Visita 9.000 siti a luci rosse dall'ufficio e infetta l'intera rete aziendale



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-11-2018]

9000 siti porno lavoro

Usare l'orario lavorativo - soprattutto se si è dipendenti pubblici - per farsi gli affari propri è già disdicevole in sé, ma riuscire a inguaiare l'intera rete informatica del proprio datore di lavoro richiede una noncuranza speciale.

Di recente negli Stati Uniti la rete dello US Geological Survey (USGS) è stata compromessa a causa del comportamento decisamente poco professionale di un impiegato, che usava le risorse dell'ente per visitare i siti porno.

Le attività a luci rosse dell'ormai ex dipendente dello USGS non erano certo sporadiche: le indagini hanno appurato che ha questi ha visitato, dal laptop fornitogli dall'ufficio, circa 9.000 pagine pornografiche contenenti malware.

Rapidamente il portatile ha finito col soccombere e ha iniziato a diffondere virus e trojan nella rete interna. L'uomo, non ancora contento, ha anche salvato le immagini e i video osé su delle chiavette Usb non autorizzate e sul proprio smartphone Android, connettendo quindi questi dispositivi con le apparecchiature dello USGS e aumentando ulteriormente così la diffusione dei malware.

Il Dipartimento degli Interni in realtà mantiene in vigore delle norme che proibiscono l'uso delle proprie risorse per «attività illegali o inappropriate», nonché il collegamento di dispositivi personali come drive Usb e telefonini alle reti governative, ma tali indicazioni vengono fin troppo spesso disattese, generalmente pensando che «tanto non succederà niente».

Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (380 voti)
Leggi i commenti (4)

Il caso in questione è diventato di dominio pubblico dopo la pubblicazione di un rapporto censurato dell'Ispettore Generale del Dipartimento degli Interni ma, se comportamenti del genere sono diffusi (e i casi emersi negli anni passati lo lasciano pensare), viene da chiedersi quanti altri incidenti di questo tipo siano a rischio di accadere.

Non è certo un caso se IBM lo scorso maggio ha bandito completamente l'uso dei drive Usb in azienda, obbligando i dipendenti che avessero bisogno di condividere del materiale con i colleghi a usare la rete interna.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La Vpn gratuita di PornHub per navigare in completo anonimato
Incidenti informatici: i dipendenti preferiscono nasconderli
La falsa app porno che infetta Android
Occhio alla pornotruffa che blocca il computer
Pornodipendenza, a rischio i fumatori e i più giovani
Si fotografa nuda nel palazzo del governo
Filtro antiporno blocca migliaia di siti legittimi
Brunetta agli statali: no all'uso privato di Internet
Il Comune di Napoli vieta i siti porno ai dipendenti

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Tutte e due...:lol: Leggi tutto
11-11-2018 14:45

Io ormai non mi meraviglio più. Ne del tizio ne dei responsabili IT. Gli statunitensi in quanto a intelligenza non hanno mai brillato e temo non brilleranno mai. Basti pensare che sono stati gli #USA a far salire Hitler al potere nel 1934 e aver creato nel 1979 in Iran il primo stato islamico, prima non esistevano, basato sulla Sharia. ... Leggi tutto
10-11-2018 20:55

...e il servizio IT in tutto questo tempo non si è mai accorto di nulla. Non vedevano dai Firewall un numero eccessivo di accessi a certi siti ? o erano occupati a fare la stessa cosa ? Leggi tutto
8-11-2018 19:20

O è un vero deficiente o lo faceva apposta... :umpf:
7-11-2018 19:22

Avrà fatto aumentare il fatturato dei negozi di ottica della città...
6-11-2018 16:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Alcuni anni fa, L'Agenzia delle Entrate pubblicò sul web i redditi dei cittadini; poi, dopo l'intervento del Garante Privacy, li mise offline. Questi dati secondo te devono essere disponibili su Internet?
No
Non saprei

Mostra i risultati (5169 voti)
Novembre 2018
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Il bug di Windows 10 Pro che spinge gli utenti a passare alla versione Home
Il primo ibrido smartphone-tablet che si piega davvero
Microsoft abolisce il servizio Hotfix per Windows
Visita 9.000 siti a luci rosse dall'ufficio e infetta l'intera rete aziendale
Google si allea con iRobot per mappare le case degli utenti
Surriscaldamento globale entro 15 anni, per colpa dei Bitcoin
Ottobre 2018
IBM compra Red Hat Linux per 34 miliardi di dollari
La SIM che si connette direttamente a TOR
Adottando uno smart meter si può far calare la bolletta del 20 per cento
Ladri rubano una Tesla Model S armati soltanto di tablet e smartphone
Giovanissimi in fuga da Facebook
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Tutti gli Arretrati


web metrics