Vestiti smart grazie ai nanotubi di carbonio



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-09-2021]

vestiti smart nanotubi carbonio

Il concetto di vestiti "smart" non è nuovissimo: Google ci ha già provato in passato, "potenziando" dei capi di abbigliamento per consentire loro di eseguire operazioni come il controllo dello smartphone.

Alcuni ricercatori della Rice University di Houston (Texas, USA), però, hanno pensato che si possa fare di meglio: creare una maglia che permetta di raccogliere dati biometrici, come il battito cardiaco.

A questo scopo hanno inserito dei nanotubi di carbonio all'interno delle fibre di alcuni di abbigliamento sportivo, realizzando così dei sensori tramite i quali è possibile eseguire un cardiogramma continuo di chi li indossa.

I nanotubi sviluppati originariamente nel 2013 sono troppo sottili per essere usati direttamente; gli scienziati hanno così pensato di "avvolgerli" tra loro, nello stesso modo in cui più fili sono uniti a formare una corda, ottenendo così uno spessore adeguato a essere trattato dalle apparecchiature per la cucitura.

«Le fibre sono tanto conduttive quanto dei fili metallici, ma si possono lavara, sono comode, e hanno meno probabilità di rompersi quando il corpo è in movimento» spiegano i ricercatori.

Dal punto di vista delle prestazioni, i test hanno rivelato che la raccolta dati è migliore rispetto a quella che si può ottenere con i tradizionali monitor che gli atleti spesso usano, legandoli al petto, ed è invece paragonabile a quella ottenuta con gli elettrodi medici.

Il contatto delle fibre con il corpo è continuo e stabile; gli stessi nanotubi servono a costituire il contatto con un trasmettitore Bluetooth che invia i dati a uno smartphone, o a un holter, che si può comodamente tenere in tasca.

Il professor Matteo Pasquali, della Rice University, è convinto che il settore dei dispositivi indossabili abbia un promettente futuro davanti a sé: «Siamo nella stessa situazione in cui erano le celle solari pochi decenni fa. Ci servono applicazioni importanti che consentano di passare a una economia di scale e incrementare l'efficienza».

In questo panorama non è quindi possibile sapere se e quando si potranno trovare in commercio maglie smart come quelle sviluppate in Texas ma, se dobbiamo credere ai loro creatori, un giorno saranno comuni come oggi lo sono gli smartphone.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il valletto robotico che aiuta a indossare i vestiti
Amazon, vestiti su misura grazie alla scansione 3D del corpo
Il vestito stampato 3D che si adatta alla forma del corpo
Lo smartphone che si rifiuta di scattare foto a luci rosse
La batteria pieghevole che si può inserire nei vestiti
Il condizionatore portatile di Sony da indossare sotto i vestiti
H&M e i vestiti fatti con gli scarti di cibo
La lavatrice che fa il bucato in cinque minuti netti, senza elettricità
Il tessuto che genera elettricità col vento e col sole
Il giubbotto a energia solare che si autoriscalda
La lavatrice a pedali
I vestiti che bloccano la ricezione dei telefonini
La maglietta che tiene sott'occhio battito cardiaco, calorie e stress
Il bracciale che ti avvisa quando hai preso troppo sole
Il cassonetto intelligente
I vestiti indistruttibili antistupro
Da LG una lavatrice che lava senz'acqua
Quando il bucato purifica l'aria

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la cosa peggiore per un programmatore?
La modifica delle specifiche
I clienti
Debuggare
Scrivere documentazione
Il codice scritto da altri
La fase di test

Mostra i risultati (3788 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 dicembre


web metrics