Windows 11 impone il nuovo Outlook agli utenti

Per Posta e Calendario si avvicina il pensionamento forzato, che gli utenti lo vogliano o no.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-07-2023]

win outlook posta calendario

Alla fine di giugno, Microsoft ha annunciato l'intenzione di mandare in pensione l'applicazione Posta e Calendario di Windows 11 per sostituirla con Outlook; non la versione inclusa nella suite Office, ma la Progressive Web App accessibile dal web.

Per completare la transizione era stato dato tempo fino al settembre 2024: oltre un anno, durante il quale gli utenti avrebbero potuto familiarizzare con l'idea di abbandonare le app fin qui adoperate e passare al nuovo software.

Chi non voleva aspettare poteva già decidere di attivare Outlook per Windows agendo sul selettore che appare nell'angolo superiore destro dell'app Posta e Calendario, porta l'etichetta Prova il nuovo Outlook e offre due posizioni: One e Off: attivandolo, la nuova app prendeva il posto di quella vecchia, ma l'adesione alla novità era del tutto volontaria.

Ora però le cose sono un po' cambiate. Da qualche giorno gli utenti di Windows 11 hanno iniziato a veder apparire una notifica con la quale li si informa non solo dell'eliminazione di Posta e Calendario entro la fine del 2024, ma anche del fatto che una "spintarella" in direzione dell'adozione di Outlook arriverà a breve.

«Verso la fine di agosto 2023 inizieremo anche un processo di auto-migrazione degli utenti dell'app Posta e Calendario verso il nuovo Outlook per Windows, con la possibilità di fare marcia indietro, se così dovessero scegliere» scrive infatti Microsoft in un messaggio che ha già iniziato a mostrarsi agli utenti di Microsoft 365.

La transizione sarà «il più "user friendly" possibile», assicurano da Redmond, ma è chiaro che la decisione di spingere gli utenti verso Outlook sin dal prossimo mese appare tutt'altro che delicata o amichevole verso l'utente.

Nei prossimi mesi, quindi, gli utenti di Windows 11 vedranno apparire Outlook sul proprio sistema che lo vogliano oppure no: sarà scaricato automaticamente dal Microsoft Store e, una volta che sarà stato installato, cliccare sull'icona di Posta e Calendario causerà l'avvio di Outlook per Windows.

Chi non apprezzasse questa prepotenza e volesse tornare indietro potrà farlo (fino al fatidico settembre 2024) tramite un selettore del tutto analogo a quello che oggi si trova in Posta e Calendario e porta sempre l'etichetta Prova il nuovo Outlook.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft cancella Paint e Outlook Express da Windows
Criminale informatico lascia qualche piccolo indizio di troppo
Debutta Windows 10, che fare?
Office 16, le novità in anteprima e il ritorno di Clippy
Addio Hotmail, benvenuto Outlook
Microsoft contro Gmail: viola la privacy

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Difatti chi non ha l'app preinstallata usa la posta da browser, magari dopo aver chiesto come fare. L'utente medio Ŕ veramente base. Leggi tutto
6-9-2023 11:49

Quoto!!! p.s. sono felicissimo utilizzatore di Thunderbird da oramai non so nemmeno pi¨ quanti anni... :lol: Leggi tutto
4-8-2023 15:28

Concordo con Zeross. Aggiungo che in Microsoft Office esiste da sempre un client di posta (Outlook), molto migliore di quelli preinstallati
28-7-2023 18:50

L'utente di Windows 11 pu˛ liberamente decidere di installare ed usare thunderbird come programma di posta, nessuno lo vieta, ma se il suo cervello non gli consente di andare oltre una spintarella del mouse allora non dovrebbe nemmeno lamentarsi della decisione di MICROSOFT DI CAMBIARE PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA. Esistono molti... Leggi tutto
27-7-2023 21:16

{rerum}
Una volta che ti metti nelle mani di un monopolista, sarà lui a decidere per te, e tu dovrai adeguare la tua vita alle sue esigenze. E' ovvio, ma non per le masse.
26-7-2023 11:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di questi scienziati avrebbe meritato il premio Nobel?
Andrew Benson, per la scoperta del Ciclo di Calvin della fotosintesi clorofilliana.
Dmitri Mendeleev, per l'ideazione della tavola periodica degli elementi.
Fred Hoyle, per gli studi sulla nucleosintesi stellare.
Jocelyn Bell Burnell, per la scoperta delle pulsar.
Nikola Tesla, per i suoi lavori sulla trasmissione delle onde radio.
Albert Schatz, per la scoperta della streptomicina (rimedio contro la tubercolosi).
Chien-Shiung Wu, per i lavori sulla legge di conservazione della paritÓ.
Oswald Avery, per gli studi sulla trasmissione dei caratteri ereditari tramite DNA.
Douglas Prasher, per la scoperta della proteina fluorescente verde.
Lise Meitner, per il contributo ai lavori sulla fissione nucleare.

Mostra i risultati (1899 voti)
Settembre 2023
Microsoft, minireattori nucleari per alimentare i datacenter della IA
NFT senza valore, la bolla è scoppiata
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
La scorciatoia che “congela” Gestione Attività
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Da Z-Library un'estensione per aggirare i blocchi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 ottobre


web metrics