Dell, i dipendenti rinunciano alle promozioni pur di non tornare in ufficio

Chi continuerà a lavorare da casa non sarà mai promosso: a quasi la metà dei dipendenti va benissimo così.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-06-2024]

dell lavoro remoto no promozioni
Immagine generata con DiffusionArt.

Il periodo della pandemia ha davvero trasformato il modo di lavorare, diffondendo nelle aziende che potevano permetterselo - dunque escludendo per esempio il settore manifatturiero - la pratica del telelavoro, che in Italia generalmente viene chiamato, in modo improprio, smart working.

Poi i lockdown sono finiti e le aziende hanno provato prima a convincere, poi a obbligare i dipendenti, che a quel punto avevano scoperto i benefici del lavorare del tutto o parzialmente da casa, a tornare in ufficio.

L'operazione di convincimento è ancora in corso, anche con metodi vagamente ricattatori, ma quanti preferiscono dare valore all'equilibrio tra vita e lavoro paiono proprio voler continuare a resistere, come dimostra il caso di Dell.

All'inizio dell'anno l'azienda americana aveva chiesto ai propri dipendenti di inserirsi in una delle due categorie disponibili: dovevano scegliere se considerarsi remoti o ibridi.

Gli ibridi avrebbero lavorato in modalità, va da sé, ibrida: in ufficio per almeno 39 giorni ogni trimestre, e il resto da casa.

I remoti avrebbero invece lavorato sempre da casa, ma con un effetto collaterale: non sarebbero più stati considerati per promozioni o per altri ruoli all'interno dell'azienda.

Secondo quanto riporta Business Insider, quasi il 50% dei dipendenti ha scelto di subire le conseguenze pur di mantenere una posizione completamente remota, vanificando così i piani di Dell che sperava, in quel modo, di "convincere" tutti o quasi a tornare in ufficio.

Le motivazioni date per questa scelta sono diverse. Molti hanno sostenuto che sarebbe inutile tornare, quando tutto il lavoro si svolge comunque via Zoom con colleghi sparsi in altre parti del mondo, o quantomeno in altre sedi.

Altri hanno spiegato che preferiscono godersi il maggior tempo libero e il minore impatto sulle finanze personali dato dalla posizione remota (poiché si eliminano per esempio i costi del pendolarismo), e che niente può convincerli a rinunciare a tutto ciò.

Ci sono poi quelli i cui uffici hanno chiuso dopo la pandemia o che non sono interessati alle promozioni; e quelli che hanno scelto di continuare a lavorare per Dell da remoto ma nel frattempo cercano un altro lavoro, per un'azienda che non insista sul ritorno in ufficio.

Dell non è l'unica azienda che fatica a riportare in sede i dipendenti: anche Apple si è trovata nella stessa situazione. I manager sostengono che l'interazione di persona favorisce la creatività, l'innovazione e la collaborazione. I dipendenti non vedono tutto questo vantaggio.

Gli studi in proposito, peraltro, mostrano che la perdita di produttività causata dal lavorare da casa o non c'è o è molto ridotta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Tecnologie e millennials, come cambia l'ambiente di lavoro
Smart working: tanti lo vogliono, pochi lo offrono
A Milano il lavoro è agile
Dieci regole per lo smart working
Come cambia il settore immobiliare nell'era dello smart working
Smart working in Italia, adesso c'è la legge
La legge sullo smart working? È un bluff
Vodafone lancia lo smart working per 3.100 dipendenti

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Dipende per chi. Vedrai che per i capetti psico-patetici il ritorno degli "inferiori" a loro disposizione in presenza ha giovato molto al loro ego. Leggi tutto
3-7-2024 21:48

Esperienza personale in Italia (picca azienda): finito il periodo post-COVID, lo smart working è stato totalmente eliminato come opzione. A specifica domanda sul calo di produttività mi è stato detto che non ne hanno riscontrato nessuno, ma che lavorare in presenza migliora la sinergia tra i reparti. Sinergia tra i reparti che si... Leggi tutto
3-7-2024 12:40

C'è anche un problema di credibilità che mi pare gli psicopatici sottovalutino: stanno in pratica dicendo al dipendente che dovrebbe accettare di prendere meno soldi subito (spese di trasferta) in cambio di una vaga promessa di poter, in futuro, poter essere tra quelli a cui verrà dato un aumento. Visti i personaggi è normale che in... Leggi tutto
26-6-2024 20:53

I tentativi di smantellare il remote working no si fermano in alcun modo, questo esempio più che lievemente ricattatorio mi sembra ampiamente vessatorio comunque. Non conosco molto il diritto del lavoro negli USA ma una palese dichiarazione di questo tipo da parte dei vertici aziendali non credo sia accettabile in alcun ordinamento... Leggi tutto
26-6-2024 18:35

{efesto}
Direi che nei due post precedenti è stata fatta una ottima sintesi. Diversamente dagli psicopatici che si trovano spesso ad essere dirigenti, i dipendenti hanno dentro altre cose, oltre al lavoro. Per esempio la qualità della vita, che sebbene possa molto dipendere dai soldi, non si misura con gli stessi. Ma chi vive di... Leggi tutto
25-6-2024 11:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (2342 voti)
Luglio 2024
La Marina tedesca cerca una soluzione per sostituire i floppy da 8 pollici
WhatsApp, arriva la trascrizione automatica dei messaggi vocali
10 miliardi di password rubate e pubblicate in chiaro
Copilot si aggiorna e diventa inutile
La super SIM cinese con processore RISC-V
Giugno 2024
Tim al capolinea: dal 2 luglio la Rete non sarà più sua
Gli USA mettono al bando Kaspersky
Windows 11, l'ultimo aggiornamento è infestato da bug
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tre libri
Maggio 2024
Chatbot, fallimenti a ripetizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 luglio


web metrics