazione di alcune figure importanti nel mondo del software Libero, come Richard Stallman, Red Hat, Ubuntu, ma anche Novell e Google.

In campo Italiano Italo Vignoli, presidente dell'Associazione Plio, ritiene che "la Fondazione sia un passo molto importante per l'evoluzione della suite di produttività libera, perché separa lo sviluppo del codice e il futuro del progetto dagli interessi commerciali di una singola azienda".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
OpenOffice rischia di sparire
LibreOffice 4.1.1 disponibile

Commenti all'articolo (5)

{paolodelbene}
Come nel resto del mondo è presenre la Free Software Foundation, in Italia, la rispettiva Free Software Foundation è LibrePlanet Italia portata avanti da Graziano Sorbaioli.
3-10-2010 15:56

{paolodelbene}
Quando Oracle acquisì Sun Microsystems, nacquero diverse preoccupazioni circa il futuro dei progetti open source operanti sotto l'ombrello della seconda, MySql e OpenOffice in particolare. Le licenze di MYSQL e OpenOffice, chiariscono il concetto di software. trattasi di Free Software, ovvero Software Libero. Per Mysql viene usata la... Leggi tutto
3-10-2010 15:35

LibreOffice, OpenOffice senza Oracle? Leggi tutto
29-9-2010 19:30

LibreOffice pero...
29-9-2010 18:58

{ken}
Standing ovation. Per la nuova fondazione, e per il free software.La cannibalizzazione di Sun e' probabilmente la cosa piu' triste avvenuta in ambito informatico negli ultimi dieci anni.
29-9-2010 02:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1152 voti)
Aprile 2019
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tecnico IT licenziato si vendica cancellando 23 server
Tutti gli Arretrati


web metrics