4 italiani su 10 pagano i riscatti del ransomware

Ma solo 1 su 10 recupera i dati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-03-2021]

paganti

Secondo uno studio condotto su 15.000 persone in tutto il mondo, nel 2020 il 39% degli italiani vittima di ransomware ha pagato il riscatto per ripristinare l'accesso ai propri dati. Tuttavia, il 43% non ha comunque recuperato le informazioni rubate. Fortunatamente, gli utenti sono sempre più consapevoli in tema di sicurezza informatica e questo è un ottimo segnale per la lotta contro i ransomware.

Il ransomware è un tipo di malware che viene utilizzato per estorcere denaro. In questo tipo di attacchi, viene usata la crittografia per impedire agli utenti di recuperare i propri dati o di accedere al proprio dispositivo.

Guardando ai dati a livello globale e alle fasce di età degli intervistati, nel 2020, gli utenti di età compresa tra 35 e 44 anni si sono dimostrati i più propensi a pagare il riscatto con il 65% di persone che ha dichiarato di averlo fatto. Inoltre, più della metà (52%) degli utenti di età compresa tra i 16 e i 24 anni e solo l'11% di quelli di età superiore ai 55 anni hanno versato denaro ai criminali, dimostrando che gli utenti più giovani sono più propensi a pagare un riscatto rispetto a quelli di età superiore ai 55 anni.

Tra gli italiani intervistati che hanno subito un attacco ransomware, il 33% ha dichiarato di aver perso quasi tutti i suoi dati. Indipendentemente dal fatto che abbiano pagato o meno, in Italia solo l'11% delle vittime è stato in grado di ripristinare tutti i file criptati o bloccati dopo l'attacco. Il 17%, invece, ne ha persi solo alcuni mentre il 22% non è riuscito a recuperarne una quantità significativa.

"Questi numeri mostrano che una percentuale significativa di utenti, negli ultimi 12 mesi, ha pagato un riscatto per recuperare i propri file. Purtroppo, pagare non garantisce nulla, anzi incoraggia i criminali informatici a proseguire con i loro attacchi e consente a questa pratica di prosperare", ha commentato Marina Titova, Head of Consumer Product Marketing presso Kaspersky.

"Per proteggersi gli utenti dovrebbero prima di tutto investire nella protezione e nella sicurezza dei propri dispositivi e fare regolarmente il backup di tutti i dati. Questo renderebbe l'attacco stesso meno redditizio per i criminali informatici, riducendo la diffusione di queste minacce e garantendo un futuro più sicuro per gli utenti del web."

Oggi, il 28% ha sentito parlare dei ransomware negli ultimi 12 mesi. È importante che questa percentuale di persone consapevoli aumenti man mano che cresce il lavoro da remoto ed è fondamentale che gli utenti capiscano come comportarsi in presenza di un ransomware.

Le nostre raccomandazioni:

• Non pagare il riscatto se il dispositivo è stato bloccato: questo incoraggerebbe i criminali a continuare nelle estorsioni. Si consiglia di contattare le forze dell'ordine locali e segnalare l'attacco.

• Cercare di scoprire il nome del trojan ransomware. Queste informazioni possono aiutare gli esperti di cybersecurity a decifrare e risolvere la minaccia.

• Utilizzare gli appositi tool per la rimozione dei ransomware e consultare le informazioni su come proteggersi da queste minacce.

• Evitare di cliccare sui link presenti nelle email spam o su siti web sconosciuti e non aprire gli allegati delle email inviate da utenti di cui non ci si fida.

• Non inserire mai chiavi USB o altri dispositivi rimovibili di archiviazione nel proprio computer se non si è certi della loro provenienza.

• Proteggere il proprio computer dai ransomware con una soluzione completa di sicurezza online.

• Eseguire il backup dei dispositivi in modo che i propri dati rimangano al sicuro in caso di attacco

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Tenet, occhio ai fake che svuotano il conto in banca
Il ransomware per Mac che si diffonde con la pirateria
Attacco ransomware blocca alcune fabbriche Honda
Truffatori informatici si attaccano a tutto: anche a Black Lives Matter
Il virus del programmatore
Il ransomware che si spaccia per l'app Immuni

Commenti all'articolo (3)

E per fortuna che si diceva che i nativi digitali sono più avanti di noi vecchietti, forse non proprio in tutto però... Questa propensione a pagare un riscatto a seguito di un attacco ransomware denota che invece sono ampiamente carenti su almeno due temi fondamentali in campo informato ovvero la protezione/sicurezza dei dati e la... Leggi tutto
3-4-2021 14:53

Ripper, tra le due, conviene di piu' la TERZA, ovvero comprare un programma per fare i BACKUP. Che ti mette al sicuro: - dai ransomware - dai problemi derivanti da aggiornamnti di windows - dai guasti dell'harddisk - dal furto del portatile - dalle cancellazioni involontarie di file - varie ed eventuali Ti consiglio quelli che... Leggi tutto
31-3-2021 12:44

Ora non so quanto costino i riscatti dei ransomware ma di certo ingaggiare un esperto di cybersecurity non è gratis, mica vive d'aria. Se sono sui 100/200€ conviene pagare piuttosto che correre il rischio con un esperto che magari non può fare nulla e ti presenta una fattura di 300€ a fine prestazione. Poi dipende sempre dalla grandezza... Leggi tutto
31-3-2021 11:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il tuo tipo di videogioco preferito?
Arcade
Avventura
Azione
FPS
Gestionale
Gioco di ruolo
Guida
Party game
Picchiaduro
Platform
Puzzle
Rhythm game
Serious game
Simulazione
Sportivo
Strategia

Mostra i risultati (1507 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics