Stalkerware, i software utilizzati per spiare il partner

L'Italia è il secondo Paese europeo più colpito.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-02-2021]

stalkerware 2020

Nel 2020, secondo quanto emerso da un'indagine, oltre 50mila utenti mobili a livello globale sono stati colpiti da stalkerware. Si tratta di software che permettono di spiare le persone attraverso i loro dispositivi e spesso vengono utilizzati per controllare il partner nei casi di violenza domestica.

Dal recente report di Kaspersky The State of Stalkerware 2020 è emerso che il fenomeno degli stalkerware utilizzati nei casi di violenza domestica è ancora molto diffuso.

Nel 2020 il numero di utenti mobili colpiti è stato di circa 53.870, solo il 20% in meno dello scorso anno in cui le vittime erano 67.500. Anche in Italia la situazione non è migliorata di molto: nel 2020, il numero di utenti colpiti è diminuito solo del 37% (1.144 nel 2020 contro i 1.829 del 2019) e l'Italia si posiziona, per il secondo anno consecutivo, al secondo posto tra i Paesi europei più colpiti dal fenomeno (ottavo Paese nella classifica mondiale).

Tenuto conto che gli stalkerware spesso vengono utilizzati per controllare virtualmente la vita del partner, per avere una valutazione più affidabile rispetto ai miglioramenti osservati, è opportuno tenere in considerazione che nel periodo preso in esame in tutto il mondo la pandemia ha costretto milioni di persone in casa tra cui le vittime di stalkerware. Da marzo a giugno 2020, infatti, a livello globale abbiamo assistito a un calo delle segnalazioni annuali degli utenti colpiti da stalkerware e successivamente, quando in molti Paesi le restrizioni sono state allentate, i numeri hanno cominciato a stabilizzarsi.

Dimensioni globali del fenomeno

Gli stalkerware sono una forma di cyberviolenza. Si tratta di un fenomeno globale che colpisce tutti i Paesi indipendentemente dalle dimensioni o dalla cultura. Tra i 10 Paesi più colpiti dal fenomeno troviamo Russia, Brasile, Stati Uniti d'America, India, Messico, Germania (primo Paese in Europa per diffusione del fenomeno) Iran, Italia (che nel 2019 si era invece classificata al sesto posto nella classifica mondiale), Regno Unito e, infine, Arabia Saudita.

stalkerware

"Il numero di utenti colpiti da stalkerware è comunque molto alto e ogni giorno rileviamo nuovi campioni. È importante ricordare che dietro ogni numero si nasconde una persona e, a volte, una silenziosa richiesta di aiuto. Proprio per questo motivo e per avere una visione più approfondita del problema, condividiamo la nostra esperienza con la community che lavora per porre fine a questo fenomeno. Condividere le nostre conoscenze ci consente di rilevare più facilmente la presenza degli stalkerware e di proteggere le vittime di cyberviolenza", ha dichiarato Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky.

Azioni contro la cyberviolenza

Dal 2021, insieme ad altri quattro partner, Kaspersky collabora al progetto europeo DeStalk sostenuto dalla Commissione europea attraverso il programma per i Diritti, l'uguaglianza e la cittadinanza. Secondo i dati rilevati da Kaspersky, nel 2020, sono circa 6.459 gli utenti europei mobili colpiti da stalkerware. Germania, Italia, Francia e Spagna sono stati i Paesi più interessati dal fenomeno.

Nel 2019, prima di partecipare al progetto DeStalk, Kaspersky ha fondato, insieme ad altre nove organizzazioni la Coalition Against Stalkerware , che ora conta 30 membri provenienti da tutto il mondo. La coalizione mira a migliorare il rilevamento degli stalkerware, condividere le conoscenze tra organizzazioni e aziende senza scopo di lucro e a sensibilizzare l'opinione pubblica.

"Le organizzazioni che fanno parte della Coalition Against Stalkerware hanno raggiunto obiettivi molto importanti nell'ultimo anno, tra cui un aumento del livello di consapevolezza dell'opinione pubblica e del numero di stalkerware rilevati e un maggiore supporto ai sopravvissuti agli abusi domestici. La coalizione ci ha permesso di adottare un approccio olistico a un problema complesso. Non esiste una soluzione semplice ma è necessario lavorare su molti fronti", ha affermato Eva Galperin, direttore della Cybersecurity, Electronic Frontier Foundation.

stalkerware2

Inoltre, a novembre 2020, Kaspersky ha rilasciato TinyCheck , uno strumento anti- stalkerware gratuito che ha l'obiettivo di aiutare le organizzazioni no-profit a sostenere le vittime di violenza domestica e proteggere la loro privacy. La caratteristica unica di questo strumento è la capacità di rilevare gli stalkerware e informare gli utenti colpiti senza che il persecutore lo sappia. Lo strumento è stato positivamente accolto dalla community di sicurezza informatica e viene costantemente aggiornato grazie alla collaborazione di tutti gli esperti che ne fanno parte.

