Paura del 5G? Questa chiavetta quantica vi proteggerà

Ricorda molto le coccinelle antiradiazioni che andavano di moda anni fa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-05-2020]

BioShield

I più anziani ricorderanno che, anni fa, la paura dei possibili danni causati dalle radiazioni elettromagnetiche emesse dai cellulari aveva portato sul mercato alcuni prodotti curiosi.

Complessivamente noti come "coccinelle antiradiazioni" erano piccolissimi gadget da applicare al telefonino che spesso avevano la forma di animaletti e, per lo più, di coccinelle.

Da quella posizione avrebbero dovuto bloccare le radiazioni, impedendo loro di raggiungere il cervello dell'utente, dove avrebbero potuto fare danni.

Ci volle l'Antitrust per spiegare che erano assolutamente inutili, anche se sarebbe bastato un semplice ragionamento: se davvero le coccinelle avessero bloccato le radiazioni elettromagnetiche, il cellulare avrebbe smesso di funzionare.

Oggi la paura non è più diretta verso i telefonini in sé, ma verso le torri della telefonia mobile di quinta generazione, che in alcuni Paesi sono tanto odiate da venire (occasionalmente, per fortuna) date alle fiamme.

I produttori di coccinelle magiche però non mancano mai, e sanno sempre approfittare delle parole più in voga al momento. Così, per proteggersi dai pericoli del 5G, ecco che nasce 5GBioShield, una chiavetta Usb che si presenta come «rimedio contro tutte le radiazioni pericolose, l'elettrosmog e l'inquinamento da rischio biologico» (e che, stando a quanto dichiarato, funziona pure contro 3G, 4G e Wi-Fi).

Come funziona? Con una spiegazione degna del conte Mascetti, il sito ufficiale racconta che la chiavetta è dotata di un «catalizzatore olografico indossabile a nano-strato», ed è questo a fornire la protezione.

«La chiave Usb 5GBioShield con nano-strato è una tecnologia di catalizzatore olografico quantistico per l'equilibrio e l'armonizzazione degli effetti dannosi delle radiazioni elettriche squilibrate. Il diametro operativo del nano-strato è di 8 o 40 metri» si può leggere ancora sul sito.

E ancora: «5GBioShield bilancia il campo a livello atomico e cellulare, ripristinando effetti bilanciati per tutte le radiazioni pericolose (ionizzanti e non-ionizzanti)».

Dato che questa chiavetta miracolosa è nata nel Regno Unito, la Bbc ha voluto vederci chiaro, ne ha acquistata una e l'ha fatta analizzare da Pen Test Partners, azienda specializzata nello studiare i dispositivi alla ricerca di vulnerabilità.

Pen Test Partners ha scoperto che non c'è praticamente alcuna differenza tra 5GBioShield e una qualsiasi chiavetta da 5 euro. Solo che 5GBioShield costa 283 sterline (circa 315 euro), anche se esiste un'offerta speciale che consente di acquistarne tre per 799 sterline (circa 890 euro).

BioShield Distribution, l'azienda che distribuisce il prodotto, non ha preso bene queste insinuazioni e per bocca dei suoi due direttori ha provato a offrire qualche spiegazione. Poco ha aiutato nel guadagnare credibilità il fatto che i due uomini in precedenza vendessero un integratore chiamato Klotho Formula, il cui funzionamento era basato su «una procedura proprietaria che genera una dilatazione temporale relativista e una correlazione quantistica biologica a livello di Dna».

Ad ogni modo, i due hanno spiegato di esser «in possesso di molte informazioni tecniche, supportate da molte ricerche storiche». Purtroppo hanno anche dovuto ammettere di non essere «autorizzati a divulgare completamente tutte quelle informazioni a terze parti, per ovvi motivi».

Tali informazioni tecniche giustificherebbero il prezzo e illustrerebbero pienamente i principi di funzionamento, ma devono restare segrete. Pertanto, ogni conclusione cui è giunta Pen Test Partners, «crediamo che la mancanza di informazioni approfondite vi impedisca di calcolare esattamente le nostre spese e i costi di produzione, compresi i costi della proprietà intellettuale e via di seguito»

Non solo: «Diventa quindi difficile» - affermano i direttori - «prendere sul serio la vostra analisi, dato che evidentemente non avete svolto alcuna ricerca sui fatti che supportano il funzionamento del prodotto».

Insomma, Pen Test Partners sostiene che 5GBioShield e una chiavetta Usb economica sono sostanzialmente identiche. BioShield ribatte che la tecnologia è troppo profonda e segreta per essere compresa semplicemente studiando la chiavetta. In ogni caso, almeno un pregio 5GBioShield ce l'ha: la decorazione è graziosa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Vodafone, conto alla rovescia per lo spegnimento del 3G
La gabbia per il router che elimina le radiazioni elettromagnetiche
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
5G e il circolo vizioso delle fake news
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Già scovate undici falle nelle reti 5G
5G, miti da smontare e paure pilotate
Antibufala: per il 5G bisogna abbattere gli alberi!

Commenti all'articolo (3)

@SverX Giusto! Certo che c'è gente che supera anche noi italiani in quanto a capacità di vendere del fumo... e neanche di quello buono! :wink:
21-6-2020 18:51

hai dimenticato che 5G = 3G + 4G - 2G quindi correggi, grazie :lol:
21-6-2020 16:21

Già l'acceso al sito di questi fenomeni mi è stato bloccato dall'antimalware poiché il sito contiene riskware... e non mi sembra un bell'inizio per un sito che vende un prodotto per la sicurezza personale. :roll: Comunque per abbindolare gente che crede che il 5G è più pericoloso del 3G e del 4G perché 5 è maggiore degli altri due... Leggi tutto
21-6-2020 15:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (2013 voti)
Agosto 2021
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Luglio 2021
Nuovo digitale terrestre, tutto rimandato
Rinunciare allo smartphone
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 agosto


web metrics