Le parole di Internet: Non-Fungible Token (NFT)



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-03-2021]

nft

Se vi siete persi nei meandri delle complessità delle criptovalute, preparatevi a un altro mal di testa: sono arrivati i non-fungible token, e c'è gente che sborsa milioni per acquistarli.

Un'opera d'arte puramente digitale è stata infatti venduta all'asta da Christie's per ben 69 milioni di dollari. Chi ha sborsato questa cifra non riceverà una stampa o altra versione concreta dell'opera, ma solo una sorta di gettone digitale che attesta che lui o lei è il proprietario dell'originale dell'opera, che resta perfettamente copiabile senza alcuna perdita di qualità, come qualunque altra creazione digitale. Questo gettone si chiama non-fungible token o NFT.

Il nome non aiuta certo a capire di cosa si tratti e come funzioni. In economia, un bene fungibile è qualcosa composto da unità facilmente intercambiabili. I soldi, per esempio, sono una risorsa fungibile: una banconota da 100 euro vale esattamente quanto tutte le altre banconote dello stesso tipo. È scambiabile per esempio con due banconote da 50 euro senza alcuna perdita di valore. Lo stesso vale per i bitcoin, per esempio.

Una risorsa non fungibile è l'esatto contrario: una risorsa che ha proprietà uniche che non consentono di intercambiarla con qualcos'altro. Un quadro come la Gioconda è una risorsa non fungibile: se ne possono fare riproduzioni, foto o stampe, ma l'originale resta uno e uno solo. Un gettone non fungibile è una sorta di certificato di proprietà che riguarda una risorsa materiale o immateriale: un file digitale o una scultura. Nel caso degli NFT, il certificato è garantito da una blockchain, ossia un registro pubblico digitale e distribuito, esattamente come avviene per le criptovalute.

Ma che senso ha pagare milioni di dollari per un file che tutti possono copiare perfettamente? La differenza fra un quadro e una fotografia di un quadro è evidente: la copia perde delle caratteristiche essenziali. Nel caso delle opere NFT, invece, le copie sono perfettamente identiche all'originale. Quindi dove sta il valore?

Per qualcuno il valore c'è: l'artista Grimes, per esempio, ha venduto opere per alcuni milioni di dollari. Gli NFT sono diventati un modo per sostenere economicamente gli artisti. Il fatto che il registro delle proprietà di questi NFT è pubblico consente agli artisti di tracciare gli scambi e di incassare una commissione su ogni compravendita delle proprie opere, mentre con i sistemi tradizionali capita spesso che l'artista non veda un soldo dopo la vendita iniziale e gli speculatori facciano invece fortuna.

Sondaggio
Cosa fai se non usi un'applicazione da molto tempo?
La lascio nel dispositivo, potrei averne bisogno un giorno
La eliminano. Quando ne avrò bisogno, la scaricherò di nuovo

Mostra i risultati (1233 voti)
Leggi i commenti (4)

Ma anche negli NFT c'è l'ondata speculativa: c'è chi trasforma in NFT qualunque cosa (gli sticker di Telegram e persino i tweet) sperando di monetizzarli. Se trova qualcuno che è disposto a comprare, nasce l'affare. Il compratore, a sua volta, è convinto di poter rivendere quell'NFT in futuro a un valore maggiore e quindi avere un guadagno.

Però rispetto alla proprietà tradizionale resta ben vistosa una differenza fondamentale: se sei proprietario di un quadro o di una scultura, la detieni e decidi tu a chi mostrarla e cosa farne. Se sei proprietario di un NFT, hai solo il diritto di vantarti di essere proprietario di un'opera (e in alcuni casi hai il diritto di copia), ma materialmente non hai in mano niente. Questo non ha impedito al mondo dei videogiochi, per esempio, di vendere risorse di gioco sotto forma di NFT: come Fortnite ha ben dimostrato, c'è tanta gente disposta a pagare pur di avere una skin.

C'è anche un'altra differenza importante: la conservabilità nel tempo. Un quadro, un attestato cartaceo di proprietà, una scultura possono durare secoli o millenni. Un NFT esiste soltanto finché esiste la blockchain che lo supporta, più il software per leggerla e l'hardware sul quale far girare quel software. Che succede se una blockchain va fuori moda e non la supporta più nessuno?

Insomma, non c'è modo di sapere se gli NFT dureranno o se sono soltanto l'ennesimo caso di speculazione a breve termine. Di certo c'è gente che ci sta guadagnando somme enormi e altra gente che le sta spendendo, e come al solito sono pochi quelli che guadagnano e tanti quelli che ci perdono. Il gioco continuerà finché ci sarà gente che ci crederà.

Fonti: Christies, The Verge, Gizmodo, BBC.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Un po' lampada, un po' opera d'arte (e purifica l'aria)
Selfie: quali sono in e quali out nel 2019
L'app che ti dice a quale opera d'arte assomigli
Cloud e arte
Mettiamo una tassa sulla cultura
Dopo i cerchi nel grano arrivano i cerchi nella sabbia.
Trollface
Fotografare nei musei? Adesso si può
Le opere d'arte? Si acquistano su Amazon
Un'opera da vedere e da ascoltare, scaricabile gratuitamente
Il MoMA a New York, un museo tutto da giocare
Nuvole nella galleria d'arte moderna
Lo sgabello fatto con l'hardware riciclato
Metti un token nella carta di credito
Con Google Art Project la visita agli Uffizi è virtuale
La testa di Steve Jobs servita su un piatto
Immagini non degradate, Tiscali risarcirà la Siae
L'arte degradata fa discutere
Il mondo dell'arte digitale
Telefonare per conoscere l'Arte
L'occhio sulla Biennale

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{paul aster}
@utente anonimo, credo che chi spende decine di milioni per avere un Nft come questo abbia miliardi in tasca. Non sono certo polli, ma al contrario guadagnano enormità sui polli che si credono furbi. Semplicemente per loro sono spesucce per far vedere agli amici di essere stati originali prima di loro. Il mondo dei super-ricchi... Leggi tutto
2-4-2021 16:45

{fungiasta}
Sinceramente non vedo perché l'artista dovrebbe incassare commissioni ad ogni scambio dell'opera. Davvero curiosa questa logica, ed è anche non fungibile, visto che non si applica a buona parte del resto del mondo.
2-4-2021 16:36

Già, chissà perché... :roll: Leggi tutto
28-3-2021 16:07

È la prima volta che un giornalista fa capire chiaramente che possedere un NFT vuol dire solamente avere la proprietà legale dell'opera in astratto, cioè di per sè un NFT non impedisce minimamente che vengano creato infinite copie identiche dell'opera digitale.
26-3-2021 02:55

{utente anonimo}
ottime osservazioni nell'articolo: vale finché dura la moda, poi? Da un lato li manderei tutti a zappare, dall'altro se c'è gente che vuole farsi spennare con queste cavolate, che li si spenni, se lo sono cercato e meritato. Magari dopo aver perso milioni rinsaviranno, altrimenti intanto hanno fatto felice... Leggi tutto
24-3-2021 18:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Recenti scoperte genetiche affermano che l'invecchiamento è controllabile e quindi potremo vivere tutti più a lungo. Cosa ne pensi?
E' una grande scoperta, sono contento di vivere più a lungo.
L'importante è poter vivere bene e in salute.
Trovo che la genetica si stia spingendo oltre i limiti umani.
Significa che dovremo tutti lavorare più a lungo e andare in pensione più tardi.
Questo contribuirà al sovraffollamento del pianeta.

Mostra i risultati (5730 voti)
Aprile 2021
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 aprile


web metrics