Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive

Guidata da Nextcloud, la coalizione si sente come Netscape al tempo della guerra contro Internet Explorer.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-11-2021]

microsoft antitrust nextcloud

Una coalizione di diverse aziende ed enti europei, guidata dalla tedesca Nextcloud, ha deciso di portare Microsoft davanti all'Antitrust europeo e a quello tedesco (e progetta di includere presto anche quello francese).

L'accusa nasce da una situazione che, come spiega la coalizione stessa, richiamerebbe quella che s'era creata al momento di massimo splendore di Internet Explorer: abuso di posizione dominante tramite l'integrazione di certi servizi in Windows, il sistema operativo più diffuso.

Nel caso specifico, li problema riguarda in particolare la presenza, in Windows, di OneDrive, il servizio di cloud storage: esso viene installato insieme al sistema operativo e, così facendo, acquisisce una visibilità che i concorrenti semplicemente non possono aspirare a ottenere.

C'è dell'altro: nel mirino ci sono anche i servizi di Microsoft 365, «integrati sempre più in profondità» in Windows, e Microsoft Teams, scelto per default in Windows 11.

«Tutto ciò» - spiegano gli accusatori - «rende quasi impossibile competere con i loro servizi SaaS.

Nextcloud e soci contestano peraltro l'attuale panorama dell'IT nel suo complesso, comprendendo anche gli altri giganti della tecnologia nella loro critica: «Considerando il contesto più ampio, vediamo che nel corso degli ultimi anni Microsoft, Google e Amazon hanno visto crescere la loro quota di mercato fino a raggiungere il 66% del mercato europeo complessivo, mentre i fornitori locali sono scesi dal 26% al 16%».

Tutto ciò sarebbe successo non perché i prodotti di questi pezzi da novanta siano intrinsecamente migliori di quelli della concorrenza ma perché essi avrebbero abusato della loro posizione di forza in certi settori per conquistarne una analoga in altri settori.

«È una situazione simile a quella degli anni ‘90, quando Microsoft integrò Internet Explorer in Windows per competere con Netscape. Non si tratta di un caso. Altre grandi aziende tecnologiche, come Amazon e Google, stanno facendo la stessa cosa, e la UE dovrebbe prendere posizione» sostengono i componenti della coalizione.

In particolare, all'Unione Europea viene chiesto innanzitutto di vietare che i servizi di Microsoft siano preinstallati, allegati o anche soltanto favoriti in altri prodotti dell'azienda, affinché la concorrenza tra le varie aziende possa avvenire su un piano di parità.

In secondo luogo, Nextcloud e compagni chiedono che vengano adottati standard aperti e che sia assicurata l'interoperabilità, garantendo così agli utenti possibilità di scelta.

In effetti, le parole chiave usate nei comunicati che annunciano l'azione presso le due autorità antitrust sono davvero le stesse adoperate in passato, sia al tempo della "guerra dei browser" sia quando la discussione si spostò sui formati proprietari usati da Microsoft Office prima dell'introduzione di Office Open XML.

L'elenco delle realtà che supportano l'azione di Nextcloud comprende diversi nomi noti nel panorama tecnologico, da The Document Foundation alla Free Software Foundation Europe.

Naturalmente al momento è presto per sapere se le accuse verranno considerate fondate e se, come accaduto per Windows Media Player (che ha portato alla nascita delle edizioni N di Windows), anche OneDrive darà origine a una versione europea di Windows priva del servizio.

organizations
I loghi dei componenti della "coalizione"

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft ha un'arma letale contro Linux e l'open source
Microsoft: l'antitrust preme, la licenza cambia
Caso Microsoft, il DoJ come 50 anni fa?
Pronto il calendario del processo Microsoft
Processo Microsoft: il 5 aprile termineranno le trattative

Commenti all'articolo (4)

il tutto finirà nella solita sanzione farsa e nella foglia di fico dell'obbligo di M$ alle opzioni come quella che ci fu per i browser anni fa, qualcuno se la ricorda?
10-12-2021 14:47

{utente anonimo}
Mica si è obbligati a seguire la moda e la corrente, ci sono valide alternative ai programmi in cloud. Se sei in vacanza ad esempio, magari non hai la connessione internet, non si ferma il mondo. Quando Word nella maggior parte dei casi serve solo per scrivere una lettera ad un cliente, per stendere una relazione, per far scrivere... Leggi tutto
1-12-2021 15:33

{daisaku}
Ogni tanto qualcuno si sveglia dal sonno profondo, ovviamente in ritardo praticamente irrecuperabile. Fra cause, controcause, contro-controcause, decreti ingiuntivi e quant'altro, alla fine il sistema sarà interamente spostato nel cloud (leggi: server delle grandissime aziende), cosa che inizia ad accadere, le aziende... Leggi tutto
1-12-2021 09:27

{Murdock}
Office365 e win 10 sono ormai integrati senza speranza. Se non aggiorni windows non funziona office, se usi office 365 su win 7 non funziona (se non aggiorni a win 10 !)
30-11-2021 17:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale tra queste donne andrebbe ricordata maggiormente per le sue scoperte?
Elizabeth Blackwell (fu pioniera nella medicina)
Rachel Carson (lanciò il movimento ambientalista contro i fitofarmaci)
Marie Curie (studiò le radiazioni)
Rosalind Franklin (contribuì alla scoperta del DNA)
Jane Goodall (studiò la vita sociale degli scimpanzé)
Ipazia (astronoma e matematica della Grecia antica)
Ada Lovelace (fu la prima programmatrice di computer)
Barbara McClintock (scoprì l'esistenza dei trasposoni)
Maria Mitchell (scoprì la cometa di Mitchell)
Lise Meitner (elaborò la teoria della fissione nucleare)

Mostra i risultati (1848 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 dicembre


web metrics