Diario di un Invisibile

Avevo sognato o mi era successo veramente? Ero svenuto o semplicemente mi ero addormentato davanti ai miei giocattoli elettronici come a volte mi succedeva?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-09-2011]

diario di un invisibile

Visto il successo di pubblico e critica a Memorie di un Avatar fatto in casa e di Cronache di un futuro probabile mi propongo in questa terribile, durissima arena con il nuovo parto della mia fantasia malata.

Ho (emotivamente ed erroneamente) sempre considerato tenere un diario come un qualcosa da ragazzina. Turbamenti adolescenziali e cottarelle in salsa di cuoricini con pezzi forti rappresentati dai ritagli di foto del divo del momento presi da rivistine di gossip.

Razionalmente non è così; attività serissime impongono che si mantenga un resoconto di quanto si è fatto, degli avvenimenti occorsi, dei risultati ottenuti. Nondimeno non ne ho mai tenuto uno e ora mi trovo a farlo sotto spinta della necessità.

Il mio diario può essere paragonato a quello di un naufrago che scrive la sua cronaca senza sapere se già domani potrebbe essere stato inutile scriverla per un provvidenziale salvamento o se altrettanto inutile perché mai avrà occhi a leggerlo.

Ma lo stranissimo caso successomi richiede quantomeno che tenga per me stesso una memoria scritta, per cercare di razionalizzare quello che di razionale non ha niente. Ricostruendo, credo che possiamo datare l'inizio di tutto al 3 ottobre 2011; fu in quella data che mi recai da un fornitore di materiali surplus industriali e militari.

Appassionato di elettronica e radiantismo da sempre, ero interessato a sperimentare la ricezione delle VLF e il fornitore vendeva a prezzi irrisori ricevitori dismessi dai sottomarini russi. L'annuncio specificava che non si garantiva il corretto funzionamento degli apparati ma venivano forniti nel prezzo anche il manuale tecnico e un kit di parti di ricambio. Tornai a casa felice con oltre 20 chili di "ferraglia" elettronica.

Dopo un paio di giorni di studio del manuale, approfittando del favorevole tempo metereologico, stesi un'antenna filare sulla terrazza condominiale, gli connettei un adattatore d'impedenza e a questo un cavo che scendeva nel mio stanzino da lavoro per portare i segnali al ricevitore. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Science ha pubblicato una classifica di 10 grandi scoperte avvenute nel 2011. Quale ritieni che sia la più significativa?
Nuovi metodi per la lotta all'AIDS. I trattamenti somministrati alle persone infette da HIV riducono il tasso di trasmissione: si potranno elaborare nuove strategie.
L'origine delle meteoriti. La missione giapponese Hayabusa ha scoperto che le meteoriti che più comunemente cadono sulla Terra provengono da un unico gruppo di asteroidi.
Luce sull'origine dell'uomo. Molte persone hanno ancora tracce di DNA arcaico, frutto di incroci avvenuti nella preistoria.
I meccanismi della fotosintesi. Scienziati giapponesi hanno scoperto la proteina usata dalle piante per separare acqua e ossigeno. Potrebbe aprire la strada per produrre energia pulita.
Gas primordiale. Sono state scoperte delle nubi di gas primordiale, rimaste nelle condizioni in cui si trovavano poco dopo il Big Bang.
Microbioma. I microbi che abitano nel nostro corpo non sono casuali ma appartengono a tre enterotipi, uno dei quali dominante. Conoscerli può aiutare a elaborare strategie personalizzate contro le malattie.
Vaccino contro la malaria. La sperimentazione ha fornito i primi risultati promettenti dopo anni infruttuosi.
Esopianeti. Le scoperte di Kepler hanno scovato dei "fratelli" della Terra che li costringeranno a rivedere le teorie sulla formazione dei pianeti.
Zeoliti sempre più efficienti ed economiche. Le zeoliti sintetiche sono minerali usati come "setacci molecolari" per ottenere la benzina dal petrolio, per purificare l'acqua o l'aria.
Prevenire l'invecchiamento. Eliminare le celle più vecchie, non più in grado di dividersi, si è rivelato un buon metodo per mantenerci sani più a lungo.

Mostra i risultati (5028 voti)
Leggi i commenti (30)
Accesi l'apparato e m'infilai la cuffia, operando con i comandi di sintonia, di larghezza di banda e i filtri iniziò il mio divertimento fra quelli che per molti altri sarebbero stati solo rumoracci mentre io ero in grado d'intuire l'origine di ogni suono, discernendo fra quelli d'origine naturale e quelli provenienti dalle attività umane.

Dopo tre giorni il gioco cominciò a venirmi a noia com'è solito in queste cose e inevitabilmente venni tentato a modificare le prestazioni del ricevitore. Furono due giorni di saldature, sostituzioni di parti, misure con il tester e prove intermedie e alla fine venne il momento del collaudo finale. Intanto le condizioni metereologiche erano peggiorate e dei fronti temporaleschi si avvicinavano alla mia città, ma preso dal lavoro non me ne resi conto.

Iniziai a capire la situazione meteo dopo circa un quarto d'ora di ricezione, notando che sentivo frequentemente con grande intensità i crepitii tipici dei fenomeni elettrostatici naturali. Mi chiesi se non fosse più prudente staccare il cavo proveniente dall'antenna filare, magari mettendolo anche a massa; ma poi prese il sopravvento la passione e continuai nell'ascolto.

