La rinascita della stampante

Spiccioli di Cassandra/ Far durare l'hardware vecchio è una scelta virtuosa nel terzo millennio, ma attenzione ai rischi imprevisti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-11-2021]

A32
La stampante di Cassandra ;-)

Cassandra non è taccagna. Non è nemmeno insensibile al fascino della tecnologia e delle novità.

Allora indovinate cosa ha fatto quando la sua stampante multifunzione, che svolgeva il suo onorevole servizio dal lontano 2009, ha acceso due lucette gialle e si è rifiutata di fare ulteriori stampe o scansioni.

Considerate che la stampante stampava bene per quelle che sono le modeste esigenze di Cassandra; gli ugelli non si intasavano (quasi) mai e le cartucce di inchiostro compatibili, di durata più alta delle originali, si trovano a 1 euro l'una. No, Cassandra non ha gettato la vecchia compagna in favore di una nuova e più aggiornata.

La stampante era stata amorevolmente curata negli anni, e nemmeno l'occasionale dispersione di rullini e pernetti, evidentemente non indispensabili, aveva fatto venire la tentazione di dismetterla e comprarne una nuova. Capirete quindi perché Cassandra non ha lesinato tempo e sforzi per cercare di salvarla.

Tecnicamente la storia non è nuova, anzi è già stata trattata in queste pagine; le stampanti a getto di inchiostro hanno parti interne soggette a esaurimento e non sostituibili (facilmente) dall'utente; d'altra parte il prezzo della stampante non giustifica nessun intervento di assistenza, che oltre al costo probabilmente non sarebbe nemmeno disponibile per modelli vecchi.

Ovviamente il costo di aereo e auto per cercare soccorso a Palazzolo Acreide, posto che il buon Asbesto fosse disponibile, sarebbe comunque proibitivo. Quindi non c'è che da arrangiarsi, ricordando come i fabbricanti di stampanti amino accanirsi contro i loro clienti, considerati non come risorsa preziosa, ma come perenni ed accaniti avversari da sfruttare.

Una veloce consultazione del manuale della stampante, trovato sui soliti siti, conferma che la combinazione "due lucine gialle fisse" non corrisponde a nessuna anomalia nota, o che almeno si ritenesse di portare a conoscenza degli utenti.

Una meno veloce serie di ricerche in Rete permetteva di scoprire che il blocco definitivo delle stampanti ink-jet multifunzione avviene anche quando il serbatoio interno in cui la stampante smaltisce l'inchiostro in eccesso, prodotto ad esempio durante la pulizia degli ugelli, si riempie.

Questi serbatoi contengono spugna assorbente per "bloccare" l'inchiostro, ma non sono ovviamente dotati di nessun controllo di livello. Per questo motivo la stampante dispone di un contatore interno di pagine, che ne blocca il funzionamento allo scoccare di un dato numero di pagine; in questo caso il numero fatidico era 7200. Cassandra cerca di stampare poco, ma dopo 13 anni di onorato servizio il numero era stato raggiunto.

Sostituire le spugne del serbatoio, posto che fossero raggiungibili e si trovasse con cosa sostituirle, era impensabile; vi siete mai sporcati le mani con l'inchiostro di una stampante?

Un margine di sicurezza però doveva esserci, quindi il serbatoio non era probabilmente pieno, visto che la stampante faceva il suo lavoro in maniera perfetta. Allora questo contatore dove sta? Come leggerlo? Come resettarlo?

Con pazienza certosina, numerose ricerche e una grande dose di cautela per evitare trappole pubblicitarie e software a pagamento, finalmente Cassandra localizzava un eseguibile promettente e sicuro, che si rivelava un programma di configurazione destinato all'assistenza.

Il programma permetteva di manipolare il firmware della stampante e di leggere e scrivere i contatori. Senza tentare di fare altro, per non correre il rischio di bloccare per sempre la stampante, leggo il contatore del serbatoio che segna appunto 7200, e lo resetto a zero. Oplà. Tutto funziona. Cassandra 1, Avidi fabbricanti di stampanti 0.

