20 anni di Windows Me, l'edizione più odiata di Windows

Ci sarà una ragione se era chiamata Mistake Edition.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-09-2020]

20anni windows me

Lo scorso agosto abbiamo ricordato i 25 anni di Windows 95, un sistema operativo che, nel bene e nel male, viene ricordato con affetto e nostalgia dagli utenti di allora: nonostante i suoi difetti gli vengono generalmente riconosciuti i pregi e le innovazioni di cui è stato portatore.

Il 14 settembre è stata l'occasione di un ulteriore anniversario, sempre legato ai sistemi operativi di Microsoft ma probabilmente ricordato con meno gioia: quello di Windows Me.

La più bistrattata versione di Windows, l'ultima della serie 9x, compie infatti vent'anni, essendo stata rilasciata il 14 settembre 2000.

Le stranezze di Windows Me cominciano sin dalla tempistica decisa da Microsoft. Il rilascio avvenne infatti a soli sette mesi da quello di Windows 2000, una versione di Windows basata su Windows Nt (lo stesso core, debitamente aggiornato, che troviamo in Windows 10) e che è stata subito apprezzata per le sue robustezza e stabilità.

Windows 2000 aveva però una pecca, se così si può dire: soffriva di una mancanza di compatibilità con molte periferiche usate in ambito domestico.

Per non far sentire abbandonati a sé stessi gli utenti domestici, che con l'avvicinarsi del nuovo millennio rischiavano di considerare un po' "vecchio" il pur perfettamente funzionante Windows 98, e a causa dei ritardi del progetto Whistler (che sarebbe diventato Windows Xp), Microsoft decise di pubblicare un'ultima versione di transizione della famiglia 9x: Windows Me, appunto.

Pur basato su Ms-Dos come Windows 95 e Windows 98, Windows Me faceva di tutto per nasconderlo, per esempio nascondendo la possibilità di riavviare in modalità Dos pura, con grande scorno soprattutto dei videogiocatori.

Introduceva poi tutta una serie di novità, dalle icone analoghe a quelle di Windows 2000 fino alla prima incarnazione del Ripristino della Configurazione di Sistema, passando per tutta una serie di applicazioni multimediali come Windows Movie Maker e Windows Media Player 7, senza dimenticare lo Universal Plug and Play.

Il guaio è che ogni aspetto del sistema sembrava colpito da instabilità e inaffidabilità: episodi di freeze del sistema e crash (con le famose schermate blu della morte) erano tutt'altro che infrequenti, e la fama di Windows Me ne risentì tanto che la rivista Pc World tradusse l'acronimo in Mistake Edition (Edizione dell'errore).

La dicitura Me nel nome stava in realtà per Millennium Edition, almeno nelle intenzioni iniziali di Microsoft; poi questo fatto venne un po' nascosto nelle campagne pubblicitarie, che per lo più lasciavano intendere che con me Microsoft intendesse il pronome, sottolineando come - grazie alla spiccata vocazione multimediale - Windows Me forse un'edizione di Windows che ogni utente poteva considerare "propria".

Tutto ciò non avvenne, e molti tornarono a Windows 98. Altri decisero di adottare Windows 2000 (a volte copiandolo illegalmente dai Cd-Rom aziendali), e qualcuno si rassegnò al comportamento imprevedibile di Windows Me fino all'arrivo di qualcosa di meglio.

Questo "qualcosa" non tardò, anche se inizialmente non era proprio un gioiello di stabilità: Windows Xp venne rilasciato il 25 ottobre 2001, poco più di un anno dopo il rilascio di Windows Me, la cui breve vita venne rapidamente consegnata alla storia.

Qui sotto, lo spot di lancio di Windows Me.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)

Una mia compagna di classe acquistò il suo primo PC proprio con Windows Millennium. Aveva molti problemi. :roll:
14-6-2022 00:42

Beh, mi fa piacere che ci sia stato qualcuno che è riuscito a farlo funzionare in modo a lui gradito, io proprio non ci sono mai riuscito su nessun PC e sul mio non l'ho mai installato passando direttamente da 98 a XP. Francamente non ricordo le configurazioni dei PC dei mie conoscenti che lo utilizzavano, magari erano insufficienti per... Leggi tutto
9-4-2022 11:29

{userzino}
Windows Me è stato il mio primo sistema operativo, all'inizio andava spesso in crash ma configurato a fondo era diventato stabile e veloce come una sceggia, avevo anche portato la ram a 384mb (tanta roba per allora). Mi piaceva un sacco, ad oggi ancora riesce a navigare sul web! (i virus per windows me ormai si sono estinti... Leggi tutto
7-4-2022 16:40

Sono senz'altro d'accordo con quanto scrivi SverX non c'è alcun dubbio che il paragone fra un SW appena rilasciato ed uno maturo sia un esercizio impraticabile. In generale, ho cercato di dare il mio giudizio sulla base di una valutazione media nel tempo di vita degli SO citati, ovviamente con tutte le cautele del caso e sottolineando... Leggi tutto
23-11-2020 14:01

ho usato quasi tutte le versioni di Windows mai esistite e una cosa che ho capito è che non si può paragonare la qualità del software appena uscito e lo stesso al momento del ritiro. Per esempio: in ufficio fummo tra i primi a usare Windows 2000, sostituendolo sia nei PC con Windows 98 che nei PC con Windows NT Workstation (quasi... Leggi tutto
23-11-2020 12:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1568 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 giugno


web metrics