Troll dei brevetti, un pericolo per l'innovazione

I patent troll sono sempre più attivi: muoversi sul filo della legalità pare essere un'attività poco costosa ma molto remunerativa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-12-2012]

patent troll

Secondo uno studio americano realizzato da Colleen Chien, i cosiddetti patent troll (in italiano troll dei brevetti) sono all'origine di oltre il 60% delle cause intentate nel 2012 per violazione di brevetto: almeno il doppio rispetto a due anni addietro.

Ma chi sono i patent troll? Semplificando molto, sta nella definizione chiunque si prefigga di trarre un utile dal brevetto che possiede non attraverso gli ordinari procedimenti produttivi di beni e servizi da immettere sul mercato, ma unicamente monetizzando il proprio diritto di esclusiva.

Ciò può avvenire sia mediante cessione ad altra impresa sia intentando una causa civile per danno contro tutti coloro che vantano soluzioni innovative del tutto simili, o pretese tali.

Ovviamente il progresso tecnologico si presenta oggi assai distribuito e facilmente modificabile migliorabile, tanto che anche per i tecnici spesso è arduo discernere sino a dove arrivi la pedissequa copiatura e dove effettivamente modifiche e miglioramenti abbiano consentito la realizzazione di un prodotto innovativo rispetto all'esistente.

Così è divenuto estremamente facile cercare di trarre, per amore o per forza, una qualche utilità da un brevetto posseduto, sia concedendo royalty sia intentando causa; e non è da credere che le imprese di maggiori dimensioni siano le piu esposte o le più colpite, nonostante siano spesso le sole agli onori della cronaca.

Ultimamente, poi, il bubbone si va allargando e minaccia di divenire un vero e proprio tumore dell'economia, determinandone difficoltà di crescita allo stesso modo di una qualsiasi azione che provochi turbative nel mercato.

Sondaggio
Quando partecipi a una discussione, che cosa ti infastidisce al punto da spingerti ad abbandonarla?
L'accorgermi che l'argomento che mi interessa viene trattato con troppa superficialità.
Scoprire che un mio interlocutore cerca di convincermi della sua idea anziché confrontarsi sul tema.
Trovare, fra le persone con cui discuto, qualcuno arrogante e supponente.
Vedere che alcuni si esprimono in un pessimo italiano.
Notare che l'interlocutore si basa su fatti palesemente fasulli per motivare le sue affermazioni.

Mostra i risultati (2955 voti)
Leggi i commenti (33)

Fortunatamente riconoscere i troll dei brevetti non è troppo complicato: molte delle società detentrici dei brevetti in qualità di gestionarie e non di utilizzatrici finali stanno venendo scoperte per quello che sono in realtà, e si sta cominciando anche a denunciarne gli abusi.

Per trovare un patent troll basta considerare due semplici parametri statistici: la ricorsività delle cause intentate dai medesimi possessori di brevetto e i destinatari delle richieste di danno, assai spesso delle start up, che sono poi le più vulnerabili perché in genere dotate di scarsi mezzi finanziari che non permettono grandi battaglia giudiziarie.

Statisticamente, nella maggioranza dei casi durante una lite legale di questo tipo non ci si presenta neppure davanti a un giudice che decida sulla fondatezza della doglianza, ma si conclude tra le parti un accordo finanziario col vincolo di massima segretezza: ciò ovviamente avviene affinché il prossimo querelato non abbia parametri di riferimento e si accontenti del minor danno stimato, cioè di assoggettarsi al ricatto piuttosto che difendere i propri diritti davanti al magistrato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
UE, dopo il brevetto sui broccoli arriva quello sui peperoni
Da LG la cantinetta intelligente
E Apple brevettò il tablet
Samsung perde contro Apple
Samsung contro Apple, condannate entrambe
Telecom Italia rifiuta di vendere Olivetti I-Jet
Antibiotici sempre più inefficaci: colpa dei brevetti
Un brevetto contro le ricette di cucina sul web
Guerra dei brevetti, app rimosse e una bambina che non potrà comunicare
Farmaci generici, via libera dalla Cina. Anche sotto brevetto
Tata Motors al lavoro per commercializzare l'auto ad aria
Google completa l'acquisizione di Motorola
Copyright: l'ACTA giunto al capolinea?
UE, no al copyright sulle funzionalità software
Brevetti, Facebook controdenuncia Yahoo
Google brevetta le risponderie con pubblicità
Il brevetto di Apple per il riconoscimento dei volti
Bill Gates: WordPerfect era inferiore a Word
Stallman ancora contro Steve Jobs
Apple, negato il marchio sul multitouch
Pale eoliche gonfiabili, arriva il brevetto
Oracle: Google ci deve 2 miliardi di dollari
Samsung tira in ballo i tablet di 2001 Odissea nello spazio
Microsoft: buon 20esimo compleanno, Linux

Commenti all'articolo (4)

.Maurizio Vincenzotti.
Sono un votro giornaliero lettore del Vostro sito per il quale colgo l'occasione per farvi i miei più entusiasti complimenti. Ho letto con interesse il vostro articolo riguardo i Troll dei brevetti e volevo chiedervi se potevate aiutarmi però in senso opposto! Nel 1992 come Art Director ho ideato, creato e depositato dei personaggi a... Leggi tutto
2-1-2013 13:56

I troll sono effettivamente delle sanguisughe che si impossessano inappropriatamente di brevetti e lavori ( quindi di idee e soldi e fatica) di persone che cercano con la loro creatività di cambiare il mondo in meglio. Bisognerebbe fargli questa fine" virtuale " :lurk:
15-12-2012 17:14

Concordo sul fatto che riconoscere un troll dei brevetti non sia cosa complicata, purtroppo mi pare sia ancora impossibile difendersi da queste sanguisuge legalmente autorizzate. Sarebbe finalmente giunto il momento di varare ed applicare leggi specifiche atte a, non solo difendere i legittimi diritti di chi avendo studiato innovazioni... Leggi tutto
15-12-2012 14:21

Patent Trolls :shit: :basta: Dopo, servirebbe una attenta revisione delle regole sui brevetti. Non ho però competenze adeguate per suggerire io una soluzione equa.
15-12-2012 13:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il peggiore tra questi scenari?
I genitori possono alterare il DNA dei loro nascituri in modo che siano più intelligenti (o più prestanti fisicamente).
Gli assistenti ai malati e i badanti delle persone anziane sono per lo più dei robot.
La maggior parte delle persone hanno impiantati dispositivi con sensori di vario genere.
Lo spazio aereo viene aperto ai droni personali.
Un altro (per cortesia inserisci un commento)
Non lo so

Mostra i risultati (2244 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 dicembre


web metrics