UE, addio all'anonimato per i domini Internet

Bruxelles vuole introdurre una serie di verifiche per assicurarsi che i dati del registrant siano veritieri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-10-2021]

ue internet anonimato

Quando si registra un nome di dominio è necessario fornire alcuni dati, come il nome e cognome o la ragione sociale del titolare (noto come registrant) e i relativi indirizzo, numero di telefono (generalmente opzionale) e indirizzo email.

Tuttavia, nessuno esegue controlli sulla veridicità di queste informazioni: pertanto, in realtà si può registrare un dominio in maniera assolutamente anonima fornendo dati inventati.

Per l'Unione Europea questa possibilità è inaccettabile e perciò è allo studio una direttiva che introduca per tutti i domini registrati sul territorio dell'Unione una serie di verifiche affinché i dati inseriti possano essere controllati.

Le modalità di verifica non sono ancora definite nel dettaglio; si sa, per esempio, che l'intenzione è di obbligare il registrant a fornire un numero di telefono valido (senza il quale presumibilmente la registrazione non potrà procedere) ma anche di implementare verifiche per tutti gli altri dati.

Una verifica in tempo reale potrebbe assumere diverse forme: potrebbe tradursi nell'obbligo di utilizzo di una identità digitale (come l'italiano SPID) per la registrazione oppure in quello della fornitura di un documento.

La proposta parla di «misure tecniche e organizzative, come un processo di conferma per la registrazione» ma non entra nei dettagli. C'è da sperare che i sistemi adottati siano rapidi, altrimenti per i più "anziani" si tratterà di una sorta di ritorno al passato, in particolare al tempo (non troppo lontano) in cui per registrare un dominio .it era necessario inviare un fax.

L'Icann è assolutamente a favore di una norma di questo tipo, e dello stesso parere sono le organizzazioni che si occupano di tutelari i diritti dei titolari di copyright, per motivi che non è difficile immaginare.

Da più parti si levano però voci che sottolineano come l'istituzione di controlli stringenti sui dati dei registrant ponga problemi seri, in particolare per quanto riguarda gli attivisti e quanti rivelano informazioni riservate (i cosiddetti whistleblower).

Il parlamentare europeo Patrick Breyer, del Partito Pirata Tedesco, ha definito la proposta della UE «un grosso passo in avanti verso l'abolizione delle pubblicazioni anonime e delle fughe di notizie in Internet».

«Una norma del genere metterebbe in pericolo i gestori di siti web, perché soltanto l'anonimato protegge efficacemente dal furto e dalle perdite di dati, dallo stalking e dal furto d'identità, dal doxing e dalla compilazione di liste di proscrizione».

Di parere contrario all'introduzione della norma è anche il tedesco DENIC, gestore del TLD .de, secondo il quale la verifica dei dati dei registrant non aiuterà ad aumentare la sicurezza in Rete né a prevenire gli abusi.

«Vogliamo sottolineare» - spiega l'ente - «che l'identificazione del registrant non fornisce alcun dato circa l'entità che effettivamente ha il controllo tecnico sul dominio, né tantomeno su quanti forniscono i contenuti o i servizi erogati sotto quel dominio»

Entro la fine del mese in corso si concluderà la raccolta dei pareri dei soggetti coinvolti nel settore; la discussione interna al Consiglio dell'Unione Europea inizierà subito dopo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Infatti norma decisamente inutile... Leggi tutto
17-10-2021 14:09

{manif}
Ero contento dell'ingresso in europa, visto che l'italia è uno dei paesi che più ne poteva giovare, ma purtroppo sto cominciando a provare sempre più fastidio, per via dell'iconcludenza politica, per via che sempre più mi sembra che stiamo diventando una riserva di caccia per terzi, e per via di... Leggi tutto
16-10-2021 12:38

Sembra pi¨ che altro che vogliano qualcuno da poter incolpare... Comunque la norma Ŕ poco utile se vale solo nella Unione Europea o se anche le societÓ "anonime" posso registrare siti...
15-10-2021 19:22

{ahiman}
Eh, quando si diceva l'Europa ci salverà. Da quello che vedo, senza pregiudizi, mi pare che l'Europa stia andando a passi lunghi verso il totalitarismo. Riconosco i sintomi. Ormai ho un bel po' di anni e questa faccenda non mi fa né caldo né freddo, ma se fossi giovane me ne andrei a tutta... Leggi tutto
15-10-2021 17:28

L'ennesimo tentativo di limitare la libertÓ in rete, questa volta non oscurando i siti scomodi ma intervenendo, magari anche fisicamente, sui registrant... c'Ŕ solo da sperare che non passi. Ovviamente, nel caso, sarÓ aggirato in un Ŕtte con un prestanome ottantenne felicemente alzheimerato in una RSA pachistana... :roll: Leggi tutto
14-10-2021 20:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
╚ la solitudine che spinge le persone a usare "pi¨ tecnologia".
╚ l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (1488 voti)
Giugno 2023
Rarbg, inizia l'attacco dei cloni
Giove, la “precrimine” in salsa italiana
Pirati del web in lutto: Rarbg chiude per sempre
Venti di tecnocontrollo in Spagna
Maggio 2023
Stack Overflow è la prima vittima della IA
WhatsApp, ora i messaggi si possono modificare dopo l'invio
HP e l'aggiornamento che rende inutilizzabili le stampanti
Windows 10 21H2, aggiornamento forzato in vista
Google Chrome dirà addio al lucchetto da settembre
WhatsApp accede di nascosto al microfono. Solo un bug di Android?
Western Digital agli utenti: gli hacker hanno i vostri dati
Il “Padrino della IA” lascia Google per avvertire il mondo dei pericoli
Aprile 2023
WhatsApp introduce il supporto a più smartphone
La UE metterà il naso negli algoritmi dei giganti del web
Con la vendita della Rete TIM avremo le tariffe più alte
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 10 giugno


web metrics