La falla negli SSD che vanifica completamente la crittografia

Coinvolti i modelli più popolari di Crucial e Samsung.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-11-2018]

ssd falla crittografia

Per proteggere i propri dati in caso di furto del portatile o del Pc, i sistemi operativi mettono a disposizione funzioni che crittografano i file presenti sull'hard disk o sull'unità SSD.

Alcuni produttori di questo secondo tipo di drive hanno deciso di appoggiare tale pratica inserendo nei propri SSD un particolare chip che ha proprio il compito di eseguire la criptazione e la decodifica dei dati, ai quali il sistema si può affidare per affiancare le soluzioni software disponibili.

Per esempio Bitlocker, il programma di crittografia di Windows, ha colto al balzo l'occasione: quando incontro un SSD Crucial o Samsung con chip crittografico integrato demanda a esso completamente la criptazione dei contenuti.

Il guaio è che, come hanno scoperto alcuni ricercatori della Radboud University, alcune unità di questi produttori implementano una versione fallata degli standard crittografici e, in pratica, consentono a chiunque di accedere ai dati salvati su di essi.

Le unità sicuramente interessate sono i modelli Crucial MX100, MX200 e MX300, oltre ai Samsung T3, T3, 840 EVO e 850 EVO.

Le vulnerabilità sono diverse, tanto che - dopo aver effettuato il reverse engineering del firmware delle unità - i ricercatori hanno parlato di uno «schema di problemi critici».

Uno degli SSD, per esempio, può essere sbloccato inserendo «praticamente qualsiasi password» dato che il sistema di validazione non funziona. In un altro caso, invece, la decifrazione dei dati avviene anche se, invece di inserire la password, si preme semplicemente il tasto Invio.

Inoltre, è diffusa la pratica di supportare una master password che permette di sbloccare l'accesso all'unità anche se non si conosce la password crittografica impostata dall'utente.

Il guaio è che tale password è tutt'altro che unica per ogni SSD: è sempre la stessa ed è presente nel manuale. Chiunque può quindi adoperarla, e l'unica soluzione per evitare il problema è disabilitare completamente la master password, o almeno cambiarla.

Sondaggio
Cosa utilizzi per inviare messaggi privati?
Uso varie applicazioni su qualsiasi dispositivo disponibile
Uso varie applicazioni sui miei dispositivi
Uso solo applicazioni affidabili su dispositivi di fiducia
Non invio messaggi privati online

Mostra i risultati (1069 voti)
Leggi i commenti (13)

Se a tutto ciò si aggiunge il fatto che Bitlocker, come ricordavamo all'inizio, quando rileva la presenza di un chip crittografico dismette tutte le proprie routine software per basarsi soltanto su di esso, si capisce come moltissimi drive apparentemente inespugnabili sono in realtà protetti soltanto da una porta girevole.

Secondo i ricercatori che hanno scoperto le falle parte della colpa sta nella volontà dei produttori di SSD di affidarsi a soluzioni proprietarie evidentemente mal implementate anziché far affidamento a soluzioni open source note per essere perfettamente funzionanti.

Il lato positivo in questa vicenda, come in molto casi analoghi, sta unicamente nella responsabilità degli esperti di sicurezza: la scoperta è infatti avvenuta sei mesi fa e immediatamente comunicata ai produttori, dando così loro il tempo necessario per intervenire preparando delle patch.

Da allora, in effetti, gli interessati hanno rilasciato degli aggiornamenti al firmware che, dove possibile, hanno sistemato le cose. Samsung consiglia anche agli utenti di adoperare soluzioni crittografiche di terze parti anziché Bitlocker.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{Shiba} Non ho mai visto una backdoor riportata nel manuale. Questo lo chiamerei piuttosto "test di intelligenza per utenti". Samsung va molto bene quando si tratta di hardware. Ma per il software è meglio perpararsi sempre al peggio.
14-11-2018 18:42

:shock: :shock: :shock: Sono dei veri cioccolatai.... Leggi tutto
10-11-2018 11:23

{tiscaldi}
Per usare Bitlocker bisogna essere proprio ingenui. Una soluzione proprietaria di una azienda che non ha mai dimostrato grande rispetto per i suoi utenti, da nessun punto di vista. Quanto a samsung, con un proprietario finito in prigione e poi uscito a suon di denari, e un numero incalcolabile di oggetti fallati (progettazione e/o... Leggi tutto
7-11-2018 15:23

{Shiba}
"Inoltre, è diffusa la pratica di supportare una master password che permette di sbloccare l'accesso all'unità anche se non si conosce la password crittografica impostata dall'utente." Questa cosa si chiama backdoor.
7-11-2018 08:27

Premesso che non sono un esperto di sicurezza, concordo nella parte dell'articolo che menziona i software opensource relativamente al fatto che detti software funzionano (fino a prova contraria). Sembra evidente che un software open, che può essere scrutato fino all'ultima riga di codice da chiunque, difficilmente nasconderà debolezze... Leggi tutto
6-11-2018 21:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (810 voti)
Maggio 2024
Google infila la IA dappertutto
Dentro la sede dei criminali
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
MS-DOS 4.00 diventa open source
Enel nel mirino dell'Antitrust per le bollette esagerate
TIM, altre ''rimodulazioni'' in arrivo
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Amazon abbandona i negozi coi cassieri a distanza
Marzo 2024
Buone azioni e serrature ridicole
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 maggio


web metrics