Grafene dalla plastica della auto rottamate



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-05-2022]

grafene plastica auto

Alcuni ricercatori della Rice University e del Research and Innovation Center di Ford hanno ideato un metodo creativo per riciclare la plastica: trasformarla in grafene.

Utilizzando una tecnica nota come Flash Joule Heating, che gli studiosi della Rice University stanno sperimentando da un paio d'anni, si può produrre grafene da diversi materiali di scarto come avanzi di cibo, vecchi pneumatici e, come s'è sperimentato ora a seguito della collaborazione con Ford, dalla plastica delle auto rottamate.

Il processo prevede che i materiali di scarto vengano ridotti in polvere e sottoposti al passaggio di corrente elettrica ad alto voltaggio somministrata in brevissime scariche; l'operazione li riscalda a temperature comprese tra i 2000 e i 2700 gradi Celsius e in questo modo il carbonio contenuto negli "scarti" viene convertito in grafene.

Questo sistema - spiegano i ricercatori - è non solo più economico delle alternative utilizzate sinora, ma consuma anche meno energia e consente di rendere nuovamente utili materiali il cui destino sarebbe invece finire in una discarica o in un inceneritore.

L'idea di poter applicare la tecnica alla plastica ottenuta dai veicoli destinati alla demolizione è venuta ai ricercatori di Ford dopo aver letto lo studio iniziale dei colleghi della Rice University, ai quali hanno inviato 4,5 kg di plastiche miste provenienti da paraurti, guarnizioni, tappetini, sedili e portiere di alcuni pickup F-150.

Non è stato necessario dividere le diverse plastiche in base al tipo prima di sottoporle al processo: sono state invece ridotte tutte in un'unica polvere molto fine, quindi sottoposte a due "trattamenti".

Il primo è consistito in un flash di corrente a bassa intensità durato da 10 a 16 secondi: il 30% del materiale, è rimasto solido diventando plastica con un alto contenuto di carbonio, mentre il resto è stato trasformato in gas, paraffine e oli ricchi di idrocarburi.

Il secondo flash, con corrente ad alta intensità, ha convertito l'85% del materiale rimasto in grafene; il resto è diventato idrogeno, ossigeno, cloro, e silicio, con tracce di altri elementi metallici.

Il grafene così ottenuto è stato poi spedito a Ford, che ha pensato di utilizzarlo per rinforzare la schiuma di poliuretano usata per isolare i veicoli dalle vibrazioni e dal rumore: l'aggiunta del grafene (pari appena allo 0,1% del peso) ha portato - secondo quanto dichiara Ford - a un aumento del 35% della resistenza alla trazione e a un miglioramento pari al 25% nell'assorbimento dei suoni a bassa frequenza.

Anche la schiuma così "arricchita" può quindi essere sottoposta nuovamente al processo, ottenendo grafene: l'operazione è stata dimostrata con successo sempre dai ricercatori della Rice.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Le batterie flessibili al grafene
IBM: il grafene non manderà in pensione il silicio
Ecco perché il grafene è valso il Nobel per la fisica
Il grafene manderà in pensione le memorie flash
Addio silicio, arriveranno i chip di grafite

Commenti all'articolo (5)

In effetti è così, mentre nei materiali termoplastici le percentuali di materiale di riciclo sono elevate anche fino al 40/50 % se non sono rimasto indietro, con i termoindurenti - ovvero i vulcanizzatati - quando ci lavoravo io le percentuali di riciclo non potevano superare il 10% e neppure con tutti i materiali. La vulcanizzazione non... Leggi tutto
11-6-2022 15:54

Probabilmente perché il processo di vulcanizzazione non è reiterabile. In realtà vedendo alcuni programmi TV a tema si ha la sensazione che una parte di materiale riciclato sia prevista nel processo produttivo, solo sarà una quota molto esigua. Leggi tutto
4-6-2022 06:24

{oscar}
A proposito di ambiente,chissà i cosidetti paladini 'verdi' cosa ne pensano:vorrei parlare un momento dei negozi cinesi, quelli che vendono cose economiche sapete no? Quello che vendono (parlo del grosso,e del grosso della merce che vendono in quei negozi) è soltanto spazzatura. Quei prodotti che GIA’... Leggi tutto
3-6-2022 08:44

{al}
interessante che dalle gomme riciclate si possano ottenere tante cose ma non altre gomme.
1-6-2022 07:28

L'enfasi è più sulla collaborazione con la casa automobilistica che non su aspetti realmente delicati (ad es.: ma quanta energia richiede il processo?). Sembra quasi pubblicità occulta. Leggi tutto
31-5-2022 13:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3966 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics