La stampante 3D che funziona a Nutella

Stampare non è mai stato così dolce.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-08-2014]

stampante 3D nutella

Di stampanti 3D che non si limitino al normale materiale plastico ormai ce n'è una discreta quantità, ma Discov3ry Extruder è del tutto particolare.

Nato grazie a una campagna di successo su Kickstarter (oltre 120.000 dollari raccolti, quando l'obiettivo era di 30.000), Discov3ry Extruder non è una stampante completa ma un'alternativa al tradizionale sistema che deposita il materiale installato nelle stampanti di aziende come MakerBot o Leapfrog. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è il prodotto più obsoleto tra questi?
Il lettore DVD da salotto: sta per fare la fine del videoregistratore VHS.
L'iPod: ormai la musica si ascolta con lo smartphone.
Il Blackberry: ha pochissime app, ormai ha fatto il suo tempo.
Angry Birds: ormai la moda è passata.
Un telefonino che non sia smartphone: esistono ancora?
L'auricolare Bluetooth: è bruttissimo a vedersi.
Lo smartwatch, per lo meno quelli di prima generazione: brutti e limitati.
Il Nintendo Wii: non può competere con l'Xbox One e la PS4.

Mostra i risultati (2140 voti)
Leggi i commenti (8)
Sostituendo questo componente con Discov3ry Extruder si apre un mondo di materiali finora preclusi, ossia tutti quelli che hanno una consistenza viscosa, simile al gel: ciò significa poter stampare con il silicone, ma anche con della meringa o perfino con la Nutella.

«Possiamo stampare cose come il silicone e il lattice e il poliuretano, che sono estremamente flessibili» spiega Andrew Finkle di Structur3D Printing, l'azienda che ha realizzato questo dispositivo.

Con questo sistema si possono realizzare oggetti che prima era semplicemente impossibile fabbricare con le stampanti 3D: «Immaginate di inserire una suola ortopedica di plastica rigida nella scarpa» racconta Finkle, evidenziando come soltanto usando materiali "morbidi" si possano raggiungere certi risultati.

materiali

Inoltre, c'è tutto il capitolo relativo alla cucina, che si apre quandi si usano per stampare materiali commestibili (per decorare una torta, per esempio). «Si possono mangiare i propri errori e divertirsi molto di più rispetto alla tradizionale stampa con la plastica» aggiunge Finkle.

Discov3ry Extruder può essere preordinato tramite il sito ufficiale, dove è in vendita a 349 dollari (ovviamente occorre già possedere una stampante 3D).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1320 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 giugno


web metrics