Improvvisamente un crepitio fortissimo accompagnato dalla sensazione di pressione acustica che dà un infrasuono di forte intensità, mi colpì con violenza le orecchie; istintivamente mi mossi per togliermi le cuffie ma il mio movimento fu rallentato dal vedere, nella semioscurità dello stanzino, una specie di Fuoco di Sant'Elmo intorno al cavo d'antenna che velocemente si espandeva nell'ambiente in una sorta di aurora boreale. La pressione acustica, nel breve istante di ritardo, si fece intollerabile e persi i sensi.

Mi risvegliai la mattina dopo con i suoni della cuffia nelle orecchie ormai nella norma e la luce di una giornata serena che entrava dalla finestra. Mentre mi toglievo il trasduttore acustico mi colpì la memoria del'accaduto e non sapevo se andava classificata nel reale o nell'onirico. Avevo sognato o m'era successo veramente? Ero svenuto o semplicemente mi ero addormentato davanti ai miei "giocattoli" elettronici come a volte mi succedeva?

Non avevo impegni particolari per la giornata, da ultracinquantenne sfigato, eternamente precario e per la data attuale totalmente disoccupato ero totalmente e piuttosto inutilmente padrone assoluto del mio tempo.

Vista la nottata passata in posizione di riposo piuttosto scomoda avrei potuto andare tranquillamente a letto e concedermi qualche ora di sonno in condizioni più corrette ma non mi sentivo stanco. Decisi di farmi un caffè e presi in considerazione l'idea di mettermi al computer per mandare avanti un paio di lavori noiosi e malpagati che già da giorni (demotivato) rinviavo.

L'alternativa era sacrificare la mia ultima liquidità per andare a pagare una bolletta che languiva da un paio di settimane. Mi seccava rimanere con solo pochi euro in tasca ma forse era meglio approfittare della situazione per togliersi l'inevitabile peso. Presi il mio caffè, andai in bagno, mi buttai addosso stracci di bancarella scelti quasi casualmente nell'armadio e uscii.

Non ho mai avuto una buona opinione dell'intelligenza del mio prossimo, lo confesso, ma oggi parecchi mi sembravano decisamente più imbecilli del solito. Dopo mezz'ora che camminavo avevo rischiato di essere investito su di un passaggio pedonale, un paio di idioti mi erano venuti addosso camminando come se non mi avessero visto e una mamma deficiente m'aveva dato la carrozzina del suo orrido marmocchio negli stinchi.

E hai voglia a prostestare e a incazzarmi; sembrava che né mi vedessero, né mi sentissero. Dentro di me augurai alla stupidissima mammina e al frutto dei suoi cromosomi una scena alla Corazzata Potemkin senza verbalizzarglielo... anche se mi avesse sentito probabilmente non avrebbe capito.

Un barbone dall'aria piuttosto allucinata mi si avvicinò.
"Non ti arrabiare. Non ti può vedere. Quelli come lei non hanno l'occhio magnetico."
Lo guardai mentre nel mio cervello le sue parole giravano cercando un senso.
"Scusa? Non ho capito."
"Sei nuovo della situazione. Hai il colore di quelli nuovi. Presto farai pure te l'occhio magnetico ai colori delle persone e capirai chi ti vede e quando."

Peggio di prima, la spiegazione era sibillina e restai a fissarlo. Il tipo mi sorrise.
"Hai qualche spiccio per me? Una sigaretta?"
Feci un rapido calcolo mentale delle mie risorse e gli diedi dal mio povero bilancio di che farsi tre sigarette con tabacco sfuso e cartine e di che comprarsi un vinaccio da delirium tremens in tetrabrick.

Continuai il mio camminare per sentire dopo pochi passi la sua voce che mi diceva:
"Stai molto attento. Non ti possono vedere tutti e di quelli che possono farlo non tutti sono amici. Impara presto se vuoi campare."
Ci mancava il barbone visionario oggi! Scrollai la testa annuendo senza voltarmi.
"Va bene, grazie. Faccio tesoro dei tuoi consigli." gli risposi. Proseguii per la mia strada.

Avrei potuto pagare la bolletta in un qualunque punto autorizzato ma preferii andare all'ufficio postale che era per me sempre un interessante quanto doloroso spaccato di vita quotidiana con i suoi personaggi che si muovevano nel teatro della "finanza dei semplici". Presi il numero e attesi il mio turno, apparentemente lungo da venire.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
La candid camera

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Veleno Romano

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 55)

.gipas.
Complimenti,un bel racconto che mi ha sempre tenuto in attesa della pruntata successiva ed anche abbastanza al passo dei tempi.Chissà se poteremo ancora godere di un suo prossimo racconto,per adesso Grazie!Gipas.
9-1-2012 11:57

Un asino Leggi tutto
8-1-2012 11:06

Rispostine al volo Leggi tutto
8-1-2012 02:45

Bravo Veleno Informatico. passi per gli accenti sbagliati ma ti sei anche dimenticato la regola di un'asino ciao Piero
4-1-2012 10:34

Se .... magari ..... pare facile
30-12-2011 09:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ha ragione Stallman quando dice che Android non è libero?
No
Non lo so

Mostra i risultati (2824 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics