Non serve un tablet per ciechi

E' una soluzione che viene venduta come ausilio ma in realtà risulta più ghettizzante di altre.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-02-2014]

touchscreen braille writer

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Braille Sense U2 Mini, il tablet per non vedenti

Riceviamo e pubblichiamo quanto ci scrive una nostra lettrice non vedente a proposito di un articolo pubblicato qualche giorno fa. Ecco le sue riflessioni, che condividiamo volentieri con voi.

Gent.ma redazione di Zeus News,

sono una vostra lettrice non vedente, vi leggo da anni... E, come vi sto dimostrando scrivendovi attraverso Facebook, non ho bisogno di questi presunti "tablet per ciechi", che tablet non sono: vengono definiti dai media come prodotti "all'avanguardia" ma poi all'avanguardia non sono.

Il Braille Sense U2 Mini non è un tablet. E' un microcomputer tascabile con display braille, un notetaker avanzato, Pocket Pc, chiamatelo come volete: ma non tablet!

Infatti, per definizione, al giorno d'oggi per tablet si intende una macchina molto più complessa di queste, con possibilità anche di personalizzazione, ovvero scaricare applicazioni, acquisto di contenuti multimediali e libri; molti sistemi operativi ne prevedono la personalizzazione anche nell'estetica con sfondi e temi, e il 99% di questi apparecchi attualmente sono tutti caratterizzati da uno schermo che, oltre a una periferica di output, è pure di input. Touch screen.

Ecco: nel caso specifico, la definizione di tablet non ci sta.

I media sostengono che questo apparecchio fa fare ai ciechi quello che fanno i vedenti "con un iPhone e un iPad". Beh, mica è vero, infatti noi non vedenti siamo perfettamente in grado di utilizzare, tramite il loro touch screen, proprio questi dispositivi: iPhone e iPad, grazie al sistema Voiceover (Impostazioni - Generali - Accessibilità - Voiceover) introdotto da Apple all'interno del sistema; volendo ci possiamo collegare anche dei display Braille via Bluetooth, certamente che sì; pure a meno soldi di quanti ne costi questo presunto oggetto insostituibile.

Perché un cieco dovrebbe comperarsi, a spese del sistema sanitario nazionale, per 2700 euro, un dispositivo che fa il 10% di quel che fa un iPad, e rimanere comunque limitato, dato che questi dispositivi hanno una probabilità altissima di obsolescenza?

Volendo ti puoi comprare un iPad Mini Wi-fi - se non hai bisogno di connessione cellulare - o un iPad Mini 3g, di tasca tua, comunque con le agevolazioni fiscali: Iva al 4% e possibilità di scaricarlo dal 730.

In più una barretta Braille da 12 o 18 caratteri tipo la Braille Pen o la Seika Mini (chiamata anche Luce Braille) che si aggirano tra i 950 e i mille euro, a carico totale del sistema sanitario poi andrebbero solo i soldi del display.

Io mi son presa un display da 1.890 euro con l'ASL: questo mi fa da display Braille per il computer e anche, volendo, da display Bluetooth per l'iPad se volessi. Non ha la tastiera ma con 80 euro mi son comprata una bella Logitech Bluetooth a energia solare che si collega, tra le altre cose, a tre dispositivi in contemporanea, premendo un tasto per passare da uno all'altro.

Sondaggio
Facebook ha comprato Whatsapp per 19 miliardi di dollari. Qual Ŕ la tua reazione?
Adesso che Facebook ha i numeri di cellulare degli utenti, la privacy Ŕ definitivamente compromessa. - 46.3%
Dall'integrazione dei due servizi non potrÓ che nascerne uno migliore. - 4.3%
Io uso Twitter (o Google Plus o altro) e Viber (o Hangout o altro), non mi avranno! - 5.2%
Zuckerberg ha buttato via 18.999.999.999 dollari: io Whatsapp l'ho pagato solo 89 centesimi. - 10.0%
Nessuno ha smesso di usare Skype quando Microsoft l'ha acquisito, quindi adesso non cambia nulla. - 28.8%
Il mio commento Ŕ un altro... - 5.4%
  Voti totali: 820
 
Leggi i commenti (22)

Vedete, è proprio il concetto che è sbagliato: "tablet per ciechi". Una soluzione che viene venduta come aiuto ma in realtà risulta più ghettizzante di prima.

Difatti, per esempio si collega a Twitter come social network, a Dropbox come servizio cloud, legge i libri ePub, però Facebook non lo contempla; non si collega a servizi di instant messaging quali WhatsApp, Line, WeChat, Chad2Win, Telegram e compagnia bella; ha la sua "Sense chat" che poi è una chat fatta apposta per utenti Braille Sense "che bello troviamoci tra di noi", con il risultato che si è più isolati di prima.

Non puoi per esempio acquistare i libri dal Kindle Store di Amazon e leggerteli in tempo reale come invece fai con l'iPad, dal quale basta che ti colleghi al sito, fai l'acquisto e poi te li ritrovi sull'app Kindle.

Windows CE, il sistema operativo contenuto nel Sense Mini, è un sistema vecchiotto: è vero che il firmware sarà aggiornabile ma comunque le pagine web complesse come quelle dei social - tipo facebook - o dei negozi di libri on line non sono così comode per gli screen reader per Pc, Mac e tablet normali, ma almeno con quelli te la cavi. Figurarsi se ci si riesce a usarle con un prodotto dedicato.

Poi c'è anche da tener conto di un altro aspetto che nessuno considera: io il mio iPad di terza generazione se voglio lo posso vendere anche a un vedente, quando decido di comprarmene un altro. Se non ho soldi per farmi tutta la spesa in un colpo solo, posso decidere di prendermi l'iPad o l'iPhone col mio operatore telefonico e poi configurarmelo come mi pare.

Invece, con affari come questi, si è costretti per forza a buttar via i soldi di tasca propria o, peggio, a sfruttare il servizio sanitario nazionale, quindi, ricordiamocelo, soldi di tutti quanti noi che paghiamo le tasse, per cosa? Per un prodotto che ci hanno fatto credere fosse una cosa invece è un'altra.

Vi invito a leggere riflessioni anche di altri utenti.

Stando che ci sono soluzioni mainstream che vanno bene anche per i ciechi, mi sento di dirvi che scrivendo questo articolo siete caduti nella trappola del marketing più spinto, quello capace di vendere ghiaccio agli esquimesi.

Il Braille Sense Mini ha un suo perché: per esempio se una persona ha problemi di udito e di vista gravi insieme, fa molta più fatica e talvolta è impossibilitata a utilizzare un iPad, per esempio; allora il Braille Sense Mini può essere un valido aiuto... ma sempre non come tablet! Non si può definire così. E' un notetaker con funzioni Internet e stop.

Un tablet per ciechi sarebbe come... mi si passi il termine di paragone assurdo, un paio di calzini per gay. Un paio di calzini normali di cotone che costano una fortuna solo perché hanno il logo di una qualsivoglia associazione di omosessuali. Perché un gay dovrebbe comperarsi i calzini per gay? Quale sarebbe il motivo razionale? Nessuno.

E allora perché noi ciechi non possiamo utilizzare le tecnologie mainstream, dato che le aziende (Apple è la migliore nel campo) inseriscono nei loro prodotti delle soluzioni idonee alla disabilità visiva?

Elena Brescacin

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il primo smartwatch che legge il Braille
WhatsApp? Facebook e i disservizi fanno bene ai concorrenti
Facebook compra Whatsapp per 19 miliardi di dollari
Chad2Win, l'app che ti paga per chattare
Da Logitech la tastiera a energia solare per l'iPad

Commenti all'articolo (4)

Salve, sono io la persona che ha scritto quel post Qui non Ŕ questione di essere persone coraggiose o addirittura "donne coraggiose"; non vivo in un paese in cui rischio di esser lapidata se ho un profilo fb (che poi non era vera nemmeno quella notizia lÓ in quanto i fotogrammi erano stati tratti da un film, mettendo in... Leggi tutto
28-2-2014 12:58

Un articolo davvero ben fatto: c'Ŕ sempre da imparare da chi, le cose le vive in prima persona.
28-2-2014 11:54

Grandissima Elena!!!!! Se in Italia ci fossero pi¨ persone come te, sarebbe un paese migliore
28-2-2014 07:19

Bene! Una persona coraggiosa, informata oltrechÚ colta, e con le idee chiare. Che non si piange addosso, non vuole di proposito usare mediocri eufemismi del tipo "non vedente" o "diversamente abile" in un mondo abitato per lo pi¨ da ignoranti e "minus habens" sul piano intellettivo. Carissima Elena, non ti... Leggi tutto
27-2-2014 12:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1130 voti)
Ottobre 2019
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Tutti gli Arretrati


web metrics