Un avviso; Cassandra è rimasta colpita da quanto i siti che stava navigando fossero pieni di pubblicità ingannevole e link sospetti o malevoli. E' bene ricordare che quando si naviga al di fuori dei siti più noti la possibilità di scaricare un virus è molto più alta, e che spesso ci sono furbetti che offrono a pagamento cose che altrove si trovano gratis. E' quindi necessario guardare con sospetto e sottoporre all'antivirus qualsiasi eseguibile scaricato dalla rete prima di utilizzarlo.

E mentre la mia fedele stampante, pur priva di qualche rullino, sta dandosi da fare con un noiosa relazione di CTU, mi chiedo cosa succederà quando il serbatoio dell'inchiostro sarà effettivamente pieno. Forse userò la stampante solo come scanner. Vedremo. Intanto in una discarica in giro per il mondo c'è' una stampante in meno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Sicuri di sapere come si lava il panno da 25 euro di Apple?
Crisi dei chip, Canon costretta a vendere toner “contraffatti”
Oltre 150 stampanti HP vulnerabili ad attacchi da remoto
Il Nobel ad Assange
Stampanti multifunzione non scansionano senza inchiostro: class action contro Canon
L'insopportabile fragilità di Internet
La Democrazia della Sorveglianza
Tecnocontrollo e diritti civili
Guerra Fredda nell'Internet delle Cose
False dicotomie, reloaded
Rinunciare allo smartphone
La chiocciola e la banda larga
La telescrivente per Telegram, dedicata alla nonne
Pinne d'argento, immense astronavi
Animismo digitale
Colpevoli di ransomware
Il Wi-Fi che ti spia
Conto alla rovescia per l'addio a Google Cloud Print
Stampanti in pericolo, proprietari non raggiungibili
Apple revoca i certificati, le stampanti HP non vanno più
Il bug in Windows 10 che fa sparire le stampanti
Google si prepara a uccidere Cloud Print
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Le scarpe impermeabili fatte coi fondi di caffè
Galaxy S10, lettore di impronte ingannato da una stampa 3D
La rivolta delle stampanti a sostegno di PewDiePie
Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

Brava Cassandra. Io non ho la minima speranza di imparare a far certe cose (per una serie di ragioni... serie). Sarebbe bello che esistesse un servizio di recuperatori per noi utonti. Pagherei volentieri il servizio.
12-12-2021 19:13

"vi siete mai sporcati le mani con l'inchiostro di una stampante?" Sì, la prima volta che ho pulito la testina intasata e non stampava più. :cry: Dopo ho iniziato a INDOSSARE I GUANTI. :shock: Sì, lo so so, sono un genio, a nessuno nell'intero mondo creato mai sarebbe venuta in mente una soluzione così originale e... Leggi tutto
2-12-2021 05:24

{utente anonimo}
Grazie di questa tua testimonianza Cassandra! Si vede che sei di vecchia scuola e non come i ragazzini di oggi che parlano tanto di ecologia ma che sono abituati alle comodità ed allo spreco, dando poi la colpa alla nostra generazione.
1-12-2021 15:26

Alcune stampanti permettono la sostituzione del serbatoio d'inchiostro. Naturalmente, bisogna comprare un serbatoio nuovo, che costa un po' di più di quanto uno si aspetterebbe per un banale contenitore di plastica. Sicuramente l'operazione da NON fare è tentare di continuare a stampare quando oil serbatoio è pieno - o quasi. La... Leggi tutto
1-12-2021 13:15

Io ricordo una vecchia Epson Stylus degli anni tra il 1995 ed il 2000 che aveva una cannetta di scarico per il tampone dell'inchiostro sul retro... @calamarim e se, come accanimento terapeutico, fai un foro per fare scolare l'inchiostro in eccesso? Facendo il foro fatto bene, lo si può richiudere con una vite passando il filetto con un... Leggi tutto
1-12-2021 12:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il tuo browser preferito?
Internet Explorer
Firefox
Chrome
Safari
Opera
Un altro

Mostra i risultati (12107 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 gennaio


web metrics