Windows 10, Microsoft vara il supporto esteso oltre il 2025

Chi si iscriverà al programma ESU riceverà ancora gli aggiornamenti di sicurezza, ma dovrà pagare un abbonamento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-12-2023]

windows 10 esu

Tutti ormai dovrebbero sapere che il supporto a Windows 10 cesserà nell'ottobre del 2025: già ora questa particolare versione del sistema operativo non riceve più aggiornamenti delle funzionalità, ma tra poco meno di due anni non riceverà nemmeno gli aggiornamenti di sicurezza.

Poiché Windows 11 ha introdotto importanti limitazioni all'hardware su cui può essere installato, per molti utenti ciò può significare una cosa soltanto: la necessità di sostituire il proprio (magari perfettamente funzionante) Pc nel prossimo futuro.

Ora però Microsoft ha annunciato che esiste una via alternativa all'abbandono dei PC con Windows 10: il programma Extended Support Updates (ESU).

Se l'acronimo suscita qualche ricordo il motivo sta nel fatto che si tratta dello stesso adoperato ai tempi della fine del supporto a Windows 7, che ancora per tre anni dopo la cessazione ufficiale del supporto ha continuato a fornire gli update di sicurezza.

Il programma ESU per Windows 7 era dedicato alle aziende ed era a pagamento; questa seconda caratteristica non è cambiata nella versione per Windows 10, ma questa volta il programma è stato aperto anche agli utenti comuni.

La versione inglese (quella italiana non è stata ancora aggiornata) della pagina dedicata alla durate del supporto per Windows recita infatti: «Se siete un utente individuale o un'organizzazione che voglia continuare a usare Windows 10 dopo la fine del supporto il 14 ottobre 2025, avrete la possibilità di iscrivere il PC al programma a pagamento Extended Security Updates».

In questo modo il computer continuerà a ricevere gli aggiornamenti che Microsoft definirà Critici e Importanti in cambio di una quota annuale, la cui consistenza deve però ancora essere definita, così come non è stata ancora decisa la durata del supporto esteso.

La decisione di varare il programma ESU per le aziende non stupisce più di tanto, mentre invece coglie di sorpresa la sua estensione agli utenti domestici: forse Microsoft si è resa conto dell'elevato numero di computer attualmente funzionanti con Windows 10 che semplicemente non verranno aggiornati a Windows 11 (o magari a Windows 12) dopo il 14 ottobre 2025 e che gli utenti continueranno a usare senza cura per la propria protezione, e ha deciso di rimediare al problema di sicurezza incassando allo stesso tempo qualche abbonamento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
HP stacca la spina a WebOS
Windows XP, è l'ora della pensione
Windows XP, fine di un'era
Bye bye, Windows XP: difese obsolete
La morte di Windows XP colpisce duramente i bancomat
Windows XP sta per scadere
Il final countdown per Windows XP
Niente Internet Explorer 10 per Windows Vista

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Non hai messo il 3 al posto della E finale, avrebbe reso meglio l'idea... :thanks:
27-1-2024 09:46

Se un utente casalingo di un PC lo butta nella spazzatura solo perché non fa girare windows 12, è solo un C0GL10NE (modo volgare per indicare un individuo dotato di una intelligenza limitate ed abituato a compiere azioni estremamente stupide :x ) poiché non in grado di comprendere la vera utilità di un PC, inteso come strumento di... Leggi tutto
26-1-2024 18:38

Si spera che i PC vengano disassemblati per recuperarne il più possibile le materie prime visti i costi e le difficoltà sempre maggiori nel reperimento...
26-1-2024 17:38

{Alberto}
Speriamo l'Europa e non solo faccia pressioni su MS. Penso che l'impatto ambientale di milioni di PC buttati improvvisamente in discarica sarebbe enorme.
23-1-2024 09:22

Io, uso ancora Seven che con antivirus, antimalware, un Sw di patch automatiche e un minimo di attenzione a cosa si fa - ovvero utilizzo del cervello per evitare situazioni incresciose - fa ancora il suo onesto lavoro su un PC di 14 anni senza, ad oggi, aver mai dovuto affrontare problemi anche senza update di sicurezza. Quindi M$ i... Leggi tutto
5-1-2024 19:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te qual è l'estensione più utilizzata in Italia, tra le ultime nate?
.app
.art
.casa
.cloud
.design
.holiday
.hotel
.online
.shop
.srl
.store
.web

Mostra i risultati (1563 voti)
Luglio 2024
Intel rinuncia alla fabbrica italiana
Non è tutta colpa di Microsoft o di Crowdstrike
La Marina tedesca cerca una soluzione per sostituire i floppy da 8 pollici
WhatsApp, arriva la trascrizione automatica dei messaggi vocali
10 miliardi di password rubate e pubblicate in chiaro
Copilot si aggiorna e diventa inutile
La super SIM cinese con processore RISC-V
Giugno 2024
Tim al capolinea: dal 2 luglio la Rete non sarà più sua
Gli USA mettono al bando Kaspersky
Windows 11, l'ultimo aggiornamento è infestato da bug
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 luglio


web metrics