UE, addio ai blocchi regionali per Netflix e soci

Chi acquista un abbonamento deve poter accedere ai propri contenuti in tutti i Paesi dell'Unione Europea.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-05-2017]

ue parlamento geoblocking

Il Parlamento Europeo ha votato: i blocchi regionali (geoblocking), come quelli imposti da servizi come Netflix o Spotify, saranno aboliti.

Chiunque abbia sottoscritto un contratto con fornitori di contenuti come quelli citati e ami viaggiare da uno Stato all'altro avrà ben presente dell'argomento che stiamo trattando: ciò che Netflix e simili mettono a disposizione in un dato Paese non sempre è disponibile in quello confinante, e viceversa.

Per esempio, se mi trovo in Italia e inizio a guardare un film su Netflix, ma poi mi trasferisco nei Paesi Bassi e vogliono continuare la visione, mi può capitare di non riuscirci: riesco ad accedere al servizio, ma la libreria di film è differente da quella da cui potrei attingere a casa.

Il Parlamento Europeo non ha mai visto di buon occhio tale stato di cose, anche se alla Commissione tutto sommato non dispiaceva.

Con il voto del 18 maggio, l'assemblea di Bruxelles ha deciso di introdurre la portabilità transfrontaliera dei servizi digitali: in altre parole, i cittadini dell'UE dovranno poter accedere a tutti i contenuti dei servizi che hanno sottoscritto indipendentemente dal Paese dell'Unione in cui si trovano.

Ci sono tuttavia delle limitazioni. Tale libertà è infatti concessa per periodi di tempo limitati: in tal modo, chi si reca in un altro Paese europeo per trascorrervi un periodo di vacanza non avrà problemi a continuare a usufruire dei contenuti disponibili nel suo Paese d'origine, ma chi si trasferisce per lunghi periodi di tempo non potrà.

Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3648 voti)
Leggi i commenti (19)

La motivazione alla base di questa restrizione è da ricercare nel fatto che i distributori di contenuti stringono accordi differenti per ogni Paese, in base alle varie norme sul diritto d'autore e dovendo rispettare le volontà dei titolari dei diritti.

Prossimamente, quindi, servizi come Netflix dovranno prendere in considerazione tra i dati dell'utente anche il Paese da cui avviene l'iscrizione anziché basarsi sull'indirizzo IP per riconoscere lo Stato da cui avviene l'accesso al servizio.

Quanto ai tempi, la nuova regolamentazione europea entrerà in vigore nei primi sei mesi del 2018, e dovrà essere applicata anche agli abbonamenti già sottoscritti.

Per il vicepresidente per il Mercato Digitale, Andrus Ansip, il voto del Parlamento è «un passo importante nell'abbattimento delle barriere che ostacolano la creazione di un Singolo Mercato Digitale».

Il prossimo passo, secondo Ansip, è la revisione delle regole europee sul copyright.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'Europa rinuncia a combattere il geoblocking nei video
L'Europa vuole abolire i blocchi regionali del copyright

Commenti all'articolo (3)

Premesso che l'UE non è un super stato ma solo, come si può desumere dalla sua denominazione, una unione fra stati, forse, e ribadisco, forse, non è voluta dai cittadini europei di oggi ma, quando venne istituita la maggior parte dei cittadini la volle eccome e per ragioni che, almeno in parte, restano valide tutt'oggi. Quindi, forse,... Leggi tutto
3-6-2017 18:27

...siamo in campagna elettorale? :D
22-5-2017 09:19

{filippo}
L'unione europea, il super-stato non voluto dalla gente, che vuol marciare a due (o più) velocità, che aiuta le banche con i soldi dei contribuenti, che non riesce a prendere decisioni importanti, che sbaglia politica economica, e i cui dirigenti sono lontanissimi dal popolo e non sono stati eletti da esso, si sta... Leggi tutto
20-5-2017 10:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (2064 voti)
Ottobre 2021
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 ottobre


web metrics