Alexa fa parlare i morti



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-07-2022]

morti

C'è una puntata della celebre serie distopica Black Mirror, intitolata Be Right Back (Torna da me nella versione italiana), nella quale una donna subisce la perdita drammatica del proprio partner in un incidente.

Al funerale, un'amica le parla di un servizio online che raccoglie tutte le informazioni pubblicate sui social network dal defunto e tutti i suoi messaggi vocali e video e da lì crea un avatar che sullo schermo dello smartphone parla esattamente come lui e ha il suo stesso aspetto.

Inizialmente inorridita, la donna rifiuta, ma poi... succedono cose che non racconto per non guastare la storia a chi non ha ancora visto questa puntata.

Dovrebbe essere chiaro a tutti che le storie di Black Mirror sono esempi di cosa non fare con la tecnologia, ma a quanto pare qualcuno ad Amazon ha scambiato questa serie per un manuale di istruzioni.

Pochi giorni fa, infatti, Rohit Prasad, capo ricercatore dell'intelligenza artificiale di Alexa, il celebre assistente vocale di Amazon, ha presentato in una conferenza pubblica una versione di Alexa che è in grado di imitare le voci delle persone, e l'esempio che fa sembra proprio preso di peso da Black Mirror.

"In questi tempi di pandemia perdurante" dice "così tanti di noi hanno perduto qualcuno che amiamo. Anche se l'intelligenza artificiale non può eliminare quel dolore della perdita, può certamente far durare i loro ricordi."

A questo punto Prasad mostra un video nel quale un giovane ragazzo chiede ad Alexa di fare in modo che la nonna, che non c'è più, gli finisca di leggere Il Mago di Oz.

Alexa risponde "OK" con la sua solita voce, ma poi cambia tono e recita con la voce della nonna del ragazzo.


Il video è già posizionato al momento giusto, a 1:02:38.

Già così la cosa può evocare sentimenti contrastanti, ma quello che dice poi Prasad è ancora più inquietante: la voce della nonna è stata ricreata partendo da meno di un minuto di una sua conversazione. Non servono più ampi e lunghi campioni di voce registrati accuratamente in uno studio.

Si potrebbe discutere sull'impatto emotivo di questa nuova tecnologia e chiedersi se sentire per casa la voce di una persona amata che non c'è più, ricreata artificialmente da un programma, sia davvero una consolazione o una forma di prolugamento del dolore. Ma c'è una questione molto più concreta, che va affrontata subito, mentre questa capacità di imitazione non è ancora disponibile al pubblico: se è possibile imitare facilmente la voce di una persona in questo modo per ricrearne la presenza, allora è possibile farlo, per esempio, anche per sbloccare il suo smartphone bloccato dal riconoscimento vocale o per scavalcare le cosiddette password vocali usate da alcune banche e persino dal Fisco britannico, che fino a pochi anni fa chiedeva ai contribuenti di identificarsi al telefono dicendo la frase "my voice is my password", ossia "la mia voce è la mia password".

No, non funziona così. Se la tua voce la possono imitare tutti, la tua password è di tutti.

Il problema è che Amazon non è l'unica azienda in grado di replicare realisticamente la voce di una persona specifica, la potenza di calcolo e il campione audio necessari diventano sempre più piccoli, e non sembra esserci alcun modo di impedire a malintenzionati di registrare la nostra voce. 

Forse è il caso di cominciare a smettere di usare sistemi di sicurezza basati sul riconoscimento vocale. E magari di passare del tempo a chiacchierare con la nonna, finché si può.

Fonti aggiuntive: Graham Cluley, Ars Technica, The Register.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Il forno a microonde e l'orologio da muro smart
Gli assistenti vocali danno i numeri

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

L'inimitabile come puo essere imitato? :shock: Leggi tutto
2-8-2022 16:05

{al}
per ricordare "bombolo" cosa si puo' usare?
5-7-2022 08:57

In teoria ci si arriverà: per costruire frasi in lingue diverse serve isolare i fonemi, che però non necessariamente una persona è stata registrata nell'usarli tutti onde poterli campionare. Il punto è: ma ne varrebbe la pena? Chi ha presente in Italia com'era la vera voce di Marilyn Monroe, ed apprezzerebbe il suo parlare italiano? E... Leggi tutto
4-7-2022 08:18

Chissa se sarà possibile far parlare qualcuno in una lingua diversa dalla sua. Non servirebbero più i doppiatori, avremo un film in cui Marilyn Monroe parla in italiano, un video di Obama che parla in spagnolo, o Mao Tze Tung in napoletano ... :roll: :roll: :roll:
3-7-2022 21:28

Non ho parole, dunque non posso essere imitato. :roll:
3-7-2022 20:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Controlli su Facebook le tue (o i tuoi) ex?
No, non ci penso proprio.
A volte guardo il loro profilo o i loro gli aggiornamenti di stato.
Sì, controllo ogni loro mossa.
Le ex (o gli ex) in genere non sono miei amici di Facebook.
Ma quale Facebook! Io uso Twitter (o Google+ o altro social media).

Mostra i risultati (1869 voti)
Ottobre 2023
Microsoft, scure sugli aggiornamenti gratuiti a Windows 11
Settembre 2023
Microsoft, minireattori nucleari per alimentare i datacenter della IA
NFT senza valore, la bolla è scoppiata
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
La scorciatoia che “congela” Gestione Attività
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 4 ottobre


web metrics