La seduttrice informatica assetata di bitcoin



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-07-2021]

wrench

Questa storia inizia con tre ingredienti: uno smartphone, un cuore solitario e delle criptovalute. Uno di questi ingredienti sta per sparire in circostanze misteriose; due resteranno. Provate a indovinare quali. È importante, perché storie come questa succedono realmente e possono capitare a tutti.

Pochi giorni fa Jameson Lopp, della società di sicurezza informatica statunitense Casa Incorporated, ha raccontato sul sito della società una forma di attacco informatico insolita e originale.

Uno dei clienti della società, che chiamerò Mark per comodità (non è il suo vero nome), è un single che, come tante altre persone, usa app di incontri come Tinder per conoscere altre persone. Di recente ha trovato su Tinder il profilo di un donna che si descriveva in una maniera che ha colpito la sua attenzione. Ma non nella maniera che potreste immaginare. Citava semplicemente due parole nella descrizione della propria professione: crypto trader.

Un crypto trader è una persona che fa compravendita di criptovalute: bitcoin, ma non solo. È un mestiere abbastanza raro e Mark è stato attratto dal fatto che la donna, che chiamerò Sara (anche qui, non è il suo vero nome), lo svolgesse, visto che anche lui è un crypto trader.

Così Mark ha contattato la donna su Tinder, dicendole che anche lui era del mestiere; gli sembrava un buon aggancio di conversazione, un interesse comune di cui discutere.

Dopo una chattata su Internet i due hanno deciso di incontrarsi in una caffetteria. Mark ha notato che la donna che si è presentata all'appuntamento aveva un aspetto leggermente differente da quello che aveva visto nelle sue foto su Tinder, ma non si è fatto troppi problemi: tanta gente ha un aspetto reale parecchio differente da quello che pubblica online.

Durante questo primo incontro faccia a faccia Sara ha detto che i suoi genitori le avevano comperato un bitcoin, che aveva un valore di circa 30.000 dollari, ma non ha parlato di criptovalute per il resto dell'incontro.

Dopo una passeggiata insieme, i due si sono messi d'accordo di andare a casa di Mark a bere qualcosa. Hanno comperato degli alcolici, ma Mark ha notato che Sara era tutto sommato poco interessata a bere: mostrava molto più interesse per la musica. Anche qui, tutto sommato, niente di male.

A un certo punto Mark è andato alla toilette, e da quel momento i suoi ricordi si fanno confusi. Ricorda di aver bevuto ancora un po' dopo essere stato alla toilette. Sara ha preso in mano lo smartphone di Mark e gli ha chiesto di mostrarle come si sbloccava. Mark sentiva che c'era qualcosa di sbagliato, ma aveva perso ogni inibizione e cautela. L'ultima cosa che ricorda di Sara è che la stava baciando, poi più nulla fino all'indomani mattina, quando Mark si è svegliato nel proprio letto.

Sara non c'era più, e non c'era più neppure il telefonino di Mark. Il portafogli, le carte di credito e i documenti personali dell'uomo erano ancora al loro posto. In casa non erano spariti soldi, computer o altri oggetti di valore.

Mark è andato al proprio computer portatile e ha cominciato a controllare i propri account: ha visto che qualcuno aveva tentato di fare acquisti di criptovalute usando il suo conto corrente bancario e di effettuare prelievi di bitcoin in vari siti di custodia di criptovalute. Chiaramente un aggressore stava cercando di svuotargli gli account dedicati alle criptovalute.

Che cosa gli stava succedendo?

Mark era diventato la vittima di una banda di criminali professionisti, ai quali non interessavano i soldi che aveva in casa o le carte di credito. Interessavano soltanto le password che proteggevano i suoi conti in criptovalute. Quelle password erano custodite nel suo smartphone: quello che mancava all'appello.

La sua strana arrendevolezza e perdita di inibizione davanti alla richiesta di Sara di mostrarle come sbloccare il suo smartphone, e la sua confusione nel ricordare gli eventi, erano probabilmente dovute a una sostanza che Sara gli aveva messo nel bicchiere approfittando della visita di Mark alla toilette. Una sostanza di quelle che appunto notoriamente causano perdita di inibizione e di memoria e vengono purtroppo usate solitamente per compiere aggressioni ai danni delle donne, specialmente nei locali pubblici. Stavolta la vittima era un uomo, e l'obiettivo non era un'aggressione fisica.

Sara era probabilmente il membro della banda che si occupava di sedurre le vittime, di drogarle di nascosto e di farsi dire come sbloccare i loro smartphone. Una volta ottenuto l'accesso al telefonino, il dispositivo viene passato a un altro componente della banda che si occupa di estrarne tutti i dati utili.

I criminali, infatti, si stanno rendendo conto che rubare un telefonino è molto remunerativo: questo dispositivo è ormai diventato la chiave di accesso alla vita intera, non solo digitale, di moltissime persone. Chi ha il vostro telefonino sbloccato può accedere alla vostra casella di mail e intercettare tutte le vostre comunicazioni personali e di lavoro. L'accesso alla mail permette di ricevere i link inviati dai siti degli account dei social network e dei servizi finanziari quando si clicca su "Ho dimenticato la password" e prenderne quindi il controllo cambiandone la password. Ma questo è soltanto l'inizio.

Quello che la maggior parte delle persone non si aspetta è che il loro telefonino possa essere considerato così prezioso dai malviventi da spingerli addirittura a organizzare una seduzione mirata, con tanto di incontro in carne e ossa con un membro della banda, soltanto per rubare quel dispositivo e farsene dare i codici di sblocco. Ma c'è un ottimo movente.

Avere il telefonino sbloccato di una persona, infatti, è ancora meglio che avere accesso alla sua mail: sul telefonino arrivano infatti anche gli SMS di autenticazione di banche e altri account che controllano denaro. Sul telefonino c'è anche l'app di autenticazione, per esempio Google Authenticator, che genera i codici usa e getta di questi account. E quindi avere lo smartphone sbloccato di una vittima significa avere tutto quello che serve per superare anche la cosiddetta autenticazione a due fattori usata dagli utenti più attenti: il primo fattore, infatti, è quello che sai (la password) e il secondo è quello che hai (il telefonino). Ma se una seduttrice ti induce a rivelare quello che sai e si porta via quello che hai, l'autenticazione a due fattori non serve più a nulla.

Infatti Mark aveva preso tutte queste precauzioni tecniche per proteggere gli account di criptovalute che gestiva, ma non aveva considerato il fattore umano. Ha sottovalutato l'investimento di risorse che i suoi aggressori erano disposti a fare.

I malviventi, infatti, si organizzano creando falsi account nei siti di incontri e immettendo in questi account parole chiave che attirano vittime facoltose: per esempio i gestori di criptovalute come Mark. Non sono loro a cercare le vittime: è la vittima che si autoseleziona.

Inoltre fanno leva sulle abitudini culturali: in un incontro fra sconosciuti, infatti, normalmente si pensa che la parte vulnerabile sia la donna. Le donne vengono avvisate del pericolo costituito dai farmaci immessi di nascosto nelle bevande: gli uomini no.

Nel caso di Mark, però, c'è un lieto fine, o quasi. Infatti i malviventi sono riusciti a impossessarsi soltanto di una piccola cifra in bitcoin presente in uno dei suoi account perché lui aveva preso un'ulteriore precauzione: aveva protetto i suoi account di maggior valore con un sistema a chiavi multiple.

In questi sistemi, un account finanziario è protetto da più di un codice o chiave di sicurezza. Le chiavi sono custodite su dispositivi separati e gestite da persone differenti. Per fare un trasferimento di denaro servono almeno due chiavi e quindi almeno due persone che siano d'accordo. Questa è la prassi standard per la gestione dei conti correnti nelle grandi aziende, e rende difficilissima la tecnica della seduzione: i malviventi dovrebbero riuscire a sedurre almeno due dei possessori di chiavi contemporaneamente.

Gli esperti di sicurezza sottolineano che questo tipo di trappola è una variante nuova di una tecnica vecchia, il cosiddetto wrench attack, l'attacco con la chiave inglese, nel quale si minaccia di fare del male alla vittima per indurla a obbedire e consegnare password e dispositivi agli aggressori.

Ora l'obbedienza viene ottenuta usando farmaci. 

L'altra novità è che il boom delle criptovalute ha creato molti nuovi ricchi, che non hanno ancora sviluppato buone abitudini di sicurezza e non si rendono conto che bitcoin e simili sono estremamente facili da perdere o da farsi rubare.

Alla luce di questa evoluzione, i consigli di questi esperti vanno aggiornati.

  • Se date appuntamento a una persona sconosciuta che avete contattato su un sito di incontri, fatelo sempre in un luogo pubblico, preferibilmente uno dotato di telecamere le cui registrazioni possano essere consultate dalle autorità se qualcosa va storto.
  • Confrontate sempre la foto della persona nel profilo con l'aspetto della persona che incontrate in carne e ossa. Se avete dubbi che sia la stessa persona, è il caso di allarmarsi.
  • Non lasciate mai incustoditi cibi o bevande e non accettate cibi o bevande da sconosciuti o persone incontrate da poco.
  • Limitate il vostro consumo di alcolici quando siete in un incontro di questo tipo.
  • Mettetevi sempre d'accordo con una persona fidata che sappia del vostro appuntamento e agisca se non vi sente entro un certo orario.
  • E ovviamente non pubblicizzate a sconosciuti il vostro interesse per le criptovalute.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Bitcoin, minaccia per l'ambiente

Commenti all'articolo (5)

Sempre attuale caro janez... :lol:
20-7-2021 18:52

Tira più un xxxxxxxxx che un carro di buoi :lol:
19-7-2021 17:41

{al}
ottima idea. ci provo pure io. basta presentarsi col cellulare muletto.
19-7-2021 08:09

Bell'articolo.Grazie.
18-7-2021 09:54

{utente anonimo}
beh, si potrebbe farle la controtrappola, lui si finge un criptotrader, poi scambia i bicchieri e.... :-)
17-7-2021 17:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai un'idea nel cassetto e ti piacerebbe aprire una startup per realizzarla. Che cosa ti frena?
Non ho i soldi per farla partire
Il momento economico non è favorevole
Non ho ancora trovato le persone giuste con cui farlo
E' troppo rischioso per me
Non sono sicuro di riuscire a portarlo a termine
Sarebbe troppo complicato, indipendentemente dai soldi
Non mi sento portato a fare l'imprenditore
E' solo un sogno e in realtà non credo che lo farei
Per un altro motivo e cioè...

Mostra i risultati (1342 voti)
Dicembre 2022
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 dicembre


web metrics