Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia

Il gigante dei chip sarebbe pronto a realizzare un nuovo impianto in Piemonte o in Veneto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-08-2022]

intel fabbrica chip 5 miliardi italia

Piemonte o Veneto: sono queste le due regioni che Intel starebbe valutando al fine di costruire una fabbrica di chip in Italia.

Secondo quanto riporta Reuters, il colosso dei processori sarebbe in trattative con il governo uscente per un accordo da 5 miliardi di dollari (circa 4,9 miliardi di euro), i cui dettagli al momento non sono ancora stati rivelati e che è parte di un programma di investimenti da 88 miliardi di dollari stilato da Intel per l'Europa.

Con questa mossa Intel intende rafforzare la propria presenza nel Vecchio Continente e proporsi come partner sostitutivo rispetto ai produttori cinese, la cui affidabilità nelle forniture negli ultimi tempi è stata quantomeno discutibile.

Per quanto riguarda l'Italia, l'intenzione sarebbe di riuscire a concludere l'accordo con il governo entro la fine di questo mese; Roma si sarebbe detta pronta a sostenere l'investimento di Intel fino al 40% (sempre secondo quanto sostiene Reuters) e, inoltre, si prevede che l'entità indicata inizialmente - 5 miliardi di dollari - possa probabilmente aumentare.

In origine, nell'elenco delle regioni considerate per la costruzione dello stabilimento erano presenti anche Lombardia, Puglia e Sicilia, ma allo stato attuale le uniche rimaste in lizza sono le già citate veneto e Piemonte.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Quei cellulari cinesi preinfettati in fabbrica
La fabbrica dei Lego... fatta coi Lego
Quei telefonini fabbricati da bambini sfruttati

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Su questo sono d'accordo e, anzi, penso che gią da prima del covid si sarebbe dovuta attuare e favorire in modo serio e deciso una politica in tal senso.
10-8-2022 15:30

Comunque piaccia o non piaccia, ci si deve rassegnare all'idea che il mondo č cambiato, e certe cose č meglio farsele prima in casa e poi comprarle fuori. Altrimenti torneremo a girare sugli sterrati trainando carretti di stracci entro trent'anni al massimo.
10-8-2022 15:25

Un rischio molto pił che presente, visti proprio i precedenti, direi quasi probabile. Leggi tutto
10-8-2022 15:22

E come no, se so' sbająti sicuro! Leggi tutto
10-8-2022 15:21

In genere le multinazionali aprono stabilimenti in paesi del terzo mondo, sottosviluppati, e con un basso costo del lavoro e possibilmente con regimi facilmente corruttibili .... :roll: :roll: :roll: Se saranno sbająti !
9-8-2022 21:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual č il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google č veramente brutta! Pił che un auto č un'ovovia.
Ci toglierą il piacere di guidare e la nostra vita sarą un po' pił triste.
Avrą un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarą maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pił lunghi o pił lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non č chiaro di chi sarą la responsabilitą civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarą esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitą o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pił: gią immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (2058 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 11 agosto


web metrics