Per verificare la presenza di stalkerware su un dispositivo mobile Kaspersky raccomanda di:

- Controllare le autorizzazioni concesse alle app installate: le applicazioni stalkerware possono nascondersi dietro falsi nomi e avere accesso a messaggi, chiamate, posizione e altre attività personali. Per esempio, un'applicazione con il nome "Wi-Fi" che ha accesso alla geolocalizzazione è potenzialmente sospetta.

stalkerware3

- Disinstallare le app che non vengono più utilizzate. Se un'applicazione non viene aperta da oltre un mese, probabilmente non è davvero così utile. Nel caso dovesse tornare utile in futuro può sempre essere reinstallata.

- Controllare le impostazioni di download da "fonti sconosciute" sui dispositivi Android. Se questa funzione risultasse abilitata, una terza persona potrebbe aver installato un software indesiderato.

- Controllare la cronologia del browser. Per scaricare gli stalkerware, il persecutore dovrà visitare alcune pagine web sconosciute all'utente colpito. Se non risulta presente alcuna cronologia, il perpetratore potrebbe averla cancellata.

- Utilizzare una soluzione di sicurezza informatica affidabile, come Kaspersky Internet Security for Android, che protegge da tutti i tipi di minacce mobili ed esegue controlli regolari sul dispositivo.

Prima di rimuovere gli stalkerware da un dispositivo:

- Valutare le conseguenze. Ad esempio, chi ha scaricato il software sul dispositivo potrebbe accorgersene. L'aggressore potrebbe rappresentare un rischio per la sicurezza e, in alcuni casi, potrebbe reagire intensificando i suoi comportamenti abusivi.

- Contattare le autorità locali e le organizzazioni di servizi che supportano le vittime di violenza domestica per ricevere assistenza e pianificare insieme le misure da adottare. Sul sito StopStalkerware è disponibile una lista di organizzazioni a cui rivolgersi presenti in diversi Paesi.

- Prima di rimuovere le prove della presenza di uno stalkerware verificare se le prove possono essere utili alle indagini.

- Fidarsi del proprio istinto e prendere la decisione che si ritiene più sicura.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Wi-Fi che ti spia
e-privacy: lasciateci la faccia
Sparisce Ghosty, l'app per spiare gli utenti Instagram
Stalker online scova la vittima dal riflesso nell'occhio in una foto
Riconoscimento facciale durante i concerti di Taylor Swift
Italia, carta d'identità obbligatoria per iscriversi ai social network
In Francia fino a 2 anni di carcere per chi fotografa sotto le gonne
Se l'ex ti molesta e spia tramite l'Internet delle Cose
Facebook tenta di far passare il riconoscimento facciale anche in Europa
Snapchat, occhio alla geolocalizzazione disinvolta
Il sito per stalkerare chiunque su Facebook
Giocattoli ''smart'' pettegoli e spioni
Disabilitare il log dei dati in Windows 10
Nerdcensione: Cinquanta Sfumature di Grigio
Chi è lo stalker immortale in GTA online?
Torinese invia 20.000 Sms alla ex, arrestato per stalking
Il tracciamento degli amici anche su Facebook
Il Garante per la privacy mette uno stop alle chiamate mute
Pene più severe per furto di identità digitale e cyberbullismo
Sei uno stalker digitale?
Facebook trova gli amici nelle vicinanze
Quell'attacco dei Lulzstorm
Corleone, identificati gli stalker che molestavano le minorenni su Facebook
Zuckerberg perseguitato da uno stalker
Cassazione: le molestie su Facebook sono stalking
L'amico di Facebook si trasforma in molestatore
Le spigolature di Facebook
Perseguita la ex su Facebook, arrestato per stalking
Perseguitato dalla mafia e da Apple
Meno intercettazioni, ma senza esagerare

Commenti all'articolo (3)

Beh, è scritto che tale applicazione è potenzialmente sospetta non che è uno stalkerware, ovvio che se l'ho installata io so perfettamente cosa fa e perché c'è ma, se non l'ho installata io, potrebbe anche anche essere un potenziale stalkerware magri anche mascherato con il nome di una app legittima. Almeno io la intendo così la... Leggi tutto
6-3-2021 15:15

{panda}
Non è la pandemia ad aver tenuto le persone a casa, ma le decisioni dei governi. Così come non è la pandemia ad aver impoverito le nazioni, ma le dcisioni dei loro governi.
27-2-2021 16:03

Peccato che l'applicazione wifi analyzer, per elencare tutte le wifi trovate, ha necessità del permesso di geolocalizzazione basata sulla rete... Ovvio che wifi analyzer lo installa un utente che ne ha bisogno, sa di cosa si tratta e quindi meno soggetto ad essere vittima di stalking informatico, ma karspersky dovrebbe essere un pelo... Leggi tutto
26-2-2021 22:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te gli scanner aeroportuali...
Contribuiscono efficacemente a combattere il terrorismo.
Violano la privacy senza migliorare la sicurezza.

Mostra i risultati (2676 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 dicembre


web metrics