Apple dice addio a Intel: ecco MacBook Air, MacBook Pro e Mac Mini basati su Arm

Con i chip M1 inizia l'era di Apple Silicon.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-11-2020]

nuovi mac arm

Martedì 10 novembre la transizione annunciata da Apple all'ultima Wwdc è ufficialmente iniziata.

Inizia l'era di Apple Silicon. Ciò, in altre parole, significa che per le proprie linee di computer Apple abbandona i processori Intel a favore di una soluzione sviluppata in proprio e basata sull'architettura Arm, la stessa usata negli iPhone e negli iPad (oltre che in pressoché tutti gli smartphone).

La prima generazione di processori Apple Silicon si chiamerò M1, apparentemente inaugurando quindi una serie che si affianca ai chip della serie A (dedicata ad iPhone e iPad) giunta ormai al modello A14.

L'Apple M1 è costruito con processo a 5 nanometri e contiene 16 miliardi di transistori. È dotato di dodici core in totale, otto dei quali sono definiti performance core e quattro dei quali sono efficiency core.

Non dovremo aspettare troppo per vedere il chip M1 in azione. Contestualmente al processore, Apple ha presentato anche la prima generazione di prodotti che ne farà uso, composta da nuovi modelli di MacBook Air, Mac Mini e MacBook Pro.

Il MacBook Air mantiene l'aspetto noto, lo schermo da 13 pollici e il design completamente privo di ventole ma, grazie all'accoppiata M1 e macOS 11 Big Sur, è in grado di essere tre volte più veloce del 98% dei laptop con Windows prodotti lo scorso anno; o così sostiene Apple.

Per quanto riguarda l'autonomia, il MacBook Air promette 15 ore di navigazione web senza fili e 10 ore di videoconferenza, mentre un nuovo processore dedicato a gestire le immagini offre prestazioni migliori in videochiamata per quanto riguarda la fotocamera.

Il nuovo MacBook Pro - prodotto con schermo da 13 pollici e con memoria da 256 o 512 Gbyte - si presenta come 2,8 volte più veloce rispetto alla generazione precedente, e offre un'autonomia più generosa di quella del MacBook Air: 17 ore di navigazione web e 20 ore di videoconferenza.

apple silicon m1 specs

Infine, il Mac Mini: anche qui il confronto con la generazione precedente parla di una velocità tripla, ma Apple si spinge a dire che, se confrontato con «il miglior desktop Windows nella sua fascia di prezzo», la velocità è superiore di addirittura cinque volte.

Per quanto riguarda i prezzi, la versione base del MacBook Air costa 1.159 euro, quella del MacBook Pro costa 1.479 euro e quella del Mac Mini 819 euro. I nuovi Mac saranno disponibili dal 17 novembre.

MacBook

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
iPad mini, il jelly scrolling è del tutto normale
Apple, in autunno i Mac Mini con chip M1X
Lo strano caso dei MacBook M1 che si crepano senza motivo
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Apple, tutte le novità della WWDC 2021
Apple svela i nuovi iMac e iPad Pro con chip M1
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Windows 10? Funziona meglio sui nuovi Mac che sui Surface
È ufficiale: Apple abbandona i processori Intel

Commenti all'articolo (4)

Queste sembrano tutte dichiarazioni di parte, sarà utile confrontarle con qualche modalità di verifica indipendente per capire quanto, in realtà, siano attendibili.
20-12-2020 15:09

{aldo}
Sarebbe molto interessante dare un'occhiata al microcodice. Chissà che un'audit non sveli le mire attuali e future di Apple, aldilà delle dichiarazioni di marketing.
12-11-2020 16:45

le dimensioni dell'HD costituiscono però un grave problema e temo che cambiarlo dagli ultimi modelli in poi sia impossibile. Per il resto se riescono anche a diminuire i prezzi... bravi.... sarà anche una "gabbia dorata" ma io mi ci trovo bene, anche se windows con il 10 è molto migliorato
12-11-2020 09:08

{aldolo}
up to è come gli sconti durante i saldi. fino a. tranne per quello che serve a te.
12-11-2020 07:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dal 2013 è obbligatoria l'iscrizione online per le prime classi di tutte le scuole. Secondo te...
E' giusto e da Paese civile.
Molte famiglie saranno in difficoltà perché non hanno la connessione o non navigano in Internet.
Va bene ma ci vuole un supporto per le famiglie che ancora non navigano in Rete.

Mostra i risultati (1585 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 gennaio


web metrics