Deepin Linux introduce il riconoscimento facciale. C'è da fidarsi?

Il fatto che questa distribuzione sia sviluppata in Cina insospettisce i potenziali utenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-04-2022]

deepin linux riconoscimento facciale

Tra le distribuzioni Linux, Deepin occupa un posto speciale: generalmente apprezzata in particolare per il suo caratteristico ambiente desktop (il Deepin Desktop Environment) in più di un utente genera qualche sospetto a causa della sua origine cinese.

Sebbene questa derivata di Debian sia dichiaratamente composta da software open source, infatti, un conto è la possibilità di accedere al codice sorgente per esaminarlo e un altro essere certi che qualche esperto indipendente l'abbia fatto.

Tale paranoia probabilmente giustificata dal fatto che il governo cinese non è particolarmente in alto nella lista dei governi che rispettano le libertà personali, mentre primeggia tra quelli che raccolgono dati sui propri cittadini e che potrebbero farlo anche per gli utenti dei prodotti nati in Cina.

Per questi motivi da un lato risulta interessante e dall'altro un po' preoccupante l'annuncio dell'introduzione, in Deepin 20.5, di una nuova funzionalità: l'accesso tramite riconoscimento facciale.

L'idea è di fornire un sistema di accesso del tutto analogo a quello visto all'opera nei sistemi prodotti da Microsoft e che va sotto il nome di Windows Hello. In altre parole, se si possiede una webcam, per accedere al proprio account utente non serve inserire la password: basta mostrare il volto.

Perché il computer possa riconoscere detto volto è ovviamente necessario che abbia qualcosa con cui confrontarlo: difatti, durante la procedura di impostazione dell'account, è necessario fornire un'immagine del proprio viso che viene archiviata all'interno di Deepin e, si spera, non viene condivisa con nessun altro.

Tale dubbio è dettato non solo dalle generali preoccupazioni di cui parlavamo all'inizio, ma anche dal fatto che nel 2018 lo YouTube QuidsUp aveva deciso di analizzare il codice sorgente della distribuzione per verificare che non contenesse codice sospetto, scoprendo che in realtà Deepin condivide alcune informazioni con il tracker cinese CNZZ, un servizio cinese di analisi statistiche che potremmo paragonare a Google Analytics.

Le comunicazioni avvenivano tramite il Deepin Store, il software che gestisce l'installazione delle applicazioni, ma accadevano anche quando il Deepin Store non era in uso; più importante ancora, forse, era il fatto che l'utente non riceveva mai alcuna notifica circa quanto stava avvenendo.

Allora, gli sviluppatori di Deepin avevano risposto dicendo che il Deepin Store era sostanzialmente un sito web e non un'applicazione locale che da Internet scaricava soltanto i software aggiuntivi, e che le comunicazioni di cui lo YouTuber aveva trovato traccia erano dovute a questa sua natura, ma QuidsUp aveva comunque concluso che Deepin poteva essere catalogata come spyware.

Negli anni seguenti, le cose si sono evolute ulteriormente e dal 2020 Deepin è sviluppata da Union Tech, un'azienda controllata dallo Stato.

Da quando Union Tech si occupa di Deepin, chi installa la distribuzione si trova ad accettare una EULA in cui si afferma esplicitamente che certi dati (tutte informazioni tecniche riguardanti il PC su cui è installato il sistema operativo) vengono effettivamente raccolti e comunicati agli sviluppatori.

Al momento in cui scriviamo non si fa menzione dei dati relativi al riconoscimento facciale, né per affermare né per negare la condivisione dei dati con chicchessia; né, per ora, Deepin ha rilasciato comunicazioni che rassicurino quanti siano preoccupati della privacy.

In mancanza di informazioni precise, la decisione di fidarsi o meno di Deepin e del suo sistema di riconoscimento facciale ricade soltanto sull'utente, il quale a sua volta può confidare nel fatto che, trattandosi di software libero, qualcuno sia in grado di rilevare eventuali componenti pericolosi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il riconoscimento facciale arriva anche per le galline
Totem nelle stazioni ferroviarie: no all'occhio occulto della pubblicità
Lo smartphone che identifica il proprietario dal sudore
Così l'iPhone può scattare foto all'insaputa dell'utente
iPhoneX: una buona occasione per parlare di riconoscimento facciale
iPhone 8, riconoscimento facciale a infrarossi

Commenti all'articolo (2)

In generale non mi fido di qualsiasi tipo di riconoscimento facciale, men che meno se controllato da un'azienda cinese a controllo statale.
10-4-2022 10:46

Giā dato, grazie.
5-4-2022 16:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual č il tuo approccio con la tecnologia?
La ostacolo con tutte le mie forze: porta solo guai, inquinamento, distruzione e guerra. Il mio stile di vita ideale e' quello degli Amish della Pennsylvania.
Sono poco interessato, uso le macchine al minimo indispensabile, e solo per l'utilizzo pratico. Per esempio, uso il telefono per comunicare, l'auto per muovermi sulle lunghe distanze e il computer per fare strani calcoli elaborati.
La tecnologia non e' buona o cattiva, essa si limita a fornirci degli strumenti piu' potenti. Se vengono usati a fin di bene o male, il merito o la colpa sono solo nostri.
Amo circondarmi di macchinette che fanno cose fino a ieri impensabili. Essere aggiornato e' per me un sottile godimento, per certi versi una piacevole dipendenza.

Mostra i risultati (4104 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics