Cassazione: Legittimo il licenziamento per un post su Facebook

Le critiche all'azienda e gli insultati ai dirigenti giustificano il provvedimento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-06-2018]

cassazione post facebook licenziamento legittimo

Con una sentenza dello scorso 27 aprile, la Corte di Cassazione ha decretato legittimo il licenziamento di una donna colpevole di aver pubblicato sulla propria bacheca Facebook un post critico verso l'azienda di cui era dipendente.

La lavoratrice - nel post, che risale al 2012 - descriveva i continui cambiamenti di incarico nell'azienda ma proferiva anche insulti contro i datori di lavoro.

Tali esternazioni erano state viste da un "amico" su Facebook e, in seguito, l'azienda aveva proceduto al licenziamento. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Facebook è un gran bel social network, però...
... genera dipendenza e condiziona la mia vita reale.
... mi rende più ansioso o più depresso del solito.
... non c'è nessun "però".
... non lo uso.

Mostra i risultati (2583 voti)
Leggi i commenti (1)
I ricorsi legali della donna contro la decisione aziendale sono stati bocciati sia in primo che in secondo grado; ora il procedimento è arrivato alla sua conclusione con il pronunciamento della Cassazione e un'uguale sentenza avversa alla lavoratrice.

Per la Suprema Corte, gli insulti su Facebook hanno il carattere della diffamazione perché possono raggiungere un numero illimitato di persone: ciò costituisce giusta causa per il licenziamento, in quanto viene meno il rapporto fiduciario tra dipendente e datore di lavoro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Sedicenne querela la madre per un post su Facebook
Telecom Italia licenzia per un'email
Critica la dottrina dei tre schiaffi: licenziato
Licenziare chi parla male dell'azienda
Licenziato per gli Sms, oggi non sarebbe successo

Commenti all'articolo (4)

Concordo. E aggiungo che, almeno a volte, la stupidità si paga... Leggi tutto
3-6-2018 18:14

{mero}
Tra le tante maniere di sputare nel piatto dove si mangia questa è la più ingenua decisamente...
2-6-2018 05:56

{Tore}
Perchè non applicarlo anche nel "pubblico"?
1-6-2018 19:16

Quella signora deve ritenersi fortunata I titolari avrebbero potuto denunciarla per diffamazione e con ogni probabilità avrebbero vinto la causa
1-6-2018 13:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2303 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics