La batteria al grafene che estrae l'idrogeno dall'aria

Potremmo dire addio ai carburanti fossili usati per ottenere l'idrogeno da destinare alle celle a combustibile.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-05-2015]

grafene

Sin dalla sua scoperta nel 2004 il grafene è stato battezzato "il materiale dei miracoli", tanto da far ottenere ai suoi scopritori il premio Nobel nel 2010.

L'ultima sua applicazione scoperta ha quasi del miracoloso: pone infatti le basi per costruire un generatore che si alimenta estraendo idrogeno dall'aria.

La scoperta si deve ad alcuni ricercatori dell'Università di Manchester, nel Regno Unito, guidati da uno degli scopritori del grafene, Andre Geim; essi hanno capito come creare membrane di grafene in grado di ottenere idrogeno dall'atmosfera.

Il team di Geim ha scoperto che monostrati di grafene, normalmente impermeabili a gas e liquidi, diventano permeabili se trattati con particelle di platino e in elevate condizioni di temperatura: gli atomi di idrogeno, privati degli elettroni, riescono così a passare.

Di qui è sorta l'idea di usare il grafene nelle membrane a conduzione protonica, una parte fondamentale delle celle a combustibile; le membrane attuali usate finora presentano dei problemi di contaminazione nello scambio di combustibile, che ne limitano l'efficienza e la durata.

Sondaggio
Qual č il maggior problema tra questi?
La gente comune non capisce molto di scienza.
La stampa e i media non mettono in risalto le scoperte veramente importanti.
La stampa e i media semplificano troppo le scoperte scientifiche.
La gente comune si aspetta soluzioni semplici e veloci.

Mostra i risultati (1744 voti)
Leggi i commenti (5)

Il grafene permetterebbe di risolvere il problema della contaminazione delle celle, creando pile a combustibile tanto efficienti da poter rivaleggiare alla pari con i carburanti fossili.

In più, il grafene ha un'altra interessante capacità, ossia quella di estrarre idrogeno da un'atmosfera ricca di umidità.

Attualmente, ottenere l'idrogeno per alimentare le celle a combustibile significare affrontare un procedimento costoso e inquinante; la scoperta della capacità del grafene di estrarre idrogeno dall'aria permetterebbe di creare un generatore elettrico che si procura l'idrogeno "da sé" e lo immette nelle celle.

«Quando sai come funziona, è molto semplice allestirlo» spiegano i ricercatori. «Si mette un gas contenente idrogeno da un lato, si applica una piccola corrente elettrica e si ottiene idrogeno puro dall'altro lato. Questo idrogeno può quindi essere bruciato in una pila a combustibile».

Per ora gli scienziati hanno lavorato su piccole membrane e di conseguenza la raccolta dell'idrogeno è limitata; l'annuncio della scoperta serve proprio a rendere nota questa possibilità per spingere altri ricercatori a lavorarci.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La superbatteria al grafene che si ricarica in pochi secondi
L'iPhone con la batteria a idrogeno che dura una settimana
Un supercondensatore dai mozziconi di sigaretta
La cannabis meglio del grafene
La batteria al grafene che ricarica l'auto in pochi minuti
La stampante 3D per modellare il grafene
Graphene Aerogel, il materiale più leggero del mondo
Il sensore al grafene per sniffare gli esplosivi
Goldrake e Jeeg Robot oggi sarebbero di grafene, non di acciaio
Le batterie flessibili al grafene
IBM: il grafene non manderà in pensione il silicio
Ecco perché il grafene è valso il Nobel per la fisica
Il grafene manderà in pensione le memorie flash
Addio silicio, arriveranno i chip di grafite

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

Esistono dispositivi in grado di estrarre decine di litri d'acqua dall'atmosfera in una notte. La stessa acqua che le auto a fuel cell emettono quando viaggiano. Questa invenzione chiuderebbe il civlo, e' un'ottima cosa! Leggi tutto
5-6-2015 09:25

Esistono dispositivi in grado di estrarre decine di litri d'acqua dall'atmosfera in una notte. La stessa acqua che le auto a fuel cell emettono quando viaggiano. Questa invenzione chiuderebbe il civlo, e' un'ottima cosa! Leggi tutto
5-6-2015 09:23

Talmente scomoda e pesante che la "ricarichi" in 5 minuti invece che 6 ore, ci fai 500km invece che 100, pesa 3 kg invece che 300 e occupa 10 litri di spazio invece che 200. L'unico problema dell'idrogeno, per ora, e' il costo energetico prr produrlo. Se hanno inventato un catalizzarore idrogeno/grafene, questo costo calera'... Leggi tutto
5-6-2015 09:19

Quindi il sistema Celle fotovoltaiche ---> elettrolisi dell'acqua ---> idrogeno proprio non piace? Leggi tutto
20-5-2015 19:37

{utente anonimo}
Peccato che ogni volta che si danno questi annunci poi non se ne sente più parlare, così fu per la fusione a freddo, così fu per quei due ragazzi in tv che presentarono il loro motore ad acqua e così via. Vedremo che succederà BO?
20-5-2015 14:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitā di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitā e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1226 voti)
Dicembre 2019
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Tutti gli Arretrati


web metrics