Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla

Violati i sistemi di Verkada, startup della Silicon Valley. Le sue telecamere presenti in ospedali, carceri, scuole e stazioni di polizia, oltre che in Tesla e Cloudflare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-03-2021]

lucchetto

Un collettivo internazionale di hacker ha attaccato l'azienda di videosorveglianza californiana Verkada, ottenendo l'accesso agli archivi e ai feed di oltre 150mila telecamere di sicurezza poste all'interno di aziende, ospedali, prigioni, scuole e distretti di polizia. Tra le imprese coinvolte anche la società di content delivery network e provider di servizi di hosting Cloudflare e Tesla.

Tra le informazioni sottratte a Verkada vi sono l'elenco completo dei loro clienti e i dati delle persone identificate dai sistemi di riconoscimento facciale installati in alcune videocamere. Verkada ha definito l'attacco informatico come "poco sofisticato".

Gli hacker sono riusciti a violare la sicurezza della compagnia con l'utilizzo delle credenziali di un "super admin", cioè un singolo account con accesso illimitato. Il gruppo di hacker non sembra essere a caccia di soldi, sembrerebbe più cyber attivismo, o un attacco con un obiettivo nascosto.

Abbiamo sentito il parere di Candid Wüest, vicepresidente della sezione Cyber Protection Research di Acronis.

Zeus News: Chi c'è dietro questo attacco?

Wüest: "La vera motivazione del gruppo rimane nascosta, sembra attivismo informatico: è una violazione che mira a esporre lo scarso stato di sicurezza delle telecamere a circuito chiuso. Tuttavia, tenete a mente che questi dispositivi compromessi potrebbero anche essere utilizzati per installare malware e avviare attacchi DDoS, così come per infiltrarsi nelle reti collegate a scopo di trarre profitti".

Zeus News: Gli attivisti hanno molto a cuore la privacy: è più importante della sicurezza?

Wüest: "È molto probabile che questo attacco diffonderà ulteriormente la paura di uno stato di monitoraggio in cui la privacy dell'individuo è persa; senza dubbio, sarà la più grande preoccupazione per la privacy del nuovo decennio".

Zeus News: Quanto sono sicuri i sistemi CCTV in media?

Wüest: "Purtroppo, le telecamere a circuito chiuso vengono attaccate con successo da anni ormai. I motori di ricerca, come Shodan, mostrano milioni di telecamere a circuito chiuso non protette esposte a Internet in tutto il mondo".

Zeus News: C'è un precedente altrettanto famoso: l'attacco ai sistemi Ring di due anni fa.

Wüest: "Le telecamere Ring erano un bersaglio enorme. Non sono quindi sorpreso che sia successo, gli incidenti di accesso non autorizzato sono un problema da anni, ma è triste vedere che la consapevolezza è ancora bassa".

Sondaggio
Un sito Internet richiede che la password sia più complicata. Cosa fai per ricordarla?
La scrivo su un foglio di carta
Faccio di tutto per memorizzarla
La salvo sul browser e utilizzo il Completamento automatico
La salvo sullo smartphone
La salvo come nota sul computer
Impiego una utility specifica per l'immagazzinamento password

Mostra i risultati (2876 voti)
Leggi i commenti (12)

Zeus News: Sembra che l'attacco abbia avuto successo nonostante sia poco sofisticato.

Wüest: "Molto spesso questi incidenti accadono a causa di una cattiva configurazione o di password di default deboli che permettono ai cyber criminali di accedere al sistema, come in questo caso, ma ci sono molti sistemi vulnerabili che causano anche questo".

Zeus News: Come possono quindi le aziende e le persone proteggersi da questi attacchi? Quali strumenti e quali pratiche dovrebbero usare?

Wüest: "Devono rendere sicura la configurazione, limitare l'accesso allo stretto necessario, rimuovere gli account di default e usare password forti. Devono anche fare aggiornamenti frequenti, monitorare i log di accesso e separare i dispositivi dal resto della rete quando possibile. Per quanto riguarda le strutture di servizio pubblico, come i dipartimenti di polizia, il governo locale potrebbe proibire loro di utilizzare soluzioni basate sul cloud per tali scopi".

Vi riportiamo anche il parere di Asaf Hecht, Team Leader della sezione Cyber Research di CyberArk.

Zeus News: Possiamo attribuire la colpa alle password deboli dei dispositivi? O i problemi a monte sono altri?

Hecht: "Da anni si parla del potenziale di violazione dei dispositivi IoT comuni, come le telecamere di sicurezza. Le telecamere, proprio come altri device hardware, sono spesso prodotte con password incorporate o codificate che raramente, se non mai, vengono cambiate dal cliente. Anche se non possiamo essere sicuri che sia questo il caso, i recenti breach hanno certamente una scala in comune, dimostrando la crescente disinvoltura e precisione degli attaccanti e la capacità di sfruttare in modo efficiente i punti deboli per l'attacco".

