Tutte pazze per Alberto

Diario di un Invisibile. Le due signore, liberatesi dell'abbigliamento che poteva impicciare in un combattimento, erano ormai seminude e si fronteggiavano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-11-2011]

ragazze lottano

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Diario di un Invisibile

Mi accorsi che qualcuno era entrato dall'improviso contrarsi delle tette di Pantera, se un seno poteva avere dei bicipiti, il suo sicuramente li aveva. Istintivamente mi girai verso la porta della palestra in tempo per vedere Paola che lanciava la blusa verso Giovanna. Valutai al volo che poteva benissimo compètere con Giovanna... quantomeno come coppa ed ebbi come l'intuizione di essere una posta in palio.

Mi rilassai pensando che non era niente male essere un Messia... ma mi sbagliavo. Paola fronteggiò Giovanna. "Se ti vuoi scopare Alberto fai pure ma sappi che c'è una fila da rispettare."
Giovanna si alzò e si mise davanti Paola. "Ehi bella, che cazzo dici?"
"Dico che te lo scopi dopo di me... se te ne lascio qualcosa."

La situazione si stava facendo decisamente interessante per me. Sì, sì. Mi piaceva fare il Messia. Ma appunto, come dicevo poco fa, mi sbagliavo. Pantera mi sollevò dal tappeto prendendomi per il bavero e mi lanciò verso l'infermiera; mi aspettavo di atterrare in morbide rotondità, invece Paola sollevò le mani per ripararsi e mi sembrò di sbattere contro un muro.

Mi respinse con forza verso Pantera che istintivamente si parò con una mossa della gamba che mi prese in pieno su di un rene con il ginocchio. Dolore orribile! Ma non ebbi il tempo di metabolizzarlo che Giovanna già mi respingeva con violenza verso Paola dicendo: "Tienitelo il tuo Messia bamboccione."

Di nuovo sbattei contro le mani-muro dell'infermiera chiedendomi se c'era un kit di pronto soccorso in quella palestra. Ovviamente nel tempo di pensarlo mi trovai ancora in volo verso Giovanna che mi afferrò e buttò a terra con una certa malagrazia che aggiunse ulteriori lividi e dolori al mio corpo e profonde ferite alla mia dignità. Da terra vidi le due signore che, liberatesi dell'abbigliamento che poteva impicciare in un combattimento, erano ormai seminude e si fronteggiavano.

"Lotta!" Disse una.
"Lotta!" Rispose l'altra e iniziò un incontro di cui ero la posta e che si sarebbe concluso per me comunque male. Pesto e malconcio com'ero mi sarei trovato nelle mani di una pazza assatanata piena d'adrenalina e altri ormoni assortiti. Forse fare il Messia non era piacevole come credevo. E valutai se svenire poteva danneggiare la mia immagine agli occhi delle mie due appassionate fedeli.

[...] L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Secondo te, gli autovelox e i sistemi automatici di rilevamento...
Contribuiscono a rendere pi¨ sicure le strade.
Sono dei mangiasoldi utilizzati senza ritegno dalle amministrazioni locali.
Vanno evitati e contrastati con tutte le tecnologie a disposizione.

Mostra i risultati (7633 voti)
Leggi i commenti (25)
Mentre attendeva il momento dell'irruzione Sartori si chiedeva come era possibile. Aveva dato con riluttanza l'ordine di sorvegliare giardinieri e fioristi e appena un paio di ore dopo un informatore li aveva notiziati di una botteguccia scalcinata di fiori che poteva nascondere un'accesso al Labirinto.

Si riscosse dai suoi pensieri e guardò il cronografo, pochi secondi all'irruzione... poi il segnale d'assalto e nel negozietto si scatenò l'inferno. Meno di venti secondi dall'inizio dell'operazione e si buttavano giù per una ripida scala verso il cuore del Labirinto.

[...]

Matteo aveva appena finito di dare due tiri alla canna. "Che palle! Hai sentito?"
Luca annuì.
"Attaccano di nuovo, questa settimana sono proprio avvelenati. Andiamo, va."
E si buttarono nel Labirinto per l'ennesima volta, a difendere quella che in qualche modo sentivano essere la loro casa.

[...]

Marsi sbuffò nel sentire le sorde eplosioni. Ancora. Questa settimana quelli della DiSpePSIA erano proprio avvelenati. Chiuse i files, spense il computer, prelevò la micro SD e come di consuetudine si armò fino ai denti, poi prese la via del Labirinto.

[...]

Betàl al suono delle esplosioni chiuse il testo di Astrofisica che stava studiando, tirò la tenda del suo angolo di preghiera e sorridendo, nel suo tipico modo gentile e timido, si teletrasportò fuori dalla stanza.

[...]

I corridoi e gli spiazzi del Labirinto andavano riempiendosi di bizzarre creature tra cui le più strane erano proprio i nostri aggressori, bardati con un ipertecnologico corredo da combattimento. La squadra d'assalto era probabilmente composta da parecchi individui e diversi furono gli scontri fra le opposte fazioni che produssero vittime in entrambi le parti. Rimasero a lungo sulle pareti, nel tempo a seguire, macchie di sangue dei più diversi colori a testimoniare la furia di quello scontro.

[...]

Nella palestra, sul tatami, i corpi di Giovanna, Paola e il mio erano aggrovigliati... ma non per la ragione che il lettore può pensare. Nella concitazione della lotta le due pazze mi erano cadute addosso e adesso ero seppellito sotto circa 130 chili di femmine che si pestavano. Un colpo su tre di una mancava l'altra ma erano dati così bene che autonomamente decidevano che non potevano andare sprecati e allora si riversavano su di me.

Fortunatamente si sentirono le sorde eplosioni e le due s'alzarono di scatto correndo seminude come erano verso un armadietto da cui presero delle armi, poi si lanciarono verso la porta. Improvvisamente, appena sulla soglia, si fermarono e si guardarono.

"E il Messia?" disse Paola.
"E' vero! Il Messia bamboccione." rispose Giovanna. Tornarono indietro e mi sollevarono prendendomi ognuna per un braccio, poi ancora verso la porta che si aprì improvvisamente. Era Marsi che veniva a recuperarci ma io lo seppi solo dopo, visto che l'uscio aprendosi mi colpì in piena faccia facendomi perdere i sensi.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
In un candido lettino d'ospedale

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Veleno Romano

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 55)

.gipas.
Complimenti,un bel racconto che mi ha sempre tenuto in attesa della pruntata successiva ed anche abbastanza al passo dei tempi.ChissÓ se poteremo ancora godere di un suo prossimo racconto,per adesso Grazie!Gipas.
9-1-2012 11:57

Un asino Leggi tutto
8-1-2012 11:06

Rispostine al volo Leggi tutto
8-1-2012 02:45

Bravo Veleno Informatico. passi per gli accenti sbagliati ma ti sei anche dimenticato la regola di un'asino ciao Piero
4-1-2012 10:34

Se .... magari ..... pare facile
30-12-2011 09:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ il tuo browser preferito?
Internet Explorer
Firefox
Chrome
Safari
Opera
Un altro

Mostra i risultati (11974 voti)
Settembre 2020
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Tutti gli Arretrati


web metrics