L'impianto sottopelle che si riassorbe col tempo

Realizzato con materiali biocompatibili, svanisce senza lasciare traccia né creare pericolo per il paziente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-01-2013]

transient electronics

L'utilizzo di dispositivi elettronici che vengono impiantati all'interno del corpo umano per motivi medici, ormai, non è certo una novità: si tratta di una pratica comune che, tuttavia, presenta alcuni problemi.

Lasciare a lungo un dispositivo estraneo all'interno del corpo fa sorgere domande circa la sua biocompatibilità sul lungo periodo; se poi si tratta di impianti che devono svolgere un compito per un periodo limitato, al fastidio dell'operazione per l'impianto si aggiunge quello della procedura inversa per l'espianto.

Il professor John Rogers, dell'Università dell'Illinois a Urbana-Champaign (insieme a colleghi della Tufts University e della Northwestern University), ha ideato una soluzione alternativa: adoperare dispositivi che si "dissolvono" dopo un periodo di tempo prestabilito e vengono riassorbiti all'interno del corpo umano.

L'idea è stata battezzata transient electronics, ossia sistemi elettronici transitori, proprio a indicare la "deperibilità" dei componenti adoperati.

Il segreto sta nell'utilizzo di materiali biocompatibili - come il silicio e il magnesio - disposti in strati così sottili da dissolversi in giorni o settimane; i circuiti così realizzati sono poi rivestiti da uno strato di seta, il cui spessore è ciò che determina il tempo necessario al dispositivo per scomparire.

Sondaggio
I sacchetti biodegradabili sono più innovazione o più ecobufala?
Innovazione: faranno risparmiare petrolio e calare l'inquinamento.
Ecobufala: costano di più e per l'ambiente non cambia niente.

Mostra i risultati (3263 voti)
Leggi i commenti (20)

I test hanno permesso di realizzare con successo tutta una serie di dispositivi "a scomparsa programmata" come sensori di temperatura, fotosensori, celle solari, antenne e persino una fotocamera a 64 pixel. Un esperimento su dei ratti ha consentito inoltre di mettere all'opera un sensore transitorio studiato per individuare e prevenire l'insorgenza di infezioni post-operatorie.

Oltre alle applicazioni mediche, questa tecnologia può fornire la soluzione per la realizzazione di sensori ambientali che in definitiva non avrebbero alcun impatto sull'ambiente poiché scomparirebbero completamente e la creazione di prodotti di elettronica di consumo ecologici, riducendo il quantitativo di rifiuti elettronici (e-waste).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il pennarello per disegnare circuiti elettrici funzionanti
Movimento 5 Stelle, chip sottopelle, risate a crepapelle
La lente a contatto con display LCD
50 esami con una goccia di sangue grazie a V-Chip
Il cerotto per pelli sensibili: non fa male quando si toglie
Il tricorder per diagnosticare le malattie
Il corpo umano come batteria? Yes we can
Biostampante 3D per la cartilagine del ginocchio
Nanopompa per insulina indossabile, la comanda lo smartphone
Tumore da telefonino, per la Cassazione il legame c'è
La riabilitazione motoria si fa col Kinect di Microsoft
Il trapano per cranio che non perfora anche il cervello
L'iniezione di ossigeno che salva la vita
Un vaccino definitivo per la dipendenza da nicotina
Parkinson, per individuarlo basta una telefonata
Dardo gli attraversa il cervello, lui sta bene
Esami del sangue, risultati immediati
La siringa senz'ago non fa male
Il braccio robot controllato dal pensiero

Commenti all'articolo (5)

@Alex: E' vero quello che scrivi anche se un componente passivo non puo' funzionare quando non e' telealimentato (forse bisognerebbe dire "radioalimentato"). Nello specifico l'RFID puo' essere letto ed in alcuni casi scritto ma solo con un dispositivo esterno. Ma il suo stato non potrebbe cambiare lontano dall'antenna che lo... Leggi tutto
21-1-2013 12:24

{Alex}
Se sono RFID passivi non hanno bisogno di batteria: elaborano e ritrasmettono segnali solo quando un'antenna esterna induce una corrente nei loro circuiti. Buona innovazione, non c'è che dire...
20-1-2013 21:51

@Cesco67 Cavoli non ci avevo pensato! :shock: Spero che non sia che ogni tanto devi infilare le dita nella 220Volt. :lol: Ciao
20-1-2013 20:21

Mi chiedevo come questi dispositivi si alimentano, perche' non credo che anche le batterie possano essere "assorbite" dall'organismo. Forse per induzione da una fonte esterna?
20-1-2013 18:37

Ma aumenta la defecazione!!! Da qualche parte devono uscire! :lol: :lol: :lol: Ciao Leggi tutto
20-1-2013 12:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre più attacchi automatizzati verso i server anziché verso gli individui.
Gli attacchi sono più globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore è sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre più veloci.
I tentativi di transazioni sono più estesi e più elevati.
Gli attacchi sono più difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1498 voti)
Gennaio 2020
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Tutti gli Arretrati


web metrics