Zeus News: Ancora una volta, si chiude la porta della stalla quando i buoi sono già scappati.

Hecht: "Verkada ha dichiarato di aver preso le giuste misure per disabilitare tutti gli account di administrator interni, per prevenire qualsiasi accesso non autorizzato, ma probabilmente era troppo tardi. Gli attaccanti erano già arrivati".

Zeus News: Qual è lo scopo finale di questo genere di azioni?

Hecht: "Sulla base di ciò che è stato riportato, questo attacco segue un percorso ben noto: prendere di mira gli account privilegiati con accesso amministrativo, aumentare i privilegi per consentire il movimento laterale e ottenere l'accesso a dati e informazioni altamente sensibili, completando efficacemente l'obiettivo previsto. Ciò che dovremo monitorare in particolare in questo caso sono le potenziali implicazioni di vasta portata legate alle normative sulla privacy".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
e-privacy: lasciateci la faccia
In aumento il phishing che usa il vaccino antiCovid come esca
Studenti e lavoratori in smart working nel mirino dei ransomware
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Il lato umano del ransomware
Campagna malware ancora in corso colpisce Linux, soprattutto in Italia
Il disastro tragicomico di Parler
E se il tuo stipendio finisse nelle tasche di un hacker?
Malware e codici QR: smartphone bersagli interessanti, utenti distratti
Un caso di ransomware finito bene offre lezioni utili per tutti
La maglietta del Camp
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
Violare uno smartphone con gli ultrasuoni
Kali Linux, la distribuzione per gli hacker che vogliono lavorare in incognito
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
La scena hacker italiana e il caso Richard Stallman
Arrestato dipendente guardone di Yahoo, violava migliaia di account
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Storie di hacker, campeggi e libertà
Il cavo USB per violare qualsiasi iPhone
Falla nelle fotocamere digitali, si rischia un'epidemia di malware
Hacker sbadato attacca una banca con una molotov e si fa condannare per crimini informatici
Milioni di router Cisco vulnerabili a Thrangrycat
Come spegnere i motori di migliaia di auto connesse a Internet
Agli hacker basta meno di un minuto per attaccare un server nel cloud
''Tutti noi zombie'' reloaded
Falla videocitofono Amazon: audio e video a disposizione degli hacker
Gru, escavatori e bulldozer hackerabili da remoto
Campanelli digitali, video visibili a sconosciuti
La rivolta delle stampanti a sostegno di PewDiePie
I dispositivi IoT sono il principale target degli hacker
Kaspersky chiama a raccolta gli hacker buoni per trovare le falle della IoT

Commenti all'articolo (4)

@Cesco67 Vero purtroppo, personalmente evito come la peste tutto ciò che IoT e i pochi dispositivi collegati ad internet in casa mia non hanno certo più la password di default, ma farlo a capire a chi non ha sufficiente cultura informatica, adeguata voglia di sbattersi e non ha ancora avuto un problema serio di sicurezza è dura. Se... Leggi tutto
20-3-2021 11:30

@Gladiator Stesso mio pensiero, ma aggiungo anche due parole sull'IoT. A volte sento parlare colleghi sulle meraviglie dell'ultimo aggeggio IoT acquistato, dalla valvola per i radiatori, all'interruttore, termostato, ecc. Quando gli chiedo: "ma hai almeno cambiato la password di accesso?" mi guardano come parlassi in... Leggi tutto
20-3-2021 10:24

Per fortuna!!! Quindi i sistemi di sicurezza erano ancora meno sofisticati dell'attacco... forse, a volte, dopo certe figure di :shit: sarebbe meglio tacere o, quantomeno, fermarsi a riflettere prima di parlare. :roll: Leggi tutto
14-3-2021 14:58

{pfuffo}
Normative sulla privacy e telecamere.... Mi chiedo come possano privacy e telecamere (per rimanere nel seminato di questo articolo) andare d'accordo. Se usate propriamente le telecamere servono per spiare la gente, mentre se usate impropriamente (= hackeraggio) servono per... spiare la gente. Cambia solo il soggetto, che si estende... Leggi tutto
11-3-2021 21:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei a cena fuori e decidi di pagare con la carta di credito/debito. Quale tra queste situazioni preferisci?
Il cameriere porta la carta di credito/debito alla cassa e poi, dopo il pagamento, torna con la carta e lo scontrino
Il cameriere porta il terminale al tavolo dove viene effettuata la transazione
Il cameriere copia le informazioni della carta di credito/debito ed effettua il pagamento successivamente così non c'è bisogno di aspettare

Mostra i risultati (2488 voti)
Settembre 2021
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 settembre


web metrics