Tesla e il mistero delle auto che inchiodano da sole

Un numero allarmante di Tesla ha preso a frenare all'improvviso, senza intervento da parte del guidatore e senza alcun motivo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-02-2022]

tesla frenate fantasma

Verrà un giorno in cui le auto si guideranno da sole in tutta sicurezza, sfrecciando ad alta velocità ma ordinatissime e senza pericolo mentre i loro occupanti si porteranno avanti col lavoro, guarderanno un film o recupereranno un po' di sonno.

Nell'attesa, la realtà ci mostra che un mondo del genere è più facile a sognarsi che a realizzarsi: una delle aziende che maggiormente sta investendo sulla guida autonoma, infatti, ancora una volta si trova davanti a un problema inaspettato.

L'azienda in questione è naturalmente Tesla, le cui autono da qualche tempo paiono aver iniziato a frenare all'improvviso, di propria iniziativa e senza alcuna necessità.

Il problema è diventato particolarmente grave a partire dallo scorso ottobre: da quel mese in avanti, infatti, la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA - l'ente americano che si occupa della sicurezza sulle strade) ha iniziato a ricevere un numero preoccupante di lamentele a proposito di "frenate fantasma" operate dalle Tesla, che nel giro di tre mesi sono arrivate a 107.

Il numero può non sembrara molto alto in termini assoluti ma, se si considera che nei precedenti 22 mesi le lamentele riguardanti le frenate immotivate erano state soltanto 34, è facile concludere che qualcosa ha iniziato ad andare storto di recente, e non si può semplicemente imputare il problema ai "problemi di gioventù" dei sistemi di guida automatica.

La NHTSA ha preso tanto sul serio la questione da aver emanato un richiamo volontario per quasi 54.000 veicoli prodotti da Tesla, al fine di fare chiarezza su un fenomeno che ovviamente può essere molto pericoloso per la sicurezza di tutti coloro che si spostano in auto.

Le cause dello strano comportamento al momento non sono note con certezza e per cercare un filo conduttore tra i vari episodi non resta che affidarsi alle testimonianze dei proprietari delle Tesla che hanno iniziato a frenare da sole.

Uno di questi, per esempio, ha raccontato che lo scorso novembre la sua Tesla «in diverse occasioni» «frenava con forza» quando capitava di raggiungere la sommità di una collina o se un veicolo di grandi dimensioni si avvicinava dalla direzione opposta; un altro proprietario di Tesla ha affermato che la sua auto frenava con violenza «oltre 10 volte in 20 miglia», ogni volta che un camion o un veicolo analogo sopraggiungeva in senso opposto nella corsia accanto.

Da questi e altri racconti si è notato che in molti casi veniva citato il fatto che era attiva la funzionalità Traffic-Aware Cruise Control che, come dice il nome, interviene sul comportamento dell'auto in base alle condizioni del traffico.

Ciò aiuta a restringere il campo per la ricerca dell'esatto colpevole, ma restano ancora alcune possibilità da vagliare. Alcuni esperti di sicurezza, interpellati dalla stampa, hanno ipotizzato che il fenomeno sia da ricondurre al rollback del software di gestione della guida autonoma avvenuto proprio in ottobre, a quanto pare proprio per questioni legati alle "frenate fantasma" (che, come abbiamo visto, già non erano un fenomeno del tutto inedito).

Altri ritengono che le frenate siano collegate alla decisione di Tesla di abbandonare il radar e di affidarsi unicamente alle telecamere e ad altri sensori per il rilevamento dell'ambiente circostante.

Qualunque sia la causa, la ricerca di una risposta definitiva, ora, spetta alla NHTSA che, nel corso delle indagini, valuterà anche se quanto accaduto sia da attribuirsi a specifiche responsabilità di Tesla.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Tesla col richiamo: caos e incidenti nei parcheggi
Tesla in tribunale: i pannelli solari prendono fuoco
Tesla si schianta contro camion e prende fuoco, nonostante l'Autopilot
Tesla, un altro trimestre in perdita

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Beh, se avessero voluto che si occupasse di altro non lo avrebbero chiamati uConnect ma Autopilot come in Tesla... :lol:
12-2-2022 11:13

Conosco bene uCoonect che ho sulla Panda, a volte mi diverto a intripparlo con i comandi vocali. :lol: Per fortuna si occupa solo di telefono e rubrica, e non di frenate o altro.. :roll: Leggi tutto
5-2-2022 23:15

:malol: Leggi tutto
5-2-2022 13:57

Evidentemente in situazioni parzialmente non previste o con potenziale elevato pericolo hanno optato per il comportamento più conservativo che, in auto, è ovviamente: nel dubbio frena... Questo è uno dei motivi per cui continuo a ritenere che le situazioni miste in cui, a circolare, ci saranno quote sensibilmente maggiori di oggi di... Leggi tutto
5-2-2022 13:55

Anche per esperienza personale, confermo. Sia il precedente Blue&Me sia l'attuale uConnect basano su Windows Embedded Automotive. Leggi tutto
5-2-2022 12:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3712 voti)
Febbraio 2023
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 febbraio


web metrics