Troppi video-tweet porno, Vine vietato ai minori

L'app per pubblicare mini-video pullula di filmati osé.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-02-2013]

vine porno tweet

È, in un certo senso, la controparte ideale di Twitter: laddove la piattaforma di microblogging permette di pubblicare brevissimi messaggi, Vine permette di pubblicare brevissimi video (al massimo sei secondi).

Il servizio - promosso proprio da Twitter - ha debuttato circa una settimana fa sotto forma di applicazione per iOS, e in pochissimo tempo ha ottenuto un'attezione mondiale dovuta, però, a motivi diversi da quelli che i suoi ideatori si aspettavano: la presenza di molte clip pornografiche.

Nella versione originale, infatti, Vine permetteva di caricare ogni video e di condividerlo automaticamente su Facebook e Twitter senza alcun controllo ulteriore: così la piattaforma si è subito riempita di filmati osé.

La mancanza di ogni filtro e l'impossibilità di etichettare i propri contenuti come "per adulti" ha reso facilissimo il reperimento di filmati porno tramite chiavi di ricerca ovvie.

Nel frattempo, Apple minacciava di levare Vine dall'App Store se i proprietari non fossero corsi ai ripari, e così è nata la versione 1.0.5.

Sondaggio
A partire da quale etā č utile un telefono cellulare?
Prima degli 8 anni
Da 8 a 10 anni
Da 10 a 12 anni
Da 12 a 14 anni
Da 14 a 16 anni
Da 16 a 18 anni
Dopo i 18 anni

Mostra i risultati (3338 voti)
Leggi i commenti (15)

Rispetto alla versione originale, ora c'è un avvertimento che informa gli utenti della necessità di avere 17 anni per poter scaricare l'app (non che ciò possa fermare i minori, dato che non c'è alcun modo di verificare l'età dell'utente) perché può essere presente materiale per adulti.

Inoltre è spuntata un'opzione che permette di segnalare contenuti e profili ritenuti offensivi, e si può persino bloccare un utente., a motivi diversi da quelli che i suoi ideatori si aspettavano: la presenza di molte clip pornografiche.

Nella versione originale, infatti, Vine permetteva di caricare ogni video e di condividerlo automaticamente su Facebook e Twitter senza alcun controllo ulteriore: cos

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Instagram, microfilmati per fare concorrenza a Vine
Google Glass, arrivano le app porno
LinkedIn bandisce escort e prostitute
Cisco: ne uccide più la pubblicità che il porno
Porno scanner, via dagli aeroporti
Scarica cartoni animati per l'asilo ma era un porno
Operatore di nodo TOR accusato di pedoporno
Internet, sempre più teenager tengono i genitori all'oscuro
Ragazza violentata, filmata e ricattata: due arresti a Crema
E la beneficenza incontrò la pornografia
Niente copyright sul porno
Bug di Facebook, foto private accessibili con un trucco
Se Facebook si trasforma in un sito porno
Film porno sugli aerei? No, trovata pubblicitaria
C'è meno porno sul web
Inizia l'era dei domini XXX
Alla berlina su Facebook gli utenti di un sito a luci rosse
Parlamentare beccato a guardare porno in Parlamento
Penthouse, la prima TV porno tutta in 3D
Per uno scherzo su YouTube rischia 20 anni di carcere
Adescava ragazzine su Facebook e le ricattava
Rubava foto di nudo violando gli account Facebook
Gli ISP europei contro i filtri sulla pedopornografia

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Del resto dicono (in realtā non vero) ancora che č stata fondata dai Padri Pellegrini... Ma non dicono che questi ultimi erano stati cacciati per i fatti sanguinari e altro (vedi bigottismo) dall'Inghilterra... :twisted: Ciao
11-2-2013 02:45

Ricordiamoci che negli USA un pō di in-sano bigottismo č sempre d'obbligo.
10-2-2013 19:48

Mi fa ridere :rolling: questo bigottismo che circola in rete! :malol: :malol:
9-2-2013 02:22

I suoi ideatori 'non se la aspettavano' ?!. Ma vā.
8-2-2013 01:11

La Apple da una vita che fa la bigotta... :twisted: Ciao
7-2-2013 23:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitā di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitā e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1250 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics