Cinavia, il sistema antipirateria inutile

Blocca i video amatoriali degli onesti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-12-2014]

magic in the moonlight

Magic in the Moonlight, il nuovo film di Woody Allen, è in programmazione in questi giorni nei cinema in Europa ma è già uscito in DVD e Blu-Ray e quindi è già in circolazione su Internet in un rip di ottima qualità. Il film, fra l'altro, è bello; ciliegina sulla torta, la trama è una gioia per qualunque debunker e simpatizzante del CICAP.

Alcune delle versioni circolanti in Rete producono un effetto sorprendente quando vengono riprodotte da un lettore Blu-ray recente: dopo alcuni minuti compare una dicitura in inglese e sparisce l'audio. La dicitura recita: "Audio output temporarily muted. Do not adjust the playback volume. The content being played is protected by Cinavia and is not authorised for playback on this device. For more information, see http://www.cinavia.com. Message Code 3."

L'avviso è generato da un sistema antipirateria incorporato obbligatoriamente nei lettori Blu-ray (è uno standard imposto dalla Blu-ray Association) e venduto da Cinavia.

Il sistema si basa sul fatto che nei film che usano il sistema Cinavia sono state incluse nella traccia audio delle informazioni non udibili che vengono riconosciute dai lettori Blu-ray. Non è quindi un vero e proprio DRM, ma un watermark: l'effetto è comunque quello di inibire la riproduzione non autorizzata. Il watermark sopravvive ai riversamenti analogici e alle conversioni digitali di formato e risulta presente anche nelle pessime copie abusive fatte con una telecamera al cinema.

Ovviamente Cinavia non regala il proprio sistema a nessuno, né ai produttori dei film, né ai fabbricanti di lettori Blu-ray, per cui alla fine lo paghiamo noi: nel prezzo del biglietto, se andiamo al cinema, e nel prezzo del lettore, se ne acquistiamo uno.

Non ho cifre, per ora, per quantificare questo costo, ma è di fatto un prodotto inutile, che non fa nulla per risolvere il problema per il quale viene venduto. In altre parole, è l'equivalente cinematografico dell'omeopatia.

Il sistema Cinavia, infatti, non viene installato in tutti i dispositivi: per esempio non c'è in molti media player hardware commerciali, che quindi se ne infischiano del watermark e riproducono senza problemi il contenuto "protetto" da Cinavia.

Non solo: esiste software che rimuove il watermark, e oltretutto questo software è legale, perlomeno in Europa, dove le leggi inibiscono la rimozione dei sistemi anticopia ma non parlano di rimozione di watermark (che è un sistema di marchiatura, non di protezione contro la copia: il file "protetto" da Cinavia è infatti perfettamente copiabile).

Sondaggio
Pericolosi malware per computer come Uroburos, spyware su smartphone Android e un numero costantemente in crescita di casi di malware con attacchi a dispositivi mobili. Quale di queste previsioni ti sembra pi attendibile?
I "Quantified Self Data" sono protetti in modo inadeguato. - 8.8%
Multi-target malware: door-openers nei computer aziendali. - 8.4%
Pi dispositivi mobili con malware pre-installato. - 27.7%
Nuovo record per i Trojan bancari. - 17.8%
Adware sempre sulla breccia. - 10.2%
Spyware in aumento. - 27.0%
  Voti totali: 488
 
Leggi i commenti

In pratica, quindi, il sistema Cinavia è perfettamente aggirabile da chiunque sia sufficientemente competente e determinato. Non serve a nulla contro i pirati professionisti.

Ma ha una conseguenza subdola sugli utenti onesti, quelli che comprano o noleggiano soltanto copie legittime e autorizzate dei film che guardano: blocca i video amatoriali nei quali c'è audio "protetto". Lo dice chiaramente questa "raccomandazione" della Samsung a proposito di Cinavia:

If the video you're playing back is a home movie or other personal recording, that includes some professionally produced content (including the audio track of a professionally produced movie or television show), you will need to either skip over the parts of the video that contain the professionally produced content during playback or else create or obtain a version of the video that does not include this protected material.

Sul sito di Cinavia c'è l'equivalente in italiano:

Se il video che si intende riprodurre è un film domestico o un'altra registrazione personale che comprende materiale realizzato professionalmente (come la traccia audio di un video realizzato professionalmente), per riprodurre la vostra registrazione senza disattivazione dell'audio esistono due possibilità:

- Mettere in pausa il video, attendere per 30 secondi che l'audio venga riattivato, quindi saltare le parti corrispondenti al materiale di fattura professionale e continuare a riprodurre il resto del video, oppure

- Mettere in pausa il video, attendere per 30 secondi che l'audio venga riattivato, quindi riprodurlo da un diverso disco ottico per almeno 10 minuti prima di continuare la riproduzione del video.

Cinavia offre anche delle linee guida per i video domestici che spiegano ulteriori dettagli.

Supponiamo, per esempio, che riprendiate la vostra famiglia, con la vostra videocamera, durante le feste di fine anno, mentre in sottofondo c'è la TV accesa che mostra un film. Volete conservare per sempre le reazioni dei vostri figli la prima volta che vedono Bambi o scoprono chi è davvero Darth Vader o come funziona l'inganno centrale di The Prestige.

In entrambi i casi Cinavia bloccherà la riproduzione del vostro contenuto autoprodotto, perché nel vostro video c'è l'audio di un film "protetto". Non siete pirati, non volete esserlo, ma i vostri ricordi personali saranno proibiti e irriproducibili. Per riprodurli dovrete imparare a usare sistemi di rimozione dei watermark (se avete le competenze tecniche per farlo). E pagare per usarli. Cornuti e mazziati, insomma.

Ed è per questo che la lotta digitale alla pirateria non è semplicemente inutile: è perversa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Una taglia più alta per i pirati al cinema
Sequestrati i server di The Pirate Bay
MPAA: ''Bloccare The Pirate Bay funziona''
''Porteremo in tribunale le mamme, i papà e gli studenti''
Polizia finanzia siti pirata con spot antipirateria
Regolamento AGCOM, offline le tesine scolastiche
Google Glass banditi al cinema
Chi va in chiesa non diventerà un pirata
7 cittadini europei su 10 sono pirati
Gene Simmons: ''Pirati nei campi di lavoro come i nazisti''
Le parole sono importanti, quelle dei pirati di più
SIAE, l'equo compenso aumenta del 500%
Al cinema coi Google Glass, arrestato per pirateria

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)

Dovrebbero nel senso che chi integra codice licenziato Blu-Ray tenuto a integrare la protezione, chi non lo usa non ha alcun obbligo., in questi casi, per, la risposta migliore per sapere se il proprio player software ce l'ha, la si ha provando. Leggi tutto
3-1-2015 18:40

La protezione Macrovision non era molto diffusa ed stata abbandonata quasi da tutte le major in quanto superabile con un apparecchietto elettronico che si poteva assemblare con poche migliaia di lire (l'accrocco gi montato costava sulle trentamila). Se non filtravi attraverso l'apparecchio, quando guardavi la copia le immagini... Leggi tutto
2-1-2015 08:35

Nei dvd blu ray che ho a casa, c' scritto che hanno la protezione anti copia, come del resto sui dvd normali, nessuna scritta "Cinavia". Nelle VHS non ricordo ci fossero protezioni! :shock: Era difficile avere piuttosto 2 registratori per poterlo fare, o non conveniva. Nel mio lettore combo vhs dvd ho il tasto rec per... Leggi tutto
1-1-2015 21:47

@Maary79 No, intendevo il dischetto Non e' detto tutti i dischi (film, documentari, serie tv, ecc) siano protetti allo stesso modo. In realta' non sono nemmeno sicuro che sia indicato il metodo di protezione utilizzato; ricordo che su alcune videocassette VHS era indicato che erano protette con Macrovision, sui DVD non ci ho mai fatto... Leggi tutto
1-1-2015 20:04

@cesco67 Presumo che per BD intendi il lettore, nel manuale di istruzioni non menzionato da nessuna parte.
1-1-2015 16:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual la cifra complessiva che spendi ogni mese per il tuo smartphone? Comprende tutto: telefonate, piano dati, Sms, rata telefono e via dicendo.
Sotto i 10 euro
Tra i 10 e i 20 euro
Tra i 20 e i 30 euro
Tra i 30 e i 50 euro
Tra i 50 e i 100 euro
Oltre i 100 euro
Non ne ho idea

Mostra i risultati (5059 voti)
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Tutti gli Arretrati


web metrics