Inizia la crociata contro il nuovo Mega

La nuova creatura di Kim Dotcom è già nel mirino: dietro una facciata di legalità, nasconderebbe un vasto giro di materiale illegale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-01-2013]

mega stopfilelocker

Megaupload è tornato: certo, adesso si chiama Mega, si basa su un'infrastruttura tutta nuova e nutre la massima attenzione verso la sicurezza dei dati degli utenti, facendo largo uso della crittografia, ma è pur sempre la creatura di Kim Dotcom.

D'altra parte, non si può negare che rispetto al predecessore Mega sia partito con un'immagine più "pulita", presentandosi per certi versi quale un cyberlocker come ce ne sono tanti altri, e perfettamente legali, da Dropbox in giù.

Eppure ha già attirato l'attenzione di chi lo vorrebbe vedere chiuso. Stiamo parlando di Robert King, l'uomo dietro StopFileLockers, il produttore di materiale per adulti che ha giurato di voler ridurre allo stremo tutti i cyberlocker.

Nella fattispecie, significa eliminare gli introiti cercando le prove della presenza di materiale illegale all'interno dei servizi presi di mira e segnalando la cosa ai vari sistemi di pagamento, come per esempio PayPal: se ci sono dei file non in regola, le condizioni d'uso sono automaticamente violate e PayPal - o chi per esso - blocca l'account.

Per intervenire su Mega, le cose sono un po' più complicate. Innanzitutto non è Mega stesso a gestire i pagamenti, ma sono dei rivenditori autorizzati a occuparsene, ed è su questi ultimi che si stanno concentrando le attenzioni di StopFileLockers.

Sondaggio
Secondo te l'upload di file nei Gruppi di Facebook potrebbe incoraggiare la pirateria?
Sì - 41.0%
No - 41.3%
Non lo so - 17.6%
  Voti totali: 658
 
Leggi i commenti (3)

King parte da un presupposto molto semplice: Mega sarebbe un servizio che, dietro una facciata di legalità, nasconde un vasto scambio di materiale illegale.

A riprova di questo fatto cita la mancanza di un sistema di sorveglianza attiva che impedisca agli utenti di caricare materiale pericoloso o coperto da copyright, per esempio facendo il controllo dell'hash MD5. Inoltre, la presenza della crittografia impedisce che tale controllo venga fatto a posteriori.

«Dato che il sito manca di tutte queste caratteristiche relative alla sicurezza, crediamo che Mega non sia diverso dagli altri file locker che si sono trovati con gli account relativi ai sistemi di pagamento cancellati o sospesi» ha spiegato King.

«Abbiamo già individuato un numero significativo di materiale illegale e che viola il copyright» aggiunge King. «Ci sono già siti che condividono link a centinaia di titoli su Mega che violano il copyright». Quanto alle prove di quanto affermato, il cacciatore di file locker ha detto che le fornirà in seguito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Nove trucchi per usare al meglio Dropbox
Come funziona MEGA
Pressioni su PayPal per boicottare i torrent tracker
A gennaio Mega, Megabox più avanti
Mega trova casa in Nuova Zelanda
RapidShare riaccelera
Cyberlocker, tre mesi di passione
RapidShare attacca i siti di link
RIAA: il peer to peer incide poco sulla pirateria
La strategia IFPI in una roadmap riservata
Il più grande database di link pirata? Lo sta costruendo Google
OneDDL rinuncia al warez e chiude
DepositFiles, accordo multimilionario
Thunderbird, arriva il supporto ai cyberlocker
MegaUpload, utente chiede al tribunale i suoi file
Problemi di hosting per RapidGator
Zshare scompare dal web
Il futuro del P2P: anonimo, decentralizzato e senza censura
MPAA E RIAA partoriscono il Center for Copyright Information
Dopo Megaupload ecco gli altri siti da far fuori
Cyberlocker, chi sale e chi scende
Un ibrido tra torrent e cyberlocker
Pizzicato releaser italiano di telefilm
Cyberlocker, mini-censimento
Come RapidShare ha conquistato la fiducia di RIAA e MPAA
Megaupload, effetto valanga e implicazioni per il cloud

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

E ti sembra tanto diverso da quelli che circolano per i governi? :lol: Leggi tutto
18-2-2013 23:02

@Danielix Cerano su un punto del sito del vecchio Mega. Ora non li trovo più. :shock: Ciao
24-1-2013 03:59

Ah beh, malinteso fu. Credevo che parlassi di tool specifici per Mega (tipo il software Dropbox per Dropbox, per intenderci), è per questo che ero sorpreso ;) Leggi tutto
23-1-2013 21:00

Anch'io i primi giorni non riuscivo nemmeno ad aprire il sito. Ora sembra che vada (circa 55 KB/s, non male per la mia linea). Quel che fa ridere è che parla di illegalità un produttore di film porno: puoi capire che stinco di santo. E non parlo del genere in sé, ma di tutto quel che certamente girerà attorno alla sua attività. ... Leggi tutto
23-1-2013 17:33

@Danielix Du- dunque... non è proprio OT in quanto se questo picio non avesse l'appoggio dei governi non potrebbe fare nulla ma sfrutta l'intolleranza verso certe forme di comunicazione che urtano soprattutto i militari. Comunque il discorso è più complesso e qui finiremmo in OT. Per quanto riguarda le mie ditina sono d'oro e le... Leggi tutto
23-1-2013 10:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino è generalmente personale, spesso il tablet è condiviso in casa. E' così?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1796 voti)
Ottobre 2020
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Tutti gli Arretrati


web metrics