Kim Dotcom prende le distanze da Search-Mega

Mega obbliga il motore di ricerca alla chiusura: non rispettava le regole sulla rimozione di contenuti protetti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-02-2013]

Kim Dotcom on Mega

Com'era prevedibile, la nascita di Mega ha generato come effetto collaterale quella di tutta una serie di motori di ricerca che operano sulla creatura di Kim Dotcom.

Uno di questi - il francese Search-Mega - è rapidamente salito agli onori della cronaca prima per la rapidità con cui ha guadagnato popolarità, e poi per la rapidità con cui è sparito dal web.

Come gli altri motori - quale per esempio Mega-Search, tuttora attivo - Search-Mega permetteva di effettuare ricerche tra il materiale caricato su Mega, scovando anche i file protetti da copyright che gli utenti avevano condiviso illegalmente.

Fin qui, il servizio francese sembrerebbe operare esattamente come tutti gli altri; allora perché questo è sparito e i concorrenti no?

A spiegarlo è Kim Dotcom in persona, il quale afferma che dietro la sparizione di Search-Mega c'è Mega stesso.

Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (358 voti)
Leggi i commenti

Innanzitutto, Search-Mega non offriva un proprio sistema di segnalazione delle violazioni e rimozione dei fili illegali, limitandosi a segnalare quello di Mega; inoltre riutilizzava il logo del cyberlocker e una grafica simile, inducendo negli utenti il sospetto che i due servizi fossero affiliati, mentre in realtà non c'era alcun legame.

Così, a seguito delle numerose proteste provenienti dai detentori dei diritti e mentre Dotcom stava dormendo, il team di Mega ha deciso di intervenire attivamente e far uscire dai giochi Search-Mega.

A ripensarci - spiega Kim Dotcom - sarebbe stato meglio inviare inizialmente un avvertimento, invitando il motore francese a rimediare ai propri errori (cambiando grafica e inserendo un proprio sistema per la rimozione dei contenuti online dagli indici).

Tutti i motori che rispettano queste condizioni - spiega ancora Dotcom - per Mega non sono un problema: per questo motivo servizi come FilesTube (che al momento pare aver indicizzato il maggior numero di file presenti su Mega) possono continuare a operare tranquillamente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Mega, arriva il primo motore di ricerca
Inizia la crociata contro il nuovo Mega
Come funziona MEGA
Pressioni su PayPal per boicottare i torrent tracker
A gennaio Mega, Megabox più avanti
Mega trova casa in Nuova Zelanda
RapidShare riaccelera
Cyberlocker, tre mesi di passione
RapidShare attacca i siti di link
RIAA: il peer to peer incide poco sulla pirateria
La strategia IFPI in una roadmap riservata
Il più grande database di link pirata? Lo sta costruendo Google
OneDDL rinuncia al warez e chiude
DepositFiles, accordo multimilionario
Thunderbird, arriva il supporto ai cyberlocker
MegaUpload, utente chiede al tribunale i suoi file
Problemi di hosting per RapidGator
Zshare scompare dal web
Il futuro del P2P: anonimo, decentralizzato e senza censura
MPAA E RIAA partoriscono il Center for Copyright Information
Dopo Megaupload ecco gli altri siti da far fuori
Cyberlocker, chi sale e chi scende
Un ibrido tra torrent e cyberlocker
Pizzicato releaser italiano di telefilm
Cyberlocker, mini-censimento
Come RapidShare ha conquistato la fiducia di RIAA e MPAA
Megaupload, effetto valanga e implicazioni per il cloud

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I cartelli di avviso inducono gli automobilisti a manovre di emergenza, frenando di colpo per poi accelerare nuovamente una volta passato l'autovelox. È allo studio un progetto di rimuovere tutte le segnalazioni anche da app e navigatori: sei d'accordo?
Sì, le strade saranno più sicure
No, servirà solo ad aumentare le multe

Mostra i risultati (2185 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics