Facebook è un social per vecchi

Secondo una recente indagine, quasi il 70% dei teenager non lo usa, preferendo Instagram e TikTok.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-08-2022]

facebook fuga teenager social network vecchi

C'è stato un tempo in cui Facebook era nuovo, accattivante e affascinante: la sua comparsa aveva fatto praticamente svanire MySpace, e tutti i "giovani" si erano ormai lasciati catturare dal social network di Mark Zuckerberg.

Poi gli anni sono passati, e le cose - o, per forse per meglio dire, le mode - sono cambiate: già nel 2018 era evidente che i più giovani stavano abbandonando Facebook per piattaforme più "fresche", più moderne, più immediate da usare dallo smartphone, come Instagram, Snapchat o TikTok.

Dopotutto, non era stato un caso se, prevedendone il successo, già nel 2012 Facebook (oggi Meta) era diventato padrone di Instagram, pur conoscendone gli effetti non sempre positivi, specialmente sulle ragazzine; in questo modo, poteva avere comunque accesso ai dati di quei giovanissimi utenti che stavano abbandonando la piattaforma in blu.

Dal 2018 a oggi, l'emorragia di adolescenti non s'è arrestata; anzi, sembra non aver fatto altro che crescere. Stando a una ricerca condotta dal Pew Research Center, ormai il 68% dei teenager (ossia di quanti hanno tra i 13 e i 17 anni) non utilizza più Facebook.

Gli sforzi richiesti da Mark Zuckerberg, che di Facebook è l'amministratore delegato, per cercare di andare incontro alle esigenze degli utenti più giovani non sembrano aver portato alcun frutto: le piattaforme popolare tra i teenager sono altre.

Tra queste spicca YouTube che, pur non essendo un social network in senso stretto, viene usato giornalmente dal 77% degli adolescenti: poi ci sono TikTok (58%), Snapchat (51%), e Instagram (50%).

Se poi si considerano le percentuali di quanti usano le varie piattaforme non proprio ogni giorno, ma con una certa frequenza, allora si scopre che la percentuale di ragazzi tra i 13 e i 17 anni usa YouTube è del 95% (con un 19% che afferma di usare YouTube «quasi costantemente», mentre quella relativa a TikTok è pari al 67%; Meta se la cava grazie a Instagram, usata spesso (anche se non quotidianamente) dal 62% degli intervistati; viene poi Snapchat (59%).

Se si paragonano i dati attuali con quelli ricavati dal sondaggio precedente, svolto nel 2015, il crollo di Facebook diventa evidente: allora, il 71% degli intervistati usava almeno ogni tanto il social network di Mark Zuckerberg; oggi quella percentuale è pari appena al 32%.

Che cosa ci dice tutto questo? Qualcosa di ovvio, come il fatto che le mode e le piattaforme cambiano rapidamente, e qualcosa su cui ciascuno può forse essere portato a riflettere, come il fatto che a farla da padrone siano sempre di più i servizi che consentono di "mettersi in mostra" con poca fatica e tante foto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Teenager non rivela la password: in prigione
Le dieci celebrità più pericolose di Internet
Teenager sempre più sordi, colpa degli Mp3

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Grazie del chiarimento.
3-9-2022 14:30

Su Facebook vi sono pagine proprio personali, che spesso non puoi nemmeno vedere perchè sono gruppi chiusi, e se dicono scemenze o verita da ascesi, non lo saprai mai. Poi vi sono i canali commerciali, caso a parte, poi vi sono quelli che usano facebook per propagandare le scemenze, e sono accoppiati di solito con youtube, tiktok e... Leggi tutto
29-8-2022 14:53

@zeross Ma... quanto dici in relazione ai canali Youtube vale anche per Facebook che negli esempi non citi? Personalmente conosco assai poco entrambi ma ho sempre pensato che, in media, il livello dei contenuti di FB fosse assai più basso di quelli di Youtube.
18-8-2022 17:58

su Youtube esitono canali molto validi, come L4U, geopop, entropy for life, mercadini, balbi, giopizzi, parabellum, vlad, limes, QDSS, synergo ed altri come la vegetariana scema che non riesci propri a capire come diavolo fa ad esistere perche è pura scemenza senza senso e come lei ci sono altri che mi rifiuto di scrivere per orrore... Leggi tutto
18-8-2022 17:19

Non ti sembra un pò eccessivo? Forse era più corretto dire: "con un cervello più sviluppato delle persone che usano tiktok"... :-k Leggi tutto
18-8-2022 16:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2311 voti)
Settembre 2022
Da Amazon un Kindle su cui si può anche scrivere
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 ottobre


web metrics