Approvato lo standard video H.265, successore di H.264

Inizia l'era della definizione ultra alta e i video diventano più leggeri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-01-2013]

h265

Il successore di H.264 (il popolare codec adoperato per l'alta definizione) è pronto: l'ITU l'ha approvato ufficialmente, assegnandogli il nome H.265.

Rispetto al predecessore, H.265 migliora la qualità video e permette una maggiore compressione dei dati (usa la metà della banda rispetto al formato H.264), introducendo anche il supporto per l'alta definizione 8k (UHD 8192x4320).

Diverse aziende hanno già introdotto il supporto a H.265 - la cui bozza era pubblica da tempo - nei propri dispositivi, ma ci vorranno probabilmente anni prima che la sua diffusione diventi ampia.

In teoria, a pesare sul destino del nuovo codec c'è lo stesso problema che affligge H.264, ossia quello dei brevetti: esso appartiene infatti alla MPEG LA che tuttavia, per la versione H.264 ha promesso il libero uso per sempre.

Probabilmente la stessa politica sarà applicata anche a H.265, sebbene il fatto che la proprietà dei brevetti sia nelle mani di un unico soggetto renda comunque necessario doversi fidare della sua parola, sperando che non cambi mai idea.

Sondaggio
La televisione in tre dimensioni... (completa la frase)
è la nuova frontiera dell'intrattenimento domestico.
è inutile e in più fa male alla vista.
serve solo a vendere nuovi televisori e decoder.

Mostra i risultati (4941 voti)
Leggi i commenti (11)

Anche per questo motivo Google a suo tempo - allora il "nemico" era H.264 - sviluppò il formato WebM (open source), sperando che prendesse il posto del codec rivale; la diffusione di WebM, tuttavia, è sempre rimasta piuttosto limitata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Come scegliere la giusta scheda SD
H.265, l'alta definizione pesa la metà
Raspberry Pi e gli altri
Via ARTiGO, miniPc ideale come media server e non solo
I top releaser abbandonano Xvid per H.264
Il PC da 15 euro su chiavetta USB
Google porta WebM su Internet Explorer 9
Chrome dice addio a H.264
Microsoft porta H.264 su Firefox
H.264 diventa gratuito. Firefox e Opera pronti a capitolare?
Youtube non rinuncia a Flash e spiega perché
Wild Fox, e Firefox supporta H.264

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Gli smartphone integrano fotocamere sempre più potenti e tecnologicamente avanzate. Pensi che le fotocamere compatte diverranno un prodotto di nicchia?
Sì, perché è più comodo avere un unico dispositivo che faccia tutto quanto e che porto sempre con me
No, perché le fotocamere compatte saranno sempre un passo avanti con l'ottica, lo zoom, il flash e via dicendo
Non voglio azzardare una previsione.

Mostra i risultati (1822 voti)
Novembre 2020
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics