Woz critica il film su Jobs: storicamente inaccurato

Per il cofondatore di Apple le personalità sono completamente sbagliate: Steve Jobs non era l'idealista che appare nel film.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-01-2013]

steve wozniak

La prima clip pubblica di jOBS, il film sulla vita di Steve Jobs che uscirà il prossimo 19 aprile con Ashton Kutcher nel ruolo del protagonista, non ha soddisfatto Steve Wozniak, cofondatore di Apple.

Dopo aver visto il breve spezzone (circa un minuto), The Woz ha affermato in un commento su Gizmodo che quanto è mostrato in quel filmato non è mai successo: «non abbiamo mai avuto quell'interazione e quei ruoli... le personalità sono completamente sbagliate, anche se la mia è quella più simile».

In una email, poi, Wozniak ha ulteriormente elaborato la propria posizione: «È completamente sbagliato. Le personalità e la concezione secondo cui le idee sui computer influiscono sulla società non venivano da Jobs. Ispiravano me e se ne parlava ampiamente all'Homebrew Computer Club. Steva tornò dall'Oregon, venne a un incontro del club e non iniziò a parlare di questo grande impatto sociale. La sua idea era di fare schede per PC da 20 dollari e venderle a 40 dollari per aiutare la gente del club a costruire il computer che io avevo ideato».

Lo Steve Jobs ricordato da Wozniak è uno in grado di cogliere al volo l'opportunità di guadagnare qualche dollaro: «I discorsi nobili arriveranno molto dopo». A questo punto della storia, nella realtà sarebbe Wozniak quello interessato a creare un computer economico per facilitarne la diffusione, senza alcun interesse per un ritorno economico, mentre Jobs sarebbe quello che interessato a cercare un profitto.

Anche il modo di vestire e mostrare i due personaggi sarebbe sbagliato: «Non sono mai sembrato un professionista. Eravamo entrambi dei ragazzini. La nostra relazione era molto diversa da come viene rappresentata».

Sondaggio
Se ti fosse data l'occasione di andare a cena con uno di questi personaggi, chi sceglieresti?
Steve Jobs, fondatore di Apple
Bill Gates, fondatore di Microsoft
Richard Stallman, fondatore della Free Software Foundation e del movimento del software libero
Sergey Brin o Larry Page, fondatori di Google
Tim Berners Lee, ideatore del world wide web
Vorrei suggerire un altro nome (nei commenti qui sotto)

Mostra i risultati (3851 voti)
Leggi i commenti (30)

Dopo le critiche, The Woz cerca di circoscrivere un po' il raggio d'azione delle proprie parole, affermando che non si può giudicare un intero film a partire da un'unica clip di un minuto e che, anche se quella scena non è mai avvenuta nella realtà, è ancora possibile che il film nel suo complesso comunichi il significato corretto. Eppure, d'altra parte, certamente non sarà storicamente accurato.

Qui sotto, lo spezzone di cui parla Steve Wozniak.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La fondazione di Apple frutta 1,6 milioni di dollari
Apple, inizia l'era del dopo-Jobs
Steve Jobs, l'intervista perduta diventa un film
L'auto senza targa di Steve Jobs
Le ultime parole di Steve Jobs
Stallman ancora contro Steve Jobs
La vita di Steve Jobs in un'animazione divertente
Steve Jobs, la biografia è già in ristampa
Tutti in coda per la biografia di Steve Jobs
Jobs rifiutò l'operazione che avrebbe potuto salvarlo
Steve Jobs, un tributo vasto 27.000 metri quadrati
Discorso di Steve Jobs ai neolaureati di Stanford
Steve Jobs è morto

Commenti all'articolo (4)

Quoto Kenshir.
19-2-2013 19:12

Il film puo' essere come ti pare, ma trovo gia' questo minuto molto offensivo per Woz. La contrapposizione tra il Jobs idealista e cool e il Wozniak sfigato e poco sveglio e' ovviamente molto piu' proficua per chi ha realizzato il film, di quanto lo sarebbe stata una rappresentazione della realta'. Leggi tutto
30-1-2013 04:45

{stragatto}
Siccome con Stallman manca poco se non ci sono già stato, preferirei Larry Wall, inventore del perl e personaggio ricco di idee interessanti.
29-1-2013 23:36

Francamente mi sembra molto improbabile e pretenzioso riuscire a giudicare un intero film da questo piccolissimo spezzone... :?
29-1-2013 19:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2739 voti)
Agosto 2022
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 agosto


web metrics