Che mondo sarebbe senza data center?

Più tempo da dedicare a noi stessi e infiniti modi per interagire con chi amiamo: tre aspetti della nostra vita quotidiana che sono stati profondamente modificati grazie a tecnologie che si basano (anche) su queste strutture.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-03-2021]

DATA CENTER

Comprendere cos'è e come funziona un data center, per i non addetti ai lavori, è sicuramente complesso, per non dire impossibile: eppure, queste strutture atte alla conservazione e all'elaborazione dei dati, all'apparenza fredde e senz'anima, negli ultimi decenni hanno giocato, e continuano a giocare, un ruolo cruciale nello sviluppo tecnologico globale (e, di riflesso, nelle vite di tutti noi).

I primi data center come li intendiamo oggi nascono solo negli anni ‘90: in quel periodo, Internet stava conquistando rapidamente le masse e il fabbisogno di dati cresceva in modo esponenziale. In sole tre decadi, la diffusione dei data center, condizione necessaria per la rivoluzione digitale, ha impattato profondamente non solo sul business e sulle operation delle aziende di tutto il mondo, ma anche, più o meno indirettamente, sulla nostra sfera personale.

La potenza di calcolo dei data center ha infatti permesso di diminuire drasticamente i tempi necessari per compiere un'infinità di azioni e processi, regalandoci più spazio da dedicare ad attività a maggior valore aggiunto. Ma, soprattutto, ha contribuito ad abbattere le barriere e le distanze tra noi e le persone che amiamo, permettendoci di comunicare istantaneamente con chiunque, in qualsiasi parte del mondo, con un semplice clic: come avremmo affrontato, altrimenti, questo periodo di forzato isolamento sociale?

Con questa consapevolezza, ecco tre degli innumerevoli aspetti della nostra quotidianità che sono stati stravolti grazie a tecnologie che si basano (anche) sull'utilizzo dei data center.

1. La socializzazione

Il primo e più importante cambiamento è stato, appunto, nelle interazioni sociali: volenti o nolenti, soprattutto nell'ultimo anno, non abbiamo potuto fare a meno della tecnologia per interagire con chi amiamo. Trent'anni fa, se volevamo parlare con un amico e sapere cosa succedeva nella sua vita, le uniche opzioni erano incontrarlo di persona o ripiegare su costosissime telefonate (solo i più "nerd" avevano già un indirizzo e-mail).

Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni concordi maggiormente?
Il cloud computing può migliorare il contributo della funzione IT alla strategia aziendale.
Il cloud computing può aumentare la capacità di innovazione dei dipartimenti IT.
La mia azienda ha già implementato servizi cloud o progetta di farlo.
I servizi cloud sarà una componente importante per il successo della mia azienda nei prossimi 12 mesi.
Il cloud computing consente una riduzione dei costi di manutenzione dell'IT.
Il cloud computing consente una diminuzione dei costi IT e di gestione e miglioramento nell'efficienza dei processi.
Il cloud computing offre maggiori vantaggi per il business rispetto all'outsourcing tradizionale.

Mostra i risultati (628 voti)
Leggi i commenti (50)

Nel 2021, invece, quando vogliamo dialogare con le persone a cui teniamo, "spiare" i conoscenti o conoscere nuove persone, possiamo scegliere di farlo attraverso una vasta gamma di social media. La maggior parte di questi ha alle sue spalle solidi data center. Facebook, ad esempio, ne ha diversi dislocati in tutto il mondo: da quello più a nord, tra i ghiacci della Lapponia svedese, ai tropici di Singapore, passando per il deserto del New Mexico.

2. L'accesso ai servizi pubblici

Negli ultimi anni,la pubblica amministrazione ha fatto passi da gigante, in termini di digitalizzazione. Negli anni '90, per qualsiasi pratica bisognava prendere un permesso dal lavoro e recarsi fisicamente negli uffici e nelle sedi preposte. Oggi, invece, molte operazioni possono essere comodamente gestite online e il tempo risparmiato può essere dedicato ad attività più stimolanti.

Un esempio virtuoso è l'INPS, la prima amministrazione pubblica italiana a digitalizzare i propri processi che, per erogare servizi essenziali come bonus bebè, prestazioni pensionistiche, malattia e disoccupazione, cassa integrazione e reddito di cittadinanza, si avvale di oltre 10mila metri quadrati dedicati agli strumenti informatici, 4mila server, 900mila tabelle su database di produzione, 3.500 applicazioni, 23,2 petabyte di spazio disco, 360 milioni di righe di codice software.

3. L'allenamento

C'era una volta la palestra. Da ormai un anno, invece, per effetto della pandemia, abbiamo dovuto rinunciare a qualsiasi forma di allenamento di gruppo. L'attività motoria in solitaria è sempre possibile, anche fuori casa, ma l'uomo è un'animale sociale e può sentire il bisogno di interfacciarsi con i suoi simili anche quando pratica sport.

Per questo, molti istruttori hanno continuato a seguire i propri allievi attraverso classi speciali organizzate grazie a piattaforme di videoconferenza e streaming. Se, si spera, torneremo prima o poi ad allenarci tutti insieme, non si esclude che, negli anni a venire, gli strumenti tecnologici che ci hanno accompagnato in questi mesi continueranno ad avere un ruolo rilevante anche in futuro. La più utilizzata, anche in questo settore, è Zoom, che non potrebbe offrire i propri servizi senza una rete capillare di data center sparsi per il mondo.

"I data center sono oggi uno strumento essenziale per fare business, in qualsiasi settore. Una necessita acuita dalla pandemia e dal ricorso di massa allo smart working, che non può prescindere dall'appoggiarsi su un sistema di server solido e sicuro. Ma è sorprendente notare l'impatto indiretto che queste strutture hanno avuto anche nei diversi aspetti della nostra vita extra-lavorativa" commenta a Zeus News Stefania Prando, Business Development Manager di Kingston Technology. "Insomma, il mondo oggi non può fare a meno dei data center, e continuerà ad averne ancora più bisogno in futuro, con i nuovi scenari che si apriranno grazie a 5G ed edge computing, ad esempio in termini di IoT, smart city, veicoli a guida autonoma e telemedicina".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Incendio tra le nuvole? Ho il backup
Quando il cloud diventa una nuvola. Di fumo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Hard disk da 18 TB a registrazione magnetica assistita da energia
Zero Trust, l'approccio per proteggere l'Internet of Things
I datacenter sommersi di Microsoft sono meglio di quelli terrestri
Sei consigli per difendersi dal ransomware
TIM chiude il data center di Bari
Come si difende la disponibilità?
Come proteggere il cloud dagli attacchi DDoS
Microsoft, data center sui fondali degli oceani
General Motors ricicla le batterie esauste delle auto elettriche
Come cambiano gli attacchi DDoS
Sequestrati i server di The Pirate Bay
Contro Obama la Germania crittografa l'email
KPNQuest apre i datacenter con una visita guidata
L'FBI sequestra un intero data center
Crucial, memorie sottili per ridurre il consumo dei server
Aruba, il giorno dopo
Greenpeace vuole un Facebook più verde con 50.000 commenti
Affidabilità e sicurezza del cloud computing, come valutarle
HP inventa il data center alimentato a mucche
Fare ricerche con Google inquina
Come NON si migra un data center

Commenti all'articolo (1)

In effetti penso che anche nel futuro molto di ciò che è stato utilizzato per connettere le persone e consentirgli di lavorare durante la pandemia rimarrà. Solo per fare un esempio, nella mia azienda, si ritiene che viaggi di lavoro e fiere saranno comunque drammaticamente ridotti e sostituiti da call e/o eventi on line anche dopo il... Leggi tutto
28-3-2021 15:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Settembre 2021
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 settembre


